Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Levitico 17:1-16

17  E Geova continuò a parlare a Mosè, dicendo:  “Parla ad Aaronne e ai suoi figli e a tutti i figli d’Israele, e devi dire loro: ‘Questa è la cosa che Geova ha comandato, dicendo:  “‘“In quanto a qualunque uomo della casa d’Israele che scanni un toro o un giovane montone o una capra nel campo o che lo scanni fuori del campo  e non lo conduca in effetti all’ingresso della tenda di adunanza+ per presentarlo come offerta a Geova dinanzi al tabernacolo di Geova, a tale uomo sarà attribuita colpa di sangue. Ha sparso sangue, e tale uomo dev’essere stroncato di fra il suo popolo,+  affinché i figli d’Israele portino i loro sacrifici, che sacrificano nella campagna,+ e li devono portare a Geova all’ingresso della tenda di adunanza al sacerdote,+ e devono sacrificare questi come sacrifici di comunione a Geova.+  E il sacerdote deve aspergere il sangue sull’altare+ di Geova all’ingresso della tenda di adunanza, e deve far fumare il grasso+ come odore riposante a Geova.+  Così non devono più sacrificare i loro sacrifici ai demoni+ a forma di capro* con i quali hanno rapporti immorali.*+ Questo vi servirà di statuto a tempo indefinito, per tutte le vostre generazioni”’.  “E devi dire loro: ‘In quanto a qualunque uomo della casa d’Israele o a qualche residente forestiero che risiede come forestiero in mezzo a voi il quale offra un olocausto+ o un sacrificio  e non lo porti all’ingresso della tenda di adunanza per offrirlo a Geova,+ tale uomo dev’essere stroncato dal suo popolo.+ 10  “‘In quanto a qualunque uomo della casa d’Israele o a qualche residente forestiero che risiede come forestiero in mezzo a voi* il quale mangi qualsiasi sorta di sangue,+ certamente porrò la mia faccia contro l’anima+ che mangia il sangue, e in realtà la stroncherò di fra il suo popolo. 11  Poiché l’anima della carne è nel sangue,+ e io stesso ve l’ho messo sull’altare per fare espiazione+ per le anime vostre, perché è il sangue+ che fa espiazione+ mediante l’anima [in esso].* 12  Per questo ho detto ai figli d’Israele: “Nessun’anima di voi deve mangiare sangue e nessun residente forestiero che risiede come forestiero in mezzo a voi+ deve mangiare sangue”.+ 13  “‘In quanto a qualunque uomo dei figli d’Israele o a qualche residente forestiero che risiede come forestiero in mezzo a voi il quale prenda a caccia una bestia selvaggia o un volatile che si può mangiare, ne deve versare in tal caso il sangue+ e lo deve coprire di polvere.+ 14  Poiché l’anima di ogni sorta di carne* è il suo sangue mediante l’anima in esso.* Di conseguenza ho detto ai figli d’Israele: “Non dovete mangiare il sangue di nessuna sorta di carne, perché l’anima di ogni sorta di carne è il suo sangue.+ Chiunque lo mangi sarà stroncato”.+ 15  In quanto a qualunque anima che mangi un corpo [già] morto o qualcosa di sbranato da una bestia selvaggia,+ sia nativo che residente forestiero, deve in tal caso lavarsi le vesti e bagnarsi in acqua ed essere impuro fino alla sera;+ e dev’essere puro. 16  Ma se non le laverà e non bagnerà la sua carne, deve quindi rispondere del suo errore’”.+

Note in calce

O, “ai satiri”. Lett. “ai capri (i pelosi o irsuti)”, M; Vg, “ai demoni”; LXX, “alle cose insensate”.
O, “commettono fornicazione (immoralità)”.
“Voi”, LXXSy.
“In esso”, inserito in armonia con la prima parte del v. La preposizione tradotta “mediante” è diversa da quella della precedente espressione “per le anime vostre”.
O, “l’anima di ogni carne”.
Lett. “mediante la sua anima”, M; LXXSyVg omettono.