Vai direttamente al contenuto

Chi erano i nefilim?

La risposta della Bibbia

I nefilim erano dei giganti, una violenta progenie sovrumana che ebbe origine ai giorni di Noè, quando angeli malvagi si unirono a delle donne. *

Il racconto biblico dice che “i figli del vero Dio notarono che quelle donne erano molto belle” (Genesi 6:2). Questi ‘figli di Dio’ erano creature spirituali che si ribellarono a lui quando “abbandonarono la loro dimora” in cielo, si materializzarono assumendo corpi umani e “presero in moglie tutte [le donne] che vollero” (Giuda 6; Genesi 6:2).

I nefilim, gli esseri ibridi che nacquero da quella unione innaturale, erano diversi da tutti gli altri uomini (Genesi 6:4). Erano giganti prepotenti e arroganti che riempirono la terra di violenza (Genesi 6:13). La Bibbia li descrive come “i potenti dell’antichità, gli uomini famosi” (Genesi 6:4). Si lasciarono dietro uno strascico di violenza e terrore (Genesi 6:5; Numeri 13:33). *

Idee errate sui nefilim

Idea errata: Sulla terra ci sono ancora i nefilim.

Realtà dei fatti: Geova portò un diluvio universale che distrusse il mondo violento di quel tempo. I nefilim furono eliminati insieme a tutte le persone malvagie. Noè e la sua famiglia, invece, ebbero l’approvazione di Geova e furono gli unici a essere salvati (Genesi 6:9; 7:12, 13, 23; 2 Pietro 2:5).

Idea errata: I nefilim furono generati da esseri umani.

Realtà dei fatti: I loro padri sono chiamati “figli del vero Dio” (Genesi 6:2). La Bibbia usa questa espressione per definire gli angeli (Giobbe 1:6; 2:1; 38:7). Gli angeli avevano il potere di materializzarsi e assumere forma umana (Genesi 19:1-5; Giosuè 5:13-15). L’apostolo Pietro parlò di “spiriti in prigione, che erano stati disubbidienti quando Dio aspettava con pazienza ai giorni di Noè” (1 Pietro 3:19, 20). Riferendosi alle stesse circostanze, il libro biblico di Giuda spiega che alcuni angeli “non mantennero la loro posizione originale, ma abbandonarono la loro dimora” (Giuda 6).

Idea errata: I nefilim erano angeli caduti.

Realtà dei fatti: Il contesto di Genesi 6:4 indica che i nefilim non erano angeli, ma esseri ibridi nati dall’unione di angeli materializzati e donne. Dopo che quegli angeli “presero in moglie tutte [le donne] che vollero”, Geova disse che da lì a 120 anni avrebbe agito contro il mondo empio di allora (Genesi 6:1-3). Il racconto aggiunge che “in quei giorni” gli angeli materializzati “avevano rapporti sessuali con le figlie degli uomini” ed ebbero dei figli, “i potenti dell’antichità”, cioè i nefilim (Genesi 6:4).

^ par. 1 Il termine ebraico traslitterato nefilìm forse significa “gli abbattitori”. Secondo un’opera di consultazione, questa parola si riferisce a quelli che “si abbatterono sugli uomini con violenze e rapine [saccheggi], facendoli cadere” (Wilson’s Old Testament Word Studies).

^ par. 3 Evidentemente gli esploratori israeliti di cui si parla in Numeri 13:33 videro uomini la cui statura ricordò loro i nefilim, che ormai erano morti da secoli (Genesi 7:21-23).