Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia (edizione per lo studio, facile lettura)  |  agosto 2015

Prepariamoci ora per vivere nel nuovo mondo

Prepariamoci ora per vivere nel nuovo mondo

Dà ordine di fare il bene, perché afferrino fermamente la vera vita (1 TIMOTEO 6:17-19)

CANTICI: 125, 40

1, 2. (a) Quali esperienze non vediamo l’ora di fare nel Paradiso? (Vedi l’illustrazione iniziale.) (b) Nel nuovo mondo cosa ci darà più gioia?

DAVVERO non vediamo l’ora di ricevere la “vita eterna”. L’apostolo Paolo la descrisse come “la vera vita”. (Leggi 1 Timoteo 6:12, 19.) Per la maggioranza di noi questo significherà vivere per sempre nel Paradiso sulla terra. Forse è difficile immaginare come ci sentiremo svegliandoci ogni mattina sani, felici e soddisfatti (Isaia 35:5, 6). Pensiamo a come sarà bello passare del tempo con la nostra famiglia e i nostri amici, anche con quelli che saranno risuscitati (Giovanni 5:28, 29; Atti 24:15). Avremo il tempo di imparare a fare cose nuove e di diventare ancora più bravi nelle attività che ci piacciono. Per esempio potremo imparare molto di più sulla scienza. O forse potremo imparare a suonare strumenti musicali o a progettare la nostra casa.

2 Anche se non vediamo l’ora di fare tutte queste esperienze, quello che ci darà più gioia sarà adorare Geova. Immaginiamo come sarà la vita quando tutti accetteranno Geova come loro Governante e considereranno santo il  suo nome (Matteo 6:9, 10). Saremo veramente emozionati nel vedere la terra piena di persone perfette, proprio come Dio voleva che fosse. E man mano che diventeremo perfetti sarà molto più semplice far crescere la nostra amicizia con Geova (Salmo 73:28; Giacomo 4:8).

3. Per cosa dovremmo prepararci oggi?

3 Abbiamo fiducia che Geova farà tutte queste cose meravigliose, perché “a Dio ogni cosa è possibile” (Matteo 19:25, 26). Se vogliamo vivere per sempre nel nuovo mondo, è oggi il tempo di ‘afferrare fermamente’, cioè in modo deciso, la vita eterna. Sappiamo che la fine verrà presto; quindi dobbiamo vivere dimostrando di credere che potrebbe venire da un momento all’altro. Perciò oggi dobbiamo fare tutto quello che possiamo per prepararci per vivere nel nuovo mondo. Vediamo come.

COME POSSIAMO PREPARARCI

4. In che modo possiamo prepararci già da oggi per vivere nel nuovo mondo? Fate un esempio.

4 Come possiamo prepararci già da oggi per vivere nel nuovo mondo? Immaginiamo di andare a vivere in un’altra nazione. Per prepararci dovremmo fare alcune cose. Ad esempio potremmo cominciare a imparare la lingua e le usanze del posto, o anche provare alcuni piatti tipici. Allo stesso modo, possiamo prepararci già da oggi per il nuovo mondo vivendo, per quanto ci è possibile, come se fossimo già lì. Consideriamo alcuni modi in cui possiamo farlo.

5, 6. Perché imparare a ubbidire alle istruzioni dell’organizzazione di Geova ci prepara per vivere nel nuovo mondo?

5 Nel mondo in cui viviamo Satana vuole che le persone pensino di poter fare tutto quello che vogliono. Molti credono che sia importante essere indipendenti e che non ci sia nessun bisogno di ubbidire a Dio. Ma quali sono stati i risultati? Sofferenze e infelicità (Geremia 10:23). Ma Geova è un Governante amorevole. Per questo nel nuovo mondo, quando tutti gli ubbidiranno, la vita sarà molto più bella!

6 Nel nuovo mondo, l’organizzazione di Geova ci darà istruzioni che ci aiuteranno a rendere la terra un paradiso meraviglioso e a insegnare ai risuscitati. Come saremo felici di seguire quelle istruzioni! Geova avrà molto lavoro da farci fare. Ma come reagiremo se quelli che dirigeranno le attività ci chiederanno di fare qualcosa che non ci piacerà molto? Ubbidiremo? Faremo del nostro meglio per portare a termine quel lavoro e per svolgerlo con gioia? Se vogliamo prepararci per vivere per sempre nel nuovo mondo, dobbiamo ubbidire alle istruzioni dell’organizzazione di Geova già da oggi.

7, 8. (a) Perché dovremmo collaborare con chi dirige le attività? (b) Quali cambiamenti hanno affrontato alcuni cristiani? (c) Di cosa possiamo essere sicuri riguardo al nuovo mondo?

