Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Marco 2:1-28

2  Comunque, alcuni giorni dopo entrò di nuovo a Capernaum e si seppe che era a casa.+  Quindi molti si radunarono, tanto che non c’era più posto, nemmeno presso la porta, ed egli dichiarava loro la parola.+  E vennero degli uomini portandogli un paralitico, trasportato da quattro.+  Ma non potendolo portare direttamente da [Gesù]* a causa della folla, tolsero il tetto al di sopra di dove egli era, e praticata un’apertura calarono la branda sulla quale giaceva il paralitico.+  E quando Gesù vide la loro fede+ disse al paralitico: “Figlio, i tuoi peccati ti sono perdonati”.+  Ora erano là seduti degli scribi, che ragionavano nei loro cuori:+  “Perché costui parla in questa maniera? Egli bestemmia. Chi può perdonare i peccati se non uno solo, Dio?”+  Ma Gesù, avendo immediatamente compreso mediante il suo spirito che così ragionavano fra sé, disse loro: “Perché ragionate di queste cose nei vostri cuori?+  Che cosa è più facile, dire al paralitico: ‘I tuoi peccati ti sono perdonati’, o dire: ‘Alzati e prendi la tua branda e cammina’?+ 10  Ma affinché sappiate che il Figlio dell’uomo+ ha autorità di perdonare i peccati sulla terra . . .”,+ disse al paralitico: 11  “Io ti dico: Alzati, prendi la tua branda e vattene a casa tua”.+ 12  Allora egli si alzò, e immediatamente prese la sua branda e uscì davanti a tutti,+ così che tutti erano semplicemente stupefatti, e glorificavano Dio, dicendo: “Non abbiamo mai visto nulla di simile”.+ 13  Di nuovo uscì lungo il mare; e tutta la folla veniva da lui, ed egli insegnava loro. 14  E passando, scorse Levi,+ il [figlio] di Alfeo, seduto nell’ufficio delle tasse, e gli disse: “Sii mio seguace”. Ed egli, alzatosi, lo seguì.+ 15  Avvenne poi che egli giaceva a tavola nella sua casa, e molti esattori di tasse+ e peccatori giacevano con Gesù e con i suoi discepoli, poiché ce n’erano molti e lo seguivano.+ 16  Ma quando gli scribi dei farisei videro che mangiava con i peccatori e con gli esattori di tasse, dicevano ai suoi discepoli: “Mangia egli con gli esattori di tasse e con i peccatori?”+ 17  Udito ciò, Gesù disse loro: “I forti non hanno bisogno del medico, ma quelli che stanno male sì. Io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori”.+ 18  Ora i discepoli di Giovanni e i farisei praticavano il digiuno. Quindi essi vennero e gli dissero: “Perché i discepoli di Giovanni e i discepoli dei farisei praticano il digiuno, ma i tuoi discepoli non praticano il digiuno?”+ 19  E Gesù disse loro: “Mentre lo sposo è con loro gli amici dello sposo* non possono digiunare,+ vi pare? Finché hanno con loro lo sposo non possono digiunare.+ 20  Ma verranno i giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora, in quel giorno, digiuneranno.+ 21  Nessuno cuce una toppa di panno non contratto su un mantello vecchio; se no, tutta la sua forza tira da esso, il nuovo dal vecchio, e lo strappo diviene peggiore.+ 22  E nessuno mette vino nuovo in otri vecchi; se no, il vino rompe gli otri, e si perdono sia il vino che gli otri.+ Ma si mette il vino nuovo in otri nuovi”.+ 23  Ora accadde che di sabato egli attraversava i campi di grano, e i suoi discepoli cominciarono a camminare cogliendo+ le spighe.+ 24  E i farisei gli dicevano: “Vedi, perché fanno di sabato ciò che non è lecito?”+ 25  Ma egli disse loro: “Non avete mai letto ciò che fece Davide+ quando fu nel bisogno ed ebbe fame, lui e gli uomini che erano con lui?+ 26  Come entrò nella casa di Dio, secondo il racconto relativo ad Abiatar,+ capo sacerdote,* e mangiò i pani di presentazione,+ che non è lecito+ mangiare se non ai sacerdoti, e ne diede anche agli uomini che erano con lui?”+ 27  E proseguì, dicendo loro: “Il sabato venne all’esistenza a causa dell’uomo,+ e non l’uomo a causa del sabato;+ 28  quindi il Figlio dell’uomo è Signore anche del sabato”.+

Note in calce

Lett. “lui”.
Lett. “i figli della camera nuziale”.
“Secondo il racconto relativo ad Abiatar, capo sacerdote”: lett. “su Abiatar capo sacerdote”. DWItmss.Sys, Mt 12:4 e Lu 6:4 omettono. Cfr. una costruzione simile in Mr 12:26; Lu 20:37.