Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Levitico 26:1-46

26  “‘Non vi dovete fare dèi senza valore,*+ e non vi dovete erigere immagine scolpita+ o colonna sacra, e non dovete mettere nel vostro paese una pietra come pezzo da esposizione+ per inchinarvi verso di essa;+ poiché io sono Geova vostro Dio.  Dovete osservare i miei sabati+ e avere rispetto per il mio santuario. Io sono Geova.  “‘Se continuate a camminare nei miei statuti e a osservare i miei comandamenti e in effetti li eseguite,+  certamente vi darò anche i vostri rovesci di pioggia al loro tempo debito,+ e la terra darà in realtà il suo prodotto,+ e l’albero del campo darà il suo frutto.+  E la vostra trebbiatura giungerà certamente fino alla vostra vendemmia, e la vendemmia giungerà fino alla semina; e davvero mangerete il vostro pane a sazietà+ e dimorerete al sicuro nel vostro paese.+  E certamente metterò nel paese la pace+ e in realtà giacerete, senza che alcuno [vi] faccia tremare;+ e di sicuro farò sparire dal paese la dannosa bestia selvaggia,+ e per il vostro paese non passerà la spada.+  E certamente inseguirete i vostri nemici,+ e in realtà essi cadranno di spada davanti a voi.  E cinque di voi certamente ne inseguiranno cento, e cento di voi ne inseguiranno diecimila, e i vostri nemici in realtà cadranno di spada davanti a voi.+  “‘E certamente mi volgerò a voi+ e vi renderò fecondi e vi moltiplicherò,+ e dovrò eseguire il mio patto con voi.+ 10  E certamente mangerete il vecchio [raccolto] dell’anno precedente,+ e tirerete fuori il vecchio davanti al nuovo. 11  E certamente metterò in mezzo a voi il mio tabernacolo,+ e la mia anima non vi aborrirà.+ 12  E in realtà camminerò in mezzo a voi e mi mostrerò vostro Dio,+ e voi, da parte vostra, vi mostrerete mio popolo.+ 13  Io sono Geova vostro Dio, che vi feci uscire dal paese d’Egitto dal fare loro da schiavi,+ e rompevo le sbarre del vostro giogo e vi facevo camminare eretti.+ 14  “‘Tuttavia, se non mi ascolterete né metterete in pratica tutti questi comandamenti,+ 15  e se rigetterete i miei statuti,+ e se le vostre anime aborriranno le mie decisioni giudiziarie in modo da non mettere in pratica tutti i miei comandamenti, fino al punto di violare il mio patto,+ 16  allora io, da parte mia, vi farò quanto segue, e per punizione recherò certamente su di voi turbamento con tubercolosi+ e febbre ardente, facendo venire meno gli occhi+ e consumando l’anima.+ E semplicemente seminerete il vostro seme per nulla, giacché lo mangeranno certamente i vostri nemici.+ 17  E in effetti porrò la mia faccia contro di voi, e sarete certamente sconfitti davanti ai vostri nemici;+ e quelli che vi odiano proprio vi calpesteranno,+ e realmente fuggirete quando nessuno vi inseguirà.+ 18  “‘Se però, malgrado queste cose, non mi ascolterete, dovrò castigarvi sette volte di più* per i vostri peccati.+ 19  E dovrò spezzare l’orgoglio della vostra forza e rendere i vostri cieli come il ferro+ e la vostra terra come il rame. 20  E la vostra potenza sarà spesa semplicemente per nulla, giacché la vostra terra non darà il suo prodotto,+ e l’albero della terra non darà il suo frutto.+ 21  “‘Ma se continuate a camminare opponendovi a me e non desiderando ascoltarmi, allora dovrò infliggervi sette volte più colpi secondo i vostri peccati.+ 22  E certamente manderò fra voi le bestie selvagge del campo,+ ed esse certamente vi priveranno di figli+ e stroncheranno i vostri animali domestici e ridurranno il vostro numero, e le vostre strade saranno in effetti desolate.+ 23  “‘Tuttavia, se con queste cose non vi lasciate correggere da me+ e dovete proprio camminare opponendovi a me, 24  io, sì, io, dovrò allora camminare opponendomi a voi;+ e io, proprio io, dovrò colpirvi sette volte per i vostri peccati.+ 25  E certamente farò venire su di voi una spada che farà vendetta+ per il patto;+ e voi vi raccoglierete in realtà nelle vostre città, e io certamente manderò in mezzo a voi la pestilenza,+ e dovrete essere dati in mano a un nemico.