Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

Musica in tante lingue

Tradurre il testo di una canzone in un’altra lingua è molto impegnativo. Tradurre un intero libro di 135 cantici è un’impresa di tutto rispetto.

I testimoni di Geova si sono messi all’opera e in tre anni hanno tradotto per intero in 116 lingue il loro nuovo libro dei cantici, Cantiamo a Geova. In altre 55 lingue è disponibile una versione ridotta di questo libro, contenente 55 cantici. Si sta già lavorando alla traduzione in molte altre lingue ancora.

Traduzione e scrittura in versi

Le pubblicazioni bibliche dei testimoni di Geova vengono già tradotte in circa 600 lingue e alcune sono disponibili online in circa 400 lingue. Ma la traduzione del libro dei cantici è stata un’impresa unica. Per quale ragione? Perché le melodie contenute in Cantiamo a Geova sono le stesse, ma i testi sono stati tradotti in molte lingue.

Comporre il testo di un canto non è come tradurre l’articolo di una rivista. Quando si traduce La Torre di Guardia in un’altra lingua, per esempio, si cerca di rendere con accuratezza tutte le sfumature del testo originale. La musica, però, rappresenta un discorso a parte.

Come si procede

La traduzione dei cantici richiede un approccio leggermente diverso al testo originale, perché i versi tradotti devono risultare espressivi, piacevoli e facili da ricordare.

Le parole usate in un cantico di lode dovrebbero essere abbastanza semplici da permettere a chi canta di cogliere immediatamente il senso di ogni frase. In ogni lingua le parole e la musica devono fondersi e fluire in modo naturale, come se chi canta si stesse esprimendo a parole proprie.

Come riescono i traduttori a raggiungere questo obiettivo? Anziché riprodurre letteralmente le frasi del testo inglese del libro Cantiamo a Geova, i team di traduzione hanno ricevuto istruzioni per scrivere nuovi versi che trasmettano le idee e le emozioni del testo originale. Cercando di attenersi il più possibile al tema scritturale alla base di ogni cantico, i traduttori usano espressioni comuni nella propria lingua che siano facili da capire e ricordare.

Il primo passo è fare una traduzione letterale del testo inglese. Poi un Testimone che abbia esperienza come paroliere lavora sul testo tradotto, cercando di trasformarlo in versi significativi e stilisticamente piacevoli nella lingua di destinazione. Infine, consapevoli dell’importanza di mantenere l’aderenza alle Scritture, il team di traduzione e i correttori esaminano il testo scritto dal paroliere.

I testimoni di Geova di tutto il mondo sono stati entusiasti di ricevere il nuovo libro dei cantici e attendono con ansia che venga pubblicato in molte altre lingue.