Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  luglio 2014

Potete vedere l’invisibile Iddio?

Potete vedere l’invisibile Iddio?

“DIO è uno Spirito”, un essere invisibile agli occhi umani (Giovanni 4:24). La Bibbia però afferma che in un certo senso alcuni lo hanno visto (Ebrei 11:27). Com’è possibile? Potete vedere davvero l’“invisibile Iddio”? (Colossesi 1:15).

Paragoniamo la nostra condizione a quella di un individuo cieco dalla nascita. La cecità gli impedisce forse di conoscere il mondo che lo circonda? Non del tutto. Chi è cieco riceve informazioni in vari modi, che gli permettono di percepire persone, oggetti e attività intorno a lui. “La vista non è negli occhi”, ha detto un uomo cieco. “È nel cervello” (National Geographic, luglio 2013).

Analogamente, anche se non potete usare i vostri occhi fisici per vedere Dio, potete usare “gli occhi del vostro cuore” (Efesini 1:18). Ecco tre modi per farlo.

“SI VEDONO CHIARAMENTE FIN DALLA CREAZIONE DEL MONDO”

Spesso un cieco sviluppa particolarmente i sensi dell’udito e del tatto, che usa per percepire quello che non può vedere. Allo stesso modo, potete usare i vostri sensi fisici per esaminare il mondo che vi circonda e percepire l’Iddio invisibile che lo ha creato. “Le sue invisibili qualità [...] si vedono chiaramente fin dalla creazione del mondo, perché si comprendono dalle cose fatte” (Romani 1:20).

Pensate ad esempio alla nostra dimora. La terra è progettata in maniera unica non semplicemente per farci sopravvivere, ma per farci godere la vita. Quando sentiamo una brezza leggera, ci riscaldiamo al sole, assaggiamo un frutto succulento o ascoltiamo il cinguettio degli uccellini, ne siamo deliziati. Questi doni non rivelano forse la premura, la tenerezza e la generosità del nostro Creatore?

Cosa potete imparare su Dio da ciò che vedete nell’universo? Innanzitutto, i cieli rivelano la potenza di Dio. Recenti scoperte scientifiche suggeriscono non solo che l’universo è in espansione, ma anche che si espande a un ritmo sempre più rapido! Quando guardate di notte un cielo stellato chiedetevi: “Qual è la fonte dell’energia che determina l’espansione e l’accelerazione dell’universo?” La Bibbia ci dice che il Creatore possiede un’“abbondanza di energia dinamica” (Isaia 40:26). La creazione ci mostra che Egli è l’“Onnipotente”, Colui che è “esaltato in potenza” (Giobbe 37:23).

“COLUI CHE L’HA SPIEGATO”

Una donna che ha due figli non vedenti spiega: “La comunicazione verbale è uno degli aspetti più importanti del loro apprendimento. Dite loro qualsiasi cosa vediate e sentiate, [e] siate pronti a farne un resoconto dettagliato. Voi siete i loro occhi”. Similmente, è vero che “nessun uomo ha mai visto Dio”, ma il Figlio di Dio, Gesù, “che è nella posizione del seno presso il Padre è colui che l’ha spiegato” (Giovanni 1:18). Essendo la prima opera creativa di Dio e il suo Figlio unigenito, Gesù è divenuto i nostri “occhi” nei cieli. Gesù è la migliore fonte di informazioni in merito all’invisibile Iddio.

Notate alcune delle cose che Gesù spiegò del Padre, con cui trascorse innumerevoli ere:

  • Dio opera instancabilmente. “Il Padre mio ha continuato a operare fino ad ora” (Giovanni 5:17).

  • Dio conosce i nostri bisogni. “Dio, il Padre vostro, sa quali cose vi occorrono prima che gliele chiediate” (Matteo 6:8).

  • Dio provvede benignamente per noi. Il “Padre vostro che è nei cieli [...] fa sorgere il suo sole sui malvagi  e sui buoni e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti” (Matteo 5:45).

  • Dio ci apprezza come singoli individui. “Non si vendono due passeri per una moneta di piccolo valore? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza che il Padre vostro lo sappia. Ma gli stessi capelli della vostra testa sono tutti contati. Perciò non abbiate timore: voi valete più di molti passeri” (Matteo 10:29-31).

UN UOMO CHE IMITÒ ALLA PERFEZIONE L’INVISIBILE IDDIO

Chi è cieco spesso afferra i concetti in modi diversi rispetto a chi può vedere. Un non vedente può percepire un’ombra non come una zona di oscurità priva della luce diretta del sole, bensì come un’area più fresca non raggiunta dal calore che questo emana. Proprio come una persona completamente cieca non può vedere né l’ombra né la luce del sole, noi non possiamo comprendere Geova da soli. Pertanto Geova ha provveduto un essere umano che rispecchiasse perfettamente le Sue qualità e la Sua personalità.

Quell’essere umano è stato Gesù (Filippesi 2:7). Gesù non si è limitato a parlarci di suo Padre; ce ne ha anche mostrato la personalità. Il discepolo Filippo chiese: “Signore, mostraci il Padre”. Gesù gli rispose: “Chi ha visto me ha visto anche il Padre” (Giovanni 14:8, 9). Cosa potete “vedere” riguardo al Padