Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

Cosa pensano i Testimoni di Geova del divorzio?

Riguardo al matrimonio e al divorzio ci lasciamo guidare da quello che insegna la Bibbia. Dio ha creato il matrimonio come un’unione permanente fra un uomo e una donna. Secondo le Scritture, l’unico motivo per cui è possibile divorziare è l’immoralità sessuale (Matteo 19:5, 6, 9).

I Testimoni danno aiuto alle coppie in crisi?

Sì, in diversi modi.

  • Pubblicazioni. Le pubblicazioni edite dai Testimoni di Geova trattano su base regolare informazioni che possono rafforzare il matrimonio anche quando il rapporto fra i coniugi sembra irrecuperabile. Per esempio vedi gli articoli “Come mantenere l’impegno assunto col matrimonio”, “Imparare a perdonare” e “Come ristabilire un rapporto di fiducia”.

  • Riunioni. Alle nostre adunanze settimanali, alle assemblee e ai congressi vengono esaminati i consigli pratici che la Bibbia dà sul matrimonio.

  • Anziani. Gli anziani di congregazione provvedono alle coppie sposate aiuto specifico, facendo riflettere i coniugi su versetti come Efesini 5:22-25.

Per divorziare, un Testimone deve prima avere l’approvazione degli anziani di congregazione?

No. Anche quando una coppia chiede loro aiuto per affrontare i problemi coniugali, gli anziani non dicono ai coniugi cosa fare (Galati 6:5). Tuttavia, secondo la Bibbia chiunque scelga di divorziare per un motivo diverso da quello specificato nelle Scritture non è libero di risposarsi (1 Timoteo 3:1, 5, 12).

Cosa pensano i Testimoni della separazione?

La Bibbia incoraggia i coniugi a rimanere insieme anche in circostanze tutt’altro che ideali (1 Corinti 7:10-16). Molti problemi possono essere risolti pregando con sincerità, applicando i princìpi biblici e mostrando amore (1 Corinti 13:4-8; Galati 5:22).

Tuttavia, alcuni cristiani hanno deciso di separarsi dal proprio coniuge in casi estremi come i seguenti:

  • Deliberato rifiuto di provvedere al sostentamento della famiglia (1 Timoteo 5:8).

  • Gravi maltrattamenti fisici (Salmo 11:5).

  • La spiritualità di un coniuge sarebbe altrimenti irrimediabilmente compromessa. Per esempio, un coniuge potrebbe cercare di costringere l’altro a infrangere in qualche modo i comandi divini, e quest’ultimo potrebbe ritenere che la separazione sia l’unico modo per “ubbidire a Dio come governante anziché agli uomini” (Atti 5:29).