7 Se vogliamo essere pronti per vivere nel nuovo mondo, dobbiamo imparare a essere contenti e a collaborare con l’organizzazione di Geova e con i nostri fratelli. Per esempio, quando riceviamo un nuovo incarico, dobbiamo essere pronti a  collaborare e fare del nostro meglio per sentirci felici e soddisfatti. Se impariamo a collaborare con chi dirige le attività oggi, molto probabilmente saremo pronti a collaborare anche nel nuovo mondo. (Leggi Ebrei 13:17.) Quando gli israeliti entrarono nella Terra Promessa, dovettero andare a vivere nei luoghi che furono assegnati loro (Numeri 26:52-56; Giosuè 14:1, 2). Nel nuovo mondo non sappiamo dove verrà chiesto a ognuno di noi di andare a vivere. Ma se avremo imparato a collaborare, saremo felici di fare la volontà di Geova in qualunque posto vivremo.

8 Immaginiamo che onore sarà servire nel nuovo mondo di Dio sotto il governo del Regno! Per questo siamo felici di collaborare con l’organizzazione di Geova e di svolgere qualsiasi incarico ci venga affidato. Comunque a volte il nostro incarico potrebbe cambiare. Per esempio ad alcuni beteliti negli Stati Uniti è stato chiesto di tornare a servire nel campo. Alcuni sorveglianti viaggianti, a causa dell’età o di altre circostanze, sono stati nominati pionieri speciali. Questi fratelli sono felici del loro nuovo incarico e Geova li sta benedicendo. Pregando Geova per avere aiuto, facendo del nostro meglio per servirlo e imparando a essere contenti di qualsiasi incarico riceviamo, saremo felici e Geova ci benedirà. (Leggi Proverbi 10:22.) Immaginiamo però che nel nuovo mondo volessimo vivere in un posto ma l’organizzazione di Geova ci chiedesse di andare da un’altra parte: cosa faremmo? In quel tempo non sarà importante dove vivremo o cosa faremo. Proveremo semplicemente gratitudine perché saremo nel nuovo mondo (Neemia 8:10).

9, 10. (a) Perché forse dovremo mostrare pazienza nel nuovo mondo? (b) Come possiamo mostrare ora di essere pazienti?

9 Può darsi che nel nuovo mondo dovremo essere pazienti in certe circostanze. Per esempio potremmo venire a sapere che qualcuno è molto felice perché i suoi parenti e amici sono stati risuscitati. Forse però noi dovremo aspettare ancora un po’ prima di riabbracciare i nostri cari. Se sarà così, saremo pazienti rallegrandoci insieme agli altri? (Romani 12:15). Se impariamo oggi ad aspettare con pazienza che Geova adempia le sue promesse, saremo più capaci di mostrare pazienza in futuro (Ecclesiaste 7:8).

10 Possiamo anche prepararci per il nuovo mondo mostrando pazienza quando riceviamo chiarimenti su alcune verità bibliche. Studiamo queste nuove informazioni? E mostriamo pazienza se non le capiamo completamente? Se reagiamo così, nel nuovo mondo ci sarà più facile essere pazienti ogni volta che Geova ci darà nuove istruzioni (Proverbi 4:18; Giovanni 16:12).

11. Perché dovremmo imparare oggi a perdonare gli altri, e come questo ci sarà utile nel nuovo mondo?

 11 Un altro modo per prepararci per vivere nel nuovo mondo è quello di imparare a perdonare. Durante il Regno millenario di Cristo ci vorrà del tempo prima che tutti diventino perfetti (Atti 24:15). Sapremo amarci e perdonarci gli uni gli altri? Se oggi impariamo a perdonare e ad avere buoni rapporti con gli altri, ci sarà più facile fare lo stesso nel nuovo mondo. (Leggi Colossesi 3:12-14.)

Nel nuovo mondo avremo bisogno di dimostrare le stesse qualità che Geova ci sta insegnando oggi

12. Perché dovremmo prepararci oggi per vivere nel nuovo mondo?

12 Può darsi che nel nuovo mondo non otterremo sempre quello che vorremo, o forse dovremo aspettare per averlo. Comunque dovremo essere grati e soddisfatti in qualsiasi situazione. In realtà avremo bisogno di dimostrare le stesse qualità che Geova ci sta insegnando oggi. Imparando a manifestare oggi queste qualità, dimostreremo che per noi il nuovo mondo è reale e che ci stiamo preparando per la vita eterna (Ebrei 2:5; 11:1). Dimostreremo inoltre che vogliamo veramente vivere in un mondo in cui tutti ubbidiranno a Geova.