+ 26  Quando vi avrò rotto le verghe alle quali si sospendono i pani a ciambella,*+ allora dieci donne realmente cuoceranno il vostro pane in un solo forno e [vi] renderanno il vostro pane a peso;+ e dovrete mangiare ma non vi sazierete.+ 27  “‘Se, tuttavia, con questo non mi ascolterete e dovete proprio camminare opponendovi a me,+ 28  allora io dovrò camminare opponendomi ardentemente a voi,+ e io, sì, io, dovrò castigarvi sette volte per i vostri peccati.+ 29  Dovrete mangiare dunque la carne dei vostri figli, e mangerete la carne delle vostre figlie.+ 30  E certamente annienterò i vostri sacri alti luoghi+ e stroncherò i vostri banchi dell’incenso e metterò i vostri propri cadaveri sopra i cadaveri dei vostri idoli di letame;+ e la mia anima semplicemente vi aborrirà.+ 31  E in realtà darò le vostre città alla spada+ e renderò desolati i vostri santuari,*+ e non aspirerò i vostri odori riposanti.+ 32  E io, da parte mia, di sicuro renderò desolato il paese,+ e i vostri nemici che vi dimorano ne rimarranno semplicemente stupiti.+ 33  E vi disperderò fra le nazioni,+ e certamente sguainerò la spada dietro a voi;+ e il vostro paese dovrà divenire una desolazione,+ e le vostre città diverranno una desolata rovina. 34  “‘In quel tempo il paese sconterà i suoi sabati, tutti i giorni che giacerà desolato, mentre voi sarete nel paese dei vostri nemici. In quel tempo il paese osserverà il sabato, giacché dovrà scontare i suoi sabati.+ 35  Osserverà il sabato tutti i giorni che giacerà desolato, per il fatto che non avrà osservato il sabato durante i vostri sabati quando vi abitavate. 36  “‘In quanto a quelli che saranno rimasti di fra voi,+ certamente farò venire nei loro cuori la codardia nei paesi dei loro nemici; e il fruscio di una foglia sospinta qua e là davvero li metterà in fuga, e in effetti fuggiranno come si fugge dalla spada e cadranno senza che alcuno insegua.+ 37  E certamente inciamperanno l’uno contro l’altro come d’innanzi alla spada senza che alcuno insegua, e non sarete in grado di tener fronte ai vostri nemici.+ 38  E dovete perire fra le nazioni,+ e il paese dei vostri nemici deve divorarvi. 39  In quanto a quelli che saranno rimasti di fra voi, marciranno+ a causa del loro errore nei paesi dei vostri nemici. Sì, anche a causa degli errori dei loro padri+ marciranno con loro. 40  E certamente confesseranno il loro proprio errore+ e l’errore dei loro padri nella loro infedeltà quando si comportarono infedelmente verso di me, sì, quando camminarono perfino opponendosi a me.+ 41  Ma io, da parte mia, camminavo opponendomi a loro,+ e dovetti condurli nel paese dei loro nemici.+ “‘Forse* in quel tempo il loro cuore incirconciso+ sarà umiliato,+ e in quel tempo sconteranno il loro errore. 42  In realtà mi ricorderò del mio patto con Giacobbe;+ e anche del mio patto con Isacco+ e anche del mio patto con Abraamo+ mi ricorderò, e mi ricorderò del paese. 43  Nel frattempo il paese era da loro lasciato abbandonato e scontava i suoi sabati+ mentre rimaneva desolato senza di loro ed essi stessi scontavano il loro errore,+ perché, sì, perché* avevano rigettato le mie decisioni giudiziarie,+ e le loro anime avevano aborrito i miei statuti.+ 44  E nonostante tutto questo, mentre restano nel paese dei loro nemici, certamente non li rigetterò+ né li aborrirò+ in modo da sterminarli, così da violare il mio patto+ con loro; poiché io sono Geova loro Dio. 45  E certamente mi ricorderò a loro favore del patto dei progenitori+ che feci uscire dal paese d’Egitto sotto gli occhi delle nazioni,+ per mostrarmi loro Dio. Io sono Geova’”. 46  Questi sono i regolamenti e le decisioni giudiziarie+ e le leggi che Geova stabilì fra se stesso e i figli d’Israele sul monte Sinai per mezzo di Mosè.+

Note in calce

“Fare un idolo”, Vg.
O, “il settuplo”, senza riferimento ad alcun elemento temporale.
Lett. “la verga del pane”.
“Santuari”, MLXXVg; SamSy e 53 mss. ebr., “santuario”.
“Forse; O”, MSam; Sy, “E”; i LXX omettono.
Perché, sì, perché”: ebr. yàʽan uveyàʽan. Questo raddoppio enfatico della congiunzione yàʽan ricorre tre volte: qui, in Ez 13:10 e, senza la waw copulativa (u), in Ez 36:3.