Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia (edizione per lo studio, facile lettura)  |  aprile 2015

Anziani, state addestrando altri?

Anziani, state addestrando altri?

Per ogni cosa c’è un tempo fissato (ECCLESIASTE 3:1)

1, 2. Cosa hanno notato diversi sorveglianti di circoscrizione in molte congregazioni?

L’ADUNANZA degli anziani con il sorvegliante di circoscrizione era quasi finita. Il sorvegliante guardò i fratelli e provò grande affetto per quegli uomini così impegnati nella congregazione. Alcuni di loro potevano avere l’età di suo padre. Ma c’era una cosa importante che lo preoccupava. Per questo chiese: “Fratelli, cosa avete fatto per addestrare altri così che possano avere più responsabilità nella congregazione?” Gli anziani si ricordavano che nella sua precedente visita il sorvegliante li aveva incoraggiati a fare di più sotto questo aspetto. Alla fine, uno di loro ammise: “Non abbiamo fatto molto”. E gli altri furono d’accordo con lui.

2 Se sei un anziano, forse daresti una risposta simile. Secondo diversi sorveglianti di circoscrizione, molti anziani dovrebbero dedicare più tempo ad addestrare giovani e meno giovani a prendersi cura della congregazione. Ma addestrare altri può essere davvero difficile. Vediamo perché.

3. (a) In che modo la Bibbia mostra che addestrare altri è importante, e perché questo dovrebbe interessare ognuno di noi? (Vedi la nota in calce.) (b) Perché alcuni anziani potrebbero trovare difficile addestrare altri?

 3 In qualità di anziano sai che dedicare tempo ad addestrare altri fratelli è una cosa importante. * (Vedi la nota in calce.) Sai che per mantenere forti le congregazioni di oggi e sostenere le congregazioni che si formeranno in futuro c’è bisogno di più fratelli. (Leggi Isaia 60:22.) La Bibbia dice che dovresti “insegnare ad altri”. (Leggi 2 Timoteo 2:2.) Eppure, trovare il tempo per farlo può essere difficile. Devi prenderti cura della tua famiglia e devi anche lavorare. E poi devi occuparti dei bisogni della congregazione e di altre faccende urgenti. Visto che gli impegni sono tanti, vediamo perché è fondamentale che tu ti prenda il tempo per addestrare altri.

ADDESTRARE ALTRI È URGENTE

4. Perché a volte gli anziani rimandano il compito di addestrare altri?

4 Perché potrebbe essere difficile trovare il tempo per addestrare i fratelli nella congregazione? Forse alcuni pensano: “Ci sono altre faccende ben più urgenti che richiedono attenzione. La congregazione non avrà nessun problema se non dedico subito del tempo ad addestrare altri”. Ma è veramente così? È vero, forse ci sono altre faccende che richiedono urgentemente la tua attenzione. Ma se rimandi sempre il compito di addestrare altri, in realtà potresti danneggiare la congregazione.

5, 6. Cosa possiamo imparare dall’esempio del guidatore che deve mantenere in buono stato la macchina? Che paragone si può fare tra il guidatore e gli anziani?

5 Facciamo un esempio. Per tenere una macchina in buono stato, un guidatore sa che deve fare regolarmente il cambio dell’olio. Ma potrebbe pensare che sia più urgente mettere benzina nel serbatoio, perché senza benzina la macchina non va. Forse il guidatore pensa pure che se ha troppe cose da fare può rimandare il cambio dell’olio. Dopotutto la macchina continuerà comunque a funzionare almeno per un po’. Ma questo modo di pensare può essere pericoloso. Se il guidatore non fa il cambio dell’olio quando è necessario, prima o poi la macchina avrà problemi seri. E alla fine il guidatore sarà costretto a spendere molti soldi per la riparazione, che magari richiederà parecchio tempo. Cosa impariamo da questo esempio?

6 È chiaro che gli anziani devono occuparsi urgentemente delle faccende importanti, altrimenti la congregazione avrà problemi. Come il guidatore che mette regolarmente benzina nel serbatoio, gli anziani devono ‘accertarsi delle cose più importanti’ (Filippesi 1:10). Ma alcuni anziani potrebbero essere così impegnati con queste faccende importanti da non trovare il tempo per addestrare altri. In questo caso, sarebbero come il guidatore che trascura di fare il cambio dell’olio. Se gli anziani rimandano continuamente il compito di addestrare altri, prima o poi la congregazione si troverà in difficoltà: non avrà  abbastanza fratelli in grado di occuparsi di tutte le cose da fare.

7. Come dovremmo considerare gli anziani che dedicano tempo ad addestrare altri?

7 Perciò non pensare mai che addestrare altri sia una cosa che si possa sempre rimandare. Quando gli anziani dedicano del tempo ad addestrare altri, in realtà si stanno interessando del futuro della congregazione. Dimostrano di essere saggi e una vera benedizione per tutti. (Leggi 1 Pietro 4:10.) In che modo l’addestramento che danno è utile a tutta la congregazione?

