Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia (edizione per lo studio, facile lettura)  |  giugno 2015

Viviamo in armonia con la preghiera modello (Parte 1)

Viviamo in armonia con la preghiera modello (Parte 1)

Sia santificato il tuo nome (MATTEO 6:9)

1. Quando predichiamo, come possiamo usare la preghiera di Gesù riportata in Matteo 6:9-13?

MOLTE persone conoscono le parole della preghiera riportata in Matteo 6:9-13. Quando predichiamo, spesso usiamo le parole di questa preghiera per insegnare alle persone che il Regno è un vero governo e che Dio lo userà per trasformare la terra in un paradiso. Inoltre citiamo le parole “sia santificato il tuo nome” per dimostrare che Dio ha un nome e che questo nome deve essere trattato come santo (Matteo 6:9, nota in calce).

2. Da cosa capiamo che Gesù non voleva che usassimo le stesse parole ogni volta che preghiamo?

2 Gesù voleva forse che ripetessimo le sue stesse parole ogni volta che preghiamo, come fanno molti? No, anzi Gesù in precedenza aveva detto: “Nel pregare, non dite ripetutamente le stesse cose” (Matteo 6:7). In seguito, insegnando ancora ai discepoli come pregare, Gesù ripeté la stessa preghiera, ma non usò le stesse parole (Luca 11:1-4). Quindi l’obiettivo di Gesù era quello di insegnare una preghiera modello  che indicasse per quali argomenti dovremmo pregare.

3. Quali domande potremmo farci mentre studiamo la preghiera modello?

3 In questo articolo e nel prossimo, studieremo in modo profondo la preghiera modello. Mentre lo faremo chiediamoci: “In che modo questa preghiera può aiutarmi a fare preghiere migliori?” E soprattutto: “Sto vivendo in armonia con la preghiera modello?”

“PADRE NOSTRO CHE SEI NEI CIELI”

4. Cosa ci ricordano le parole “Padre nostro”, e in che senso Geova è nostro Padre?

4 Le prime parole che Gesù disse in preghiera sono “Padre nostro”. Queste parole ci ricordano che Geova è anche il Padre di tutti i nostri fratelli e sorelle che vivono in ogni parte della terra (1 Pietro 2:17). Geova ha scelto alcuni per vivere nei cieli e li ha adottati come figli. Per loro quindi Geova è Padre in un modo speciale (Romani 8:15-17). Anche quelli che hanno la speranza di vivere per sempre sulla terra possono chiamarlo “Padre”. È Geova infatti che dà loro la vita e che soddisfa con amore le loro necessità. Ma questi saranno chiamati “figli di Dio” solo dopo che saranno diventati perfetti e saranno rimasti fedeli a Geova nella prova finale (Romani 8:21; Rivelazione 20:7, 8).

5, 6. Qual è il regalo migliore che i genitori possono fare ai loro figli, e cosa dovrebbe fare ogni figlio con questo regalo? (Vedi l’illustrazione iniziale.)

5 I genitori fanno un regalo prezioso ai figli quando li aiutano a vedere Geova come il loro Padre celeste e insegnano loro a pregarlo. Un sorvegliante di circoscrizione del Sudafrica racconta: “Dal giorno della loro nascita ho pregato con le mie figlie tutte le sere, a parte quando mi trovavo lontano da casa. Spesso le mie figlie mi dicono che non si ricordano esattamente le parole di quelle preghiere serali. Ma si ricordano della bella atmosfera, del momento sacro in cui comunicavamo con il nostro Padre, Geova, e del senso di calma e sicurezza che provavano. Appena sono state in grado di farlo, le ho incoraggiate a pregare ad alta voce così potevo sentirle mentre esprimevano i loro pensieri e sentimenti a Geova. Era un modo meraviglioso per capire cosa c’era nel loro cuore. E poi potevo addestrarle con amore a includere alcuni elementi importanti della preghiera modello per rendere più significative le loro preghiere”.

6 Anche mentre crescevano, le sue figlie hanno continuato ad avvicinarsi a Geova. Ora sono sposate e servono Geova a tempo pieno insieme ai loro mariti. Il regalo migliore che un genitore può fare ai figli è insegnare loro che Geova è una Persona reale e che possono diventare suoi amici. Ma poi ogni figlio deve fare la sua parte per mantenere forte la sua amicizia con Geova (Salmo 5:11, 12; 91:14).

