Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Osea 4:1-19

4  Udite la parola di Geova, o figli d’Israele, poiché Geova ha una causa con gli abitanti del paese,*+ poiché non c’è verità+ né amorevole benignità* né conoscenza di Dio nel paese.+  Ci sono la dichiarazione di maledizioni+ e la pratica d’inganno+ e assassinio+ e furto+ e il commettere adulterio+ che son dilagati, e atti di spargimento di sangue han toccato altri atti di spargimento di sangue.+  Perciò il paese farà cordoglio+ e ogni abitante in esso dovrà venir meno con la bestia selvaggia del campo e con la creatura volatile dei cieli, e perfino gli stessi pesci del mare saranno raccolti [nella morte].*+  “Comunque, nessun uomo contenda,+ né un uomo riprenda, giacché il tuo popolo è come quelli che contendono contro un sacerdote.*+  E certamente inciamperai di giorno,+ e anche il profeta deve inciampare con te, come di notte.+ E di sicuro ridurrò tua madre al silenzio.+  Il mio popolo sarà certamente ridotto al silenzio, perché non c’è conoscenza.+ Poiché la conoscenza è ciò che tu stesso hai rigettato,+ anch’io ti rigetterò dal farmi da sacerdote;+ e [poiché] continui a dimenticare la legge del tuo Dio,*+ io dimenticherò i tuoi figli, anch’io.+  In proporzione alla moltitudine d’essi, così hanno peccato contro di me.+ Hanno cambiato la mia propria gloria* in semplice disonore.+  Continuano a divorare il peccato del mio popolo, e al loro errore continuano a innalzare la loro anima.*+  “E dovrà avvenire al popolo come al sacerdote;+ e certamente chiederò loro conto delle loro vie;+ e farò ricadere su di loro le loro azioni.+ 10  Ed effettivamente mangeranno, ma non si sazieranno.+ Tratteranno realmente [le donne] come meretrici; ma non aumenteranno,+ perché hanno smesso di mostrare riguardo a Geova stesso.+ 11  La fornicazione* e il vino e il vino dolce tolgono il buon motivo.*+ 12  Il mio proprio popolo continua a interrogare il suo [idolo+ di] legno,*+ e il suo proprio bastone continua a informarlo; perché il medesimo spirito di fornicazione li ha fatti errare,+ e mediante la fornicazione escono di sotto al loro Dio.*+ 13  Essi sacrificano sulle cime dei monti,+ e fanno fumo di sacrificio sui colli,+ sotto l’albero massiccio e lo storace e il grosso albero, perché la sua ombra è buona.+ Perciò le vostre figlie commettono fornicazione e le vostre proprie nuore commettono adulterio. 14  “Non chiederò conto alle vostre figlie perché commettono fornicazione, e alle vostre nuore perché commettono adulterio. Poiché, riguardo agli [uomini], se ne vanno con le meretrici,+ e sacrificano con le prostitute del tempio;+ e un popolo [che] non comprende+ sarà calpestato. 15  Benché tu commetta fornicazione, o Israele,+ non divenga colpevole Giuda,+ e non venite a Ghilgal,+ né salite a Bet-Aven+ né giurate ‘Come Geova vive!’+ 16  Poiché, come una vacca ostinata, Israele è divenuto ostinato.+ Li pascerà ora Geova come un giovane montone in luogo spazioso? 17  Efraim è congiunto agli idoli.+ Lascialo stare!+ 18  Finita la loro birra di frumento,*+ hanno positivamente trattato [la donna] come una meretrice.+ I suoi protettori+ hanno positivamente amato il disonore.+ 19  Un vento* l’ha avvolta nelle sue ali.+ E proveranno vergogna dei loro sacrifici”.+

Note in calce

‘Il paese’: o, “la terra”. Ebr. haʼàrets.
O, “amore leale”. Ebr. chèsedh.
O, “moriranno”; o, “saranno portati via”. Vedi Isa 57:1.
Qui il M è oscuro.
“Tuo Dio”: ebr. ʼElohèikha.
“Hanno cambiato la mia propria gloria” era la lezione originale. I soferim emendarono il testo perché leggesse: “Cambierò la loro propria gloria”. TSy confermano la lezione originale del verbo. Vedi App. 2B.
“La(e) loro anima(e)”, TLXXSyVg e circa 20 mss. ebr.; M, “la sua anima (il desiderio della sua anima)”. Vedi App. 4A.
“Fornicazione”: ebr. zenùth; gr. pornèian; lat. fornicatio. Vedi App. 5A.
Lett. “tolgono il cuore”: ebr. yiqqachlèv.
Lett. “il suo albero (legno)”.
“Loro Dio”: ebr. ʼElohehhèm.
O, “la loro bevanda alcolica”. Ebr. sovʼàm.
O, “Uno spirito”. Ebr. rùach; gr. pnèumatos; lat. spiritus.