UN SAGGIO USO DEL TEMPO

8. (a) Quali motivi hanno gli anziani per addestrare altri? (b) Quale urgente responsabilità hanno gli anziani che servono dove c’è più bisogno? (Vedi il riquadro “ Una missione urgente”.)

8 Anche gli anziani più esperti devono essere modesti e riconoscere che man mano che invecchiano potranno fare sempre di meno (Michea 6:8). E poi tutti gli anziani dovrebbero tenere presente che “il tempo e l’avvenimento imprevisto” potrebbero improvvisamente limitare quello che possono fare in congregazione (Ecclesiaste 9:11, 12; Giacomo 4:13, 14). Perciò, visto che amano il popolo di Geova, gli anziani si impegnano per insegnare ai fratelli più giovani quello che loro hanno imparato nel corso degli anni. (Leggi Salmo 71:17, 18.)

9. Quale avvenimento futuro rende l’addestramento così importante?

9 Gli anziani che addestrano altri sono una benedizione anche per un altro motivo: con il loro impegno rafforzeranno la congregazione. Grazie a questo addestramento più fratelli saranno in grado di aiutare la congregazione a rimanere unita e fedele a Dio. Questa è  una cosa importante ora che viviamo negli ultimi giorni, e diventerà ancora più importante durante la grande tribolazione (Ezechiele 38:10-12; Michea 5:5, 6). Quindi, cari anziani, dedicate regolarmente del tempo ad addestrare altri a iniziare da oggi.

10. Cosa dovrà fare forse un anziano per addestrare altri?

10 Sappiamo che come anziano hai già un programma pieno di impegni perché ti occupi di importanti faccende di congregazione. Perciò forse dovrai prendere un po’ del tempo che normalmente dedichi alle tue responsabilità e usarlo per addestrare altri (Ecclesiaste 3:1). In questo modo userai saggiamente il tuo tempo e la congregazione ne sentirà i benefìci in futuro.

CREARE LE CONDIZIONI GIUSTE

11. (a) Cosa si nota di interessante nei consigli che hanno dato anziani di diverse nazioni? (b) Secondo Proverbi 15:22, perché è importante considerare i consigli di altri anziani?

11 Di recente, ad alcuni anziani bravi nell’addestrare altri è stato chiesto di spiegare come fanno. * (Vedi la nota in calce.) Tutti gli anziani hanno dato consigli simili, anche se le loro circostanze sono molto diverse. Cosa dimostra questo? Dimostra che l’addestramento basato sulla Bibbia è utile “dappertutto in ogni congregazione” (1 Corinti 4:17). In questo articolo e nel prossimo considereremo alcuni consigli che questi anziani hanno dato (Proverbi 15:22). Negli articoli chi dà addestramento sarà chiamato “insegnante”, mentre chi lo riceve sarà chiamato “allievo”.

12. Cosa deve creare un insegnante, e perché?

12 Per prima cosa, un insegnante deve creare le condizioni giuste. Perché è importante? Proprio come un giardiniere deve preparare il terreno prima di seminare, così un insegnante deve preparare il cuore dell’allievo prima di insegnargli a fare cose nuove. Cosa può fare un insegnante per creare le condizioni giuste? Può seguire l’esempio di un insegnante capace del passato, il profeta Samuele.

13-15. (a) Geova disse a Samuele di fare che cosa? (b) Cosa fece Samuele per preparare Saul al suo nuovo incarico? (Vedi l’illustrazione iniziale.) (c) Perché questo racconto biblico è utile per gli anziani oggi?

13 Più di 3.000 anni fa, un giorno Geova disse all’anziano profeta Samuele: “Domani verso quest’ora ti manderò un uomo dal paese di Beniamino, e lo devi ungere come condottiero sul mio popolo Israele” (1 Samuele 9:15, 16). Samuele capì che non sarebbe stato più lui a guidare la nazione. Geova aveva scelto un nuovo condottiero. Per preparare quell’uomo al suo nuovo incarico, Samuele pensò a un piano.

14 Il giorno dopo Samuele incontrò Saul. Allora Geova disse a Samuele: “Ecco l’uomo”. Immediatamente Samuele mise in pratica il suo piano. Creò una buona occasione per poter parlare con Saul. Samuele invitò Saul e il suo servitore a mangiare, e diede loro i posti migliori e i pezzi di carne migliori. Samuele disse a Saul che quei pezzi di carne erano stati messi da parte per lui proprio per quella occasione. Dopo il  pasto, Samuele invitò Saul a casa sua. Per la strada i due fecero una bella conversazione. Quando arrivarono a casa di Samuele, salirono sulla terrazza e Samuele “continuò a parlare con Saul”, finché andarono a dormire. L’indomani Samuele unse Saul, lo baciò e gli diede altre istruzioni. Poi Saul se ne andò, pronto per il suo nuovo compito (1 Samuele 9:17-27; 10:1).