“SIA SANTIFICATO IL TUO NOME”

7. Quale onore abbiamo, ma cosa dobbiamo fare?

7 Abbiamo l’onore di conoscere il nome di Dio e di essere “un popolo per il suo nome” (Atti 15:14; Isaia 43:10). Preghiamo che ‘sia santificato il suo nome’, cioè che sia reso santo. Chiediamo a Geova anche di aiutarci a non dire o fare nulla che possa disonorare il suo nome. Non vogliamo essere come alcuni nel primo secolo che non mettevano in  pratica le cose che insegnavano agli altri. Paolo scrisse a quei cristiani: “Il nome di Dio è bestemmiato per causa vostra fra le nazioni” (Romani 2:21-24).

8, 9. Fate un esempio di come Geova aiuta chi desidera santificare il Suo nome.

8 Facciamo tutto il possibile per onorare il nome di Geova. Una sorella in Norvegia rimase vedova quando suo figlio aveva solo due anni. La sorella racconta: “È stato un periodo molto difficile della mia vita. Pregavo ogni giorno, quasi ogni ora, per avere la forza di non perdere l’equilibrio emotivo. Non volevo dare a Satana motivo di criticare Geova per colpa di qualche mia decisione poco saggia o di qualche azione sleale. Volevo santificare il nome di Geova, e volevo che mio figlio rivedesse suo padre nel Paradiso” (Proverbi 27:11).

9 La sorella ha visto come Geova ha ascoltato le sue preghiere. Infatti, stando regolarmente in compagnia dei fratelli e delle sorelle, ha ricevuto incoraggiamento. Cinque anni dopo si è sposata con un anziano. Il figlio ora ha 20 anni ed è un fratello battezzato. La sorella dice: “Sono veramente felice che mio marito mi abbia aiutato a crescere mio figlio”.

10. In che modo Dio santificherà in modo completo il suo nome?

10 Geova santificherà il suo nome in modo completo quando eliminerà tutti quelli che lo disonorano e che non lo accettano come Governante. (Leggi Ezechiele 38:22, 23.) Allora gli esseri umani diventeranno gradualmente perfetti e tutti in cielo e sulla terra adoreranno Geova e daranno onore al suo santo nome. Alla fine, il nostro Padre che ci ama ‘sarà ogni cosa a tutti’ (1 Corinti 15:28).

“VENGA IL TUO REGNO”

11, 12. Nel 1876 cosa fece capire Geova ai suoi servitori?

11 Prima che Gesù tornasse in cielo i discepoli gli chiesero: “Signore, ristabilirai in questo tempo il regno d’Israele?” Gesù rispose che non era ancora arrivato per loro il tempo di capire quando il Regno di Dio avrebbe cominciato a governare. Piuttosto disse che dovevano concentrarsi sull’importante opera di predicazione. (Leggi Atti 1:6-8.) Gesù però insegnò ai suoi discepoli anche a pregare per la venuta del Regno di Dio e ad aspettare con entusiasmo quel momento. Questo è il motivo per cui anche oggi continuiamo a pregare per la venuta del Regno.

12 Quando Gesù stava per cominciare a regnare in cielo, Geova aiutò i Suoi servitori a capire quale sarebbe stato l’anno di inizio di quel Regno. Nel 1876 Charles Russell scrisse un articolo intitolato “Tempi dei Gentili: Quando finiranno?” Russell spiegò che i “sette tempi” della profezia di Daniele e “i tempi fissati delle nazioni” della profezia di Gesù sono la stessa cosa. E nell’articolo scrisse che questi tempi sarebbero finiti nel 1914 (Daniele 4:16; Luca 21:24). * (Vedi la nota in calce.)

13. Cosa successe nel 1914, e cosa dimostrano gli avvenimenti accaduti nel mondo dal 1914 in poi?

13 Nel 1914 in Europa scoppiò una guerra che in poco tempo coinvolse tutto il mondo. La guerra lasciò molte persone senza niente da mangiare. Nel 1918, quando la guerra stava finendo,  un’influenza spaventosa uccise in tutto il mondo più persone della guerra stessa. Tutti questi avvenimenti facevano parte del “segno” dato da Gesù. Questo segno dimostrava che Gesù aveva cominciato a regnare in cielo nel 1914 (Matteo 24:3-8; Luca 21:10, 11). In quell’anno Gesù “uscì, vincendo e per completare la sua vittoria” (Rivelazione 6:2). Scacciò Satana e i suoi demoni dai cieli e li gettò sulla terra. Da quel momento si cominciò ad avverare la profezia che dice: “Guai alla terra e al mare, perché il Diavolo è sceso a voi, avendo grande ira, sapendo che ha un breve periodo di tempo” (Rivelazione 12:7-12).