CONCENTRIAMOCI SUL SERVIZIO A GEOVA

Predichiamo con zelo la buona notizia

13. Nel nuovo mondo, cosa metteremo al primo posto nella nostra vita?

13 Nel nuovo mondo avremo tutto quello che ci servirà per godere la vita. Ma la cosa che ci renderà più felici sarà la nostra stretta amicizia con Geova (Matteo 5:3). Saremo impegnati nel servizio a Geova e questo ci darà gioia (Salmo 37:4). Quindi, se mettiamo Geova al primo posto nella nostra vita oggi, ci stiamo preparando per la vita nel nuovo mondo. (Leggi Matteo 6:19-21.)

14. Nel servizio a Geova, quali mete possono stabilire i giovani?

14 Come possiamo provare più gioia nel servire Geova? Un modo è quello di  stabilire delle mete. Se sei giovane, pensa seriamente alla possibilità di usare la tua vita per servire Geova. Perché non fai ricerche nelle nostre pubblicazioni sui vari tipi di servizio a tempo pieno? Potresti cercare di raggiungere una di queste mete. * (Vedi la nota in calce.) Parla con qualcuno che serve Geova a tempo pieno da molti anni. Se usi la tua vita per servire Geova, riceverai un prezioso addestramento che ti aiuterà a servirlo nel nuovo mondo.

Poniamoci mete nel servizio a Geova

15. Quali altre mete possiamo cercare di raggiungere nel nostro servizio a Geova?

15 Ci sono molte mete che possiamo cercare di raggiungere nel nostro servizio a Geova. Per esempio potremmo avere la meta di migliorare in qualche fase del ministero. Oppure potremmo cercare di capire meglio i princìpi biblici e come metterli in pratica nella nostra vita. Potremmo anche provare a migliorare nella lettura pubblica e nel fare discorsi o commenti alle adunanze. Il punto è questo: se stabiliamo mete nel nostro servizio a Geova, il nostro zelo crescerà e ci prepareremo per vivere nel nuovo mondo.

IL MIGLIOR MODO DI VIVERE OGGI

Mostriamo gratitudine per tutto quello che Geova ci dà

16. Perché servire Geova è il miglior modo di vivere?

16 Se usiamo il nostro tempo per prepararci per il nuovo mondo di Dio, ci stiamo forse perdendo la possibilità di vivere oggi una vita migliore? Assolutamente no! Servire Geova è il miglior modo di vivere. Non serviamo Geova perché qualcuno ci obbliga o solo perché vogliamo sopravvivere alla grande tribolazione. Se abbiamo una buona relazione con Geova, la nostra vita è più bella e noi siamo più felici. Geova ci ha creato proprio per vivere così. Avere l’amore di Dio e la sua guida nella vita è meglio di qualsiasi altra cosa. (Leggi  Salmo 63:1-3.) Tutti noi possiamo avere la gioia che si prova quando si serve Geova con tutto il cuore. Chi serve Geova da molti anni può sinceramente dire che questo è il miglior modo di vivere (Salmo 1:1-3; Isaia 58:13, 14).

Cerchiamo la guida della Bibbia

17. Nel Paradiso quanto sarà importante divertirci e fare le cose che troviamo interessanti?

17 Nel Paradiso passeremo del tempo a divertirci e a fare cose che troviamo interessanti. Dopotutto è stato Geova a crearci con il desiderio di divertirci, e ci promette che ‘sazierà il desiderio’ di tutti (Salmo 145:16; Ecclesiaste 2:24). È vero che abbiamo bisogno di divertirci e riposarci, ma ci godiamo ancora di più queste cose quando mettiamo al primo posto la nostra amicizia con Geova. E lo stesso succederà nel nuovo mondo. È quindi saggio che continuiamo a “cercare prima il regno” e ci concentriamo sulle benedizioni che riceviamo servendo Geova (Matteo 6:33).

Se abbiamo una buona relazione con Geova la nostra vita è più bella e noi siamo più felici

18. Come possiamo mostrare che ci stiamo preparando per vivere per sempre nel Paradiso?

18 Nel nuovo mondo la vita sarà meglio di quanto potremmo mai immaginare. Se già da oggi ci prepariamo per “la vera vita” dimostriamo quanto desideriamo entrare nel nuovo mondo. Impegniamoci per sviluppare le qualità che Geova ci insegna, e predichiamo con zelo la buona notizia. Mettendo l’adorazione a Geova al primo posto nella vita, proveremo grande gioia. Siamo convinti che nel nuovo mondo Geova farà tutto quello che ha promesso. Viviamo quindi come se fossimo già lì, nel nuovo mondo!

^ par. 14 Vedi I giovani chiedono. . . Risposte pratiche alle loro domande, volume 2, pagine 311-318.