Vai direttamente al contenuto

I GIOVANI CHIEDONO

Cosa dovrei sapere sul multitasking?

 Sei multitasking?

Sei un tipo multitasking, cioè riesci a fare più cose allo stesso tempo? Molti pensano che quelli abituati fin da piccoli a usare la tecnologia, i cosiddetti nativi digitali, riescono a fare più cose allo stesso tempo rispetto a chi ha imparato a usare la tecnologia da adulto. Ma le cose stanno davvero così?

VERO o FALSO?

  • Essere multitasking fa risparmiare tempo.

  • Più ti eserciti più riuscirai a essere multitasking.

  • I ragazzi sono più bravi a fare più cose allo stesso tempo rispetto agli adulti.

Se per te anche solo una di queste affermazioni è vera forse ti sei lasciato ingannare dal mito del multitasking.

 Il mito del multitasking

Pensi di saper fare due cose allo stesso tempo? Forse riesci a fare due cose allo stesso tempo se una di queste non richiede molta concentrazione. Per esempio potresti riuscire a pulire la tua stanza mentre ascolti la musica.

Ma se provi a fare due cose che richiedono concentrazione è probabile che farai male entrambe. Forse è per questo che una ragazza di nome Katherine dà questa definizione di multitasking: “La capacità di fare confusione su più cose allo stesso tempo”.

“Mentre parlavo con un ragazzo ho ricevuto un messaggio e dovevo rispondere. Ho cercato di fare tutte e due le cose ma alla fine non ho sentito quasi niente di quello che mi aveva detto lui e ho sbagliato a scrivere quasi tutto il messaggio” (Caleb).

L’esperta di tecnologia Sherry Turkle scrive: “Quando pensiamo di condurre efficacemente un multitasking [...] la nostra prestazione subisce un ulteriore deterioramento ogni volta che aggiungiamo una nuova attività. Il multitasking ci dà una sferzata a livello neurochimico che ci induce a pensare di rendere il massimo mentre in realtà stiamo andando di male in peggio”.⁠ *

“A volte penso di essere in grado di scrivere un messaggio a una persona mentre parlo con qualcun altro, finché non mi rendo conto che sto scrivendo per rispondere a chi mi parla e sto parlando per rispondere a chi mi scrive” (Tamara).

Le persone che cercano di essere multitasking si complicano inutilmente la vita. Per esempio ci mettono più tempo a finire i compiti, o forse devono rifare un compito che pensavano di aver finito ma che è venuto male. Comunque stiano le cose chi è multitasking si ritrova con meno tempo libero.

Infatti lo psicoterapeuta e consulente scolastico Thomas Kersting dice: “Se si guarda al cervello come a un archivio in grado di memorizzare in modo ordinato le necessarie informazioni, i cervelli degli High multitasker risultavano un disastro”.⁠ *

“Più cose fai allo stesso tempo, più dettagli ti sfuggono. Alla fine ti ritrovi con molte più cose da fare e perdi tutto il tempo che pensavi di risparmiare” (Teresa).

Cercare di fare più cose contemporaneamente è come cercare di guidare su due strade allo stesso tempo

 Qualcosa di meglio del multitasking

  • Impara a concentrarti su una cosa alla volta. Questo potrebbe essere difficile soprattutto se sei abituato a fare più cose insieme, come per esempio studiare e messaggiare. Ma la Bibbia ci incoraggia ad “[accertarci] delle cose più importanti” (Filippesi 1:10). Non tutte le cose che dobbiamo fare hanno la stessa importanza. Quindi decidi da quale cominciare e concentrati su quella finché non hai finito.

    “Una mente che fa fatica a concentrarsi su una cosa alla volta è un po’ come un bambino, a volte devi dirgli di no anche se potrebbe sembrare più semplice assecondarlo” (Maria).

  • Elimina le distrazioni. Mentre studi sei tentato di guardare il telefono? Lascialo in un’altra stanza. Spegni la TV e per un po’ dimenticati dei social. La Bibbia ci consiglia di “[usare] al meglio il [nostro] tempo” (Colossesi 4:5).

    “Mi sono accorta che per me è molto meglio concentrarmi su una cosa alla volta. In questo modo mi dà ancora più soddisfazione cancellare una cosa dalla lista di cose da fare e passare alla successiva” (Onya).

  • Mantieni la concentrazione quando parli con qualcuno. Distrarsi col telefono mentre si parla con qualcuno non solo rovina la conversazione ma è anche maleducazione. La Bibbia ci incoraggia a trattare gli altri come vogliamo essere trattati noi (Matteo 7:12).

    “A volte quando parlo con mia sorella lei messaggia qualcuno oppure fa qualcos’altro con il telefono. Mi dà un fastidio tremendo! Ma a essere sincero a volte faccio la stessa cosa anch’io” (David).

^ par. 10 Dal libro La conversazione necessaria: la forza del dialogo nell’era digitale, trad. di L. Giacone, Giulio Einaudi editore, 2016, p. 249.

^ par. 13 Dal libro Disconnessi: come riconnettere i nostri figli digitalmente distratti, trad. di A. Tozzi, Piano B edizioni, 2019, p. 57.