Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

Aiuto per i ciechi in Africa

In alcuni paesi in via di sviluppo chi è cieco non ha sempre le stesse possibilità che hanno i ciechi altrove. A volte è tagliato fuori dalla società in cui vive e non riceve l’aiuto necessario per affrontare difficoltà in ambiti che i vedenti danno facilmente per scontati. Ad esempio andare al mercato a comprare il cibo, prendere l’autobus o maneggiare il denaro può risultare particolarmente difficile. Perfino leggere può essere un problema. Non tutti i ciechi conoscono il braille. E anche se c’è chi lo conosce, trovare materiale nella propria lingua può essere un’impresa.

Da più di 100 anni i Testimoni di Geova producono materiale per i ciechi basato sulla Bibbia. Per rendere disponibili pubblicazioni braille in chichewa, una lingua parlata nel Malawi, di recente i Testimoni hanno spedito dall’Olanda al Malawi l’attrezzatura per stampare e rilegare in braille.

Leo, che ha esperienza nella produzione di pubblicazioni in braille, dalla filiale dei Testimoni di Geova del Brasile ha raggiunto il Malawi. Ha aiutato un team di cinque persone a imparare a usare sia l’attrezzatura che un programma informatico, sviluppato dai Testimoni, per la trascrizione braille. Il programma trascrive il testo in braille chichewa. Per farlo funzionare, il team ha creato una tabella di conversione della lingua chichewa che contiene sia i caratteri normali che quelli braille. Il programma converte così il testo in braille e formatta la pubblicazione in modo che sia di facile lettura per i ciechi. Vediamo come sono state accolte le pubblicazioni in braille da alcuni che vivono in Malawi.

Munyaradzi è una ragazza cieca che lavora part time come conduttrice di un programma radiofonico. Inoltre dedica 70 ore al mese a insegnare ad altri la Bibbia. La ragazza ha detto: “Nel passato ho ricevuto pubblicazioni in braille inglese, ma averle nella mia madrelingua mi ha veramente toccato il cuore. Apprezzo lo sforzo, anche economico, che hanno fatto i miei fratelli per farci avere pubblicazioni braille nella nostra lingua. Mi rendo conto che non si sono dimenticati di noi e che ci considerano importanti”.

Francis è un Testimone che vive nel Malawi settentrionale. Dal momento che è cieco, un tempo aveva bisogno che gli altri leggessero per lui. Quando ha ricevuto le sue prime pubblicazioni braille in chichewa ha esclamato: “È fantastico, mi sembra un sogno!”

Loyce, anche lei cieca, è impegnata nel servizio a tempo pieno. Ha aiutato 52 persone a cambiare la loro vita in meglio. In che modo? Insegna usando pubblicazioni in braille mentre i suoi studenti seguono con l’edizione stampata, tutto materiale prodotto dai Testimoni di Geova.

Loyce mentre conduce uno studio biblico

Leo, l’istruttore del Brasile menzionato in precedenza, ha detto: “Ti dà una soddisfazione immensa mettere nelle mani delle persone pubblicazioni in braille basate sulla Bibbia e vedere come reagiscono quando si rendono conto che quella è la loro lingua. Molti di loro hanno espresso profonda gratitudine per Geova e anche gioia, perché adesso possono prepararsi da soli per le adunanze cristiane e per la predicazione. Non hanno più bisogno che qualcuno legga per loro. Ora il loro studio personale è veramente personale. Possono aiutare di più la loro famiglia a crescere spiritualmente. Queste pubblicazioni li aiutano ad avvicinarsi a Geova”.

Per saperne di più

LA TORRE DI GUARDIA

Si fa conoscere il nome di Dio in swahili

Scopri la storia del nome di Dio, Geova, nella Bibbia in swahili.

LA TORRE DI GUARDIA

Potete vedere l’invisibile Iddio?

Imparate a usare “gli occhi del vostro cuore”.