Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Efesini 1:1-23

1  Paolo, apostolo+ di Cristo Gesù per volontà di Dio,+ ai santi che sono [a Efeso]* e ai fedeli+ uniti+ a Cristo Gesù:  Abbiate immeritata benignità+ e pace+ da Dio nostro Padre e dal Signore Gesù Cristo.  Benedetto sia l’Iddio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo,+ poiché ci ha benedetti+ con ogni benedizione spirituale nei luoghi celesti+ unitamente a Cristo,  così come ci elesse+ unitamente a lui prima della fondazione*+ del mondo, affinché fossimo santi e senza macchia+ dinanzi a lui nell’amore.+  Poiché egli ci preordinò*+ all’adozione+ a sé come figli+ mediante Gesù Cristo, secondo il beneplacito della sua volontà,+  alla lode+ della sua gloriosa immeritata benignità+ che benignamente ci conferì mediante il [suo] amato.+  Per mezzo di lui abbiamo la liberazione per riscatto mediante il suo sangue,+ sì, il perdono+ dei [nostri] falli, secondo la ricchezza della sua immeritata benignità.+  Questa egli fece abbondare verso di noi in ogni sapienza+ e buon senso,  in quanto* ci fece conoscere il sacro segreto+ della sua volontà. Esso è secondo il suo beneplacito, che egli si propose in se stesso+ 10  per un’amministrazione*+ al pieno limite dei tempi fissati,+ cioè radunare+ di nuovo* tutte le cose nel Cristo,+ le cose nei cieli+ e le cose sulla terra.+ [Sì,] in lui, 11  uniti al quale fummo anche designati come eredi,+ in quanto fummo preordinati secondo il proposito di colui che opera tutte le cose secondo il modo che la sua volontà consiglia,+ 12  affinché servissimo alla lode della sua gloria,+ noi che siamo stati i primi a sperare* nel Cristo.+ 13  Ma anche voi avete sperato in lui dopo avere udito la parola della verità,+ la buona notizia della vostra salvezza.+ E per mezzo di lui, dopo aver creduto,* siete stati suggellati+ col promesso spirito santo,+ 14  che* è una caparra*+ della nostra eredità,+ allo scopo di liberare mediante riscatto+ il possedimento [di Dio],+ alla sua gloriosa lode. 15  Per questo anch’io, avendo udito della fede che avete nel Signore Gesù e verso tutti i santi,+ 16  non cesso di rendere grazie per voi. Continuo a menzionarvi nelle mie preghiere,+ 17  affinché l’Iddio del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza+ e di rivelazione* nell’accurata conoscenza di lui;+ 18  essendo stati illuminati gli occhi+ del vostro cuore,+ affinché conosciate qual è la speranza+ alla quale egli vi ha chiamati, qual è la gloriosa ricchezza+ che egli riserva come eredità ai* santi,+ 19  e qual è la sovrabbondante grandezza della sua potenza+ verso di noi credenti. Essa è secondo l’operazione+ del potere della sua forza, 20  con la quale ha operato nel caso del Cristo, destandolo dai morti+ e facendolo sedere alla sua destra+ nei luoghi celesti,+ 21  molto al di sopra di ogni governo e autorità e potenza e signoria+ e di ogni nome che si nomina+ non solo in questo sistema di cose,*+ ma anche in quello avvenire.+ 22  Egli ha anche posto tutte le cose sotto i suoi piedi,+ e l’ha dato come capo su tutte le cose+ alla congregazione, 23  che è il suo corpo,+ la pienezza+ di colui che riempie tutte le cose in tutti.+

Note in calce

“A Efeso”, אcABcDVgSyh,p; P46א*B* omettono.
Lett. “un gettar giù [seme]”. Gr. katabolès.
O, “senza macchia dinanzi a lui. Poiché nell’amore (5) egli ci preordinò”.
“In quanto”: o, “e”.
Lett. “amministrazione della casa; gestione domestica”. Gr. oikonomìan; lat. dispensationem. Vedi nt. a Lu 12:42.
“Radunare di nuovo”: secondo il Greek-English Lexicon of the New Testament di G. H. Thayer, 4a ed. (1901), p. 39, “riunire di nuovo a sé”.
O, “noi che abbiamo sperato in anticipo”.
O, “E dopo aver creduto in lui”.
“Che”, P46AB; אDVg, “il quale”.
O, “acconto (anticipo)”. Gr. arrabòn; J18,22(ebr.), ʽeravòhn. Vedi nt. a 2Co 1:22.
Lett. “scoprimento; palesamento”. Gr. apokalỳpseos.
O, “che egli eredita nei”.
O, “ordine di cose”. Gr. aiòni; lat. saeculo; J17,18,22(ebr.), baʽohlàm hazzèh, “in questo ordine di cose”.