Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Lo sapevate?

Lo sapevate?

 Lo sapevate?

Perché è degno di nota che l’apostolo Pietro abbia alloggiato da un conciatore prima di essere mandato da Cornelio?

▪ Il racconto di Atti riferisce che Pietro stette “per parecchi giorni . . . a Ioppe con un certo Simone conciatore”, che aveva “la casa presso il mare”. (Atti 9:43; 10:6) Il mestiere di conciatore era considerato impuro e umiliante dagli ebrei. Il Talmud collocava i conciatori su un gradino inferiore rispetto ai raccoglitori di sterco. Facendo questo lavoro Simone toccava regolarmente animali morti, cosa che lo rendeva di continuo cerimonialmente impuro. (Levitico 5:2; 11:39) Stando a varie fonti, è probabile che per il suo lavoro Simone usasse acqua di mare, e che la sua bottega fosse situata alla periferia della città visto che la concia era “un’attività maleodorante”.

Nonostante ciò, Pietro evidentemente non si fece problemi ad alloggiare da Simone. Questo indicherebbe che aveva imparato a respingere i diffusi pregiudizi giudaici verso le persone considerate impure, proprio come li aveva respinti Gesù prima di lui. — Matteo 9:11; Luca 7:36-50.

Qual è il significato delle parole di Gesù: “Tu stesso lo hai detto”?

▪ Quando il sommo sacerdote ebreo Caiafa gli ingiunse di dichiarare apertamente se era il Cristo, il Figlio di Dio, Gesù rispose: “Tu stesso lo hai detto”. (Matteo 26:63, 64) Cosa voleva dire?

Gesù non stava cercando di eludere la domanda di Caiafa. Sembra che l’espressione “tu stesso lo hai detto” fosse una comune forma idiomatica ebraica per sostenere la veridicità di un’affermazione. Ad esempio il Talmud gerosolimitano, un’opera religiosa giudaica redatta nel IV secolo E.V., riporta il caso di un ebreo che, interrogato per sapere se un rabbi era morto, rispose: “Lo hai detto”. Queste parole vennero intese come una conferma che il rabbi era effettivamente morto.

Rispondendo, Gesù riconobbe l’autorità del sommo sacerdote di porlo sotto giuramento affinché dichiarasse i fatti. D’altra parte, se fosse rimasto in silenzio, gli astanti avrebbero potuto pensare che stesse negando di essere il Cristo. Quindi l’espressione “tu stesso lo hai detto” era una risposta affermativa. Nel racconto parallelo di Marco, all’esplicito comando di Caiafa di rivelare se era il Messia, Gesù rispose coraggiosamente: “Lo sono”. — Marco 14:62; vedi anche Matteo 26:25 e Marco 15:2.

[Immagine a pagina 18]

Conceria a Fez, Marocco