Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

Una Bibbia “studiata” per durare nel tempo

Per i Testimoni di Geova non c’è libro più importante della Bibbia. La studiano regolarmente e la usano per insegnare ad altri la buona notizia del Regno di Dio (Matteo 24:14). Questo uso frequente fa sì che la loro copia della Bibbia si usuri in breve tempo. I Testimoni hanno fatto tutto il possibile affinché la revisione del 2013 della Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture non solo fosse bella ma durasse anche nel tempo.

La nuova Bibbia doveva essere resistente. Quando alcuni rappresentanti del personale della stamperia dei Testimoni a Wallkill, nello stato di New York, espressero i loro obiettivi al presidente di una legatoria, questi rispose: “La Bibbia che cercate non esiste”. E aggiunse: “Triste a dirsi, la verità è che la maggioranza delle Bibbie è concepita per fare bella figura su un tavolino o su uno scaffale, non per durare a lungo”.

Alcune edizioni precedenti della Traduzione del Nuovo Mondo non hanno retto alla prova del tempo: in climi molto caldi a volte si staccavano alcune pagine. Per produrre una Bibbia resistente a un uso prolungato nelle più disparate condizioni climatiche, il personale della stamperia ha esaminato i materiali della copertina, i collanti e i metodi di rilegatura. Sulla base delle loro conclusioni hanno prodotto prototipi di Bibbie e le hanno poi fatte provare sul campo da Testimoni che vivono in paesi con condizioni climatiche molto diverse, da quelle dei tropici a quelle dell’Alaska.

Dopo sei mesi le Bibbie sono state restituite e poste sotto esame. Il personale della stamperia ha fatto alcune migliorie e ha prodotto un’altra serie di prototipi. In totale sono state provate sul campo 1.697 Bibbie. Alcune sono state accidentalmente sottoposte a trattamenti d’urto. Per esempio, una Bibbia è stata dimenticata tutta la notte sotto la pioggia, e un’altra è stata sommersa dalle acque di un uragano. I risultati delle prove sul campo e di questi episodi accidentali hanno fornito informazioni utili circa la resistenza del libro.

Nel 2011, durante queste prove sul campo, i Testimoni acquistarono nuovi macchinari per la rilegatura ad alta velocità per i loro stabilimenti tipografici sia a Wallkill che a Ebina, in Giappone. L’obiettivo era non solo di stampare la quantità di Bibbie richiesta, ma anche di fare in modo che queste fossero identiche in entrambe le località.

Le copertine morbide creano problemi

All’inizio del 2012 i due stabilimenti tipografici cominciarono a produrre l’edizione attuale nera e bordeaux della Traduzione del Nuovo Mondo con la nuova copertina di poliuretano. I nuovi macchinari però usavano un collante e un materiale per l’interno della copertina non testati sul campo; le copertine così prodotte si arricciavano sensibilmente quando venivano attaccate alle Bibbie. Falliti i tentativi iniziali di risolvere questo problema, la produzione fu sospesa.

I fabbricanti di uno dei materiali si resero conto che l’effetto arricciatura era un problema ben noto nel caso di copertine morbide, difficile da eliminare. Invece di ripiegare su una copertina rigida, i Testimoni erano comunque decisi a produrre una Bibbia con la copertina morbida che conservasse un bell’aspetto. Per quattro mesi vennero testate varie combinazioni di collanti e materiali per l’interno della copertina; alla fine se ne trovò una che avrebbe permesso alla stamperia di riavviare la produzione, questa volta di Bibbie con copertina morbida che però non si arricciasse.

Sospesa di nuovo la produzione

Nel settembre 2012 venne detto alle stamperie di fermare la produzione dell’edizione esistente, esaurire le scorte e aspettare di produrre l’edizione riveduta della Traduzione del Nuovo Mondo; questa doveva essere presentata il 5 ottobre 2013, all’adunanza annuale della Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania.

Venerdì 9 agosto 2013 le stamperie ricevettero i file elettronici con il testo della nuova Bibbia, e il giorno successivo ne cominciarono la stampa. Produssero la prima Bibbia completa il 15 agosto. Nelle sette settimane successive il personale delle stamperie di Wallkill e di Ebina ha lavorato giorno e notte per produrre e spedire circa 1.600.000 Bibbie, numero sufficiente per darne una copia a ogni presente all’adunanza annuale.

Se la nuova Bibbia è bella e studiata per durare nel tempo, il messaggio di vita che contiene ha un valore ancora maggiore. Il giorno dopo aver ricevuto una copia della nuova Bibbia, una donna degli Stati Uniti ha scritto: “Grazie a questa nuova edizione, sono in grado di capire meglio la Bibbia”.