15 Samuele unse Saul perché fosse il condottiero di una nazione. Ovviamente addestrare un fratello perché diventi un anziano o un servitore di ministero è una cosa ben diversa. Eppure gli anziani possono imparare molte lezioni importanti da come Samuele preparò il cuore di Saul. Vediamo due di queste lezioni.

INSEGNANTI PRONTI AD AGIRE E BUONI AMICI

16. (a) Che sentimenti provò Samuele quando il popolo d’Israele chiese di avere un re? (b) Come reagì Samuele quando Geova gli disse di ungere Saul?

16 Sii pronto, non esitare. Quando Samuele sentì per la prima volta che gli israeliti volevano un re in carne e ossa ci rimase male e si sentì respinto (1 Samuele 8:4-8). Per tre volte Geova gli dovette dire di ascoltare il popolo, perché Samuele non voleva dare un re a Israele (1 Samuele 8:7, 9, 22). Anche se Samuele provava questi sentimenti, non diventò geloso e non si arrabbiò con l’uomo che avrebbe preso il suo posto. Quando Geova gli disse di ungere Saul, Samuele non esitò. Fu pronto a ubbidire, non semplicemente perché doveva farlo ma perché amava Geova.

Insegnanti, prendetevi il tempo per stare con gli allievi nonostante i vostri impegni

17. In che modo oggi gli anziani imitano Samuele, e che gioia provano?

17 Oggi ci sono molti anziani esperti che hanno imitato Samuele e hanno addestrato altri con amore (1 Pietro 5:2). Questi anziani sono pronti ad addestrare altri e non hanno paura di cedere agli allievi alcuni dei loro privilegi nella congregazione. Al contrario, per loro questi fratelli sono preziosi “compagni d’opera” che li aiuteranno a prendersi cura della congregazione (2 Corinti 1:24; Ebrei 13:16). Questi anziani  generosi provano la gioia di vedere che gli allievi usano le loro capacità per aiutare il popolo di Geova (Atti 20:35).

18, 19. In che modo un anziano può preparare il cuore di un allievo, e perché questo è importante?

18 Sii un amico, non solo un insegnante. Quando incontrò Saul, Samuele avrebbe potuto ungerlo subito come re, prendendo l’olio e versandolo in fretta sulla sua testa. È vero che in questo modo il nuovo re sarebbe stato unto, ma sarebbe anche stato impreparato per guidare il popolo di Dio. Prima di ungere Saul, invece, Samuele si prese il tempo di preparare il cuore di Saul per il suo nuovo incarico. Infatti i due mangiarono insieme, fecero una piacevole camminata, parlarono a lungo e si riposarono. Quindi Samuele, prima di ungere il nuovo re, aspettò il momento giusto.

L’addestramento comincia quando si diventa amici (Vedi i paragrafi 18 e 19)

19 Lo stesso succede oggi. Prima di iniziare ad addestrare un fratello, un anziano dovrebbe cercare di diventare suo amico. In che modo un anziano può far sentire l’allievo a suo agio? Dipende dalle circostanze e dalla cultura del posto. In ogni caso, un anziano dovrebbe prendersi il tempo per stare con l’allievo nonostante i suoi impegni. In questo modo l’allievo capirà di essere importante per lui. (Leggi Romani 12:10.) Di sicuro gli allievi saranno profondamente grati dell’interesse e delle attenzioni degli anziani.

20, 21. (a) Come descrivereste un bravo insegnante? (b) Quale sarà l’argomento del prossimo articolo?

20 Il bravo insegnante ama dare addestramento, ma ama anche la persona che addestra. (Confronta Giovanni 5:20.) Perché questo è importante? Perché se l’allievo capisce che l’insegnante gli vuole bene, sarà più disposto a imparare da lui. Quindi, anziani, impegnatevi a essere non solo insegnanti ma anche buoni amici dei vostri allievi (Proverbi 17:17; Giovanni 15:15).

21 Dopo aver preparato il cuore dell’allievo, un anziano può iniziare l’addestramento. Quali metodi può usare? Questo sarà l’argomento del prossimo articolo.

^ par. 3 Questo articolo e il prossimo sono scritti soprattutto per gli anziani. Ma ognuno di noi dovrebbe essere interessato a queste informazioni. Perché? Perché aiuteranno i fratelli a capire che hanno bisogno di addestramento per fare di più nella congregazione. E avere più fratelli addestrati nella congregazione è utile a tutti.

^ par. 11 Questi anziani vivono in Australia, Bangladesh, Belgio, Brasile, Corea, Francia, Giappone, Guiana Francese, Messico, Namibia, Nigeria, Riunione, Russia, Stati Uniti e Sudafrica.