14. (a) Perché preghiamo ancora per la venuta del Regno di Dio? (b) Quale opera importante dobbiamo compiere oggi?

14 Nel periodo in cui Gesù è diventato Re del Regno di Dio hanno avuto inizio cose terribili sulla terra. La profezia di Rivelazione capitolo 12 ci aiuta a capire il motivo. Anche se Gesù sta governando in cielo, Satana sta ancora governando sulla terra. Ma presto Gesù ‘completerà la sua vittoria’ eliminando ogni forma di cattiveria dalla terra. Fino ad allora, continuiamo a pregare per la venuta del Regno di Dio e a impegnarci nell’opera di predicazione del Regno. Quest’opera adempie la profezia di Gesù: “Questa buona notizia del regno sarà predicata in tutta la terra abitata, in testimonianza a tutte le nazioni; e allora verrà la fine” (Matteo 24:14).

‘SI COMPIA LA TUA VOLONTÀ SULLA TERRA’

15, 16. È sufficiente pregare che si compia la volontà di Dio sulla terra? Spiegate.

15 Circa 6.000 anni fa sulla terra si faceva la volontà di Dio. Ecco perché Geova disse che tutto “era molto buono” (Genesi 1:31). Poi Satana si ribellò e da quel momento la maggioranza delle persone non fa la volontà di Dio. Ma oggi ci sono circa otto milioni di persone che  servono Geova. Questi non solo pregano che si compia la volontà di Dio sulla terra, ma loro stessi fanno la sua volontà. Infatti vivono nel modo che piace a Dio e insegnano con zelo ad altri la verità sul suo Regno.

State insegnando ai vostri figli a fare la volontà di Dio? (Vedi il paragrafo 16)

16 Per esempio una missionaria di 80 anni che vive in Africa e si è battezzata nel 1948 racconta: “Prego spesso perché tutte le persone simili a pecore vengano contattate e aiutate a conoscere Geova prima che sia troppo tardi. E poi, prima di cominciare a dare testimonianza a una persona, chiedo la saggezza per riuscire a toccare il suo cuore. Prego anche che Geova benedica l’impegno che ci mettiamo per prenderci cura delle persone simili a pecore che sono già state trovate”. Questa sorella ha aiutato molte persone a conoscere Geova. Vi vengono in mente altre persone anziane che stanno facendo con zelo la volontà di Geova? (Leggi Filippesi 2:17.)

17. Cosa provate pensando a quello che Geova farà in futuro per gli esseri umani e per la terra?

17 Continueremo a pregare che si compia la volontà di Geova finché lui non eliminerà i suoi nemici dalla terra. Poi la terra verrà trasformata in un paradiso e miliardi di persone saranno risuscitate. Gesù disse: “L’ora viene in cui tutti quelli che sono nelle tombe commemorative udranno la sua voce e ne verranno fuori” (Giovanni 5:28, 29). Come saremo felici di riabbracciare i nostri cari! Dio davvero “asciugherà ogni lacrima” dai nostri occhi (Rivelazione 21:4). La maggioranza dei risuscitati saranno “ingiusti”, cioè persone che non hanno mai conosciuto la verità su Geova e su Gesù. E noi avremo la gioia di insegnare loro la verità su Dio così che possano ricevere la “vita eterna” (Atti 24:15; Giovanni 17:3).

18. Quali sono le necessità più importanti degli esseri umani?

18 Quando il Regno verrà, santificherà il nome di Dio. Allora tutti nell’universo adoreranno Geova in modo unito. Dio risponderà alle prime tre richieste della preghiera modello, e quindi soddisferà davvero le necessità più importanti degli esseri umani. Comunque Gesù insegnò che dovremmo pregare anche per altre necessità importanti. Nel prossimo articolo vedremo quali sono.

^ par. 12 Per sapere in che modo questa profezia si è adempiuta nel 1914, vedi il libro Cosa insegna realmente la Bibbia?, pagine 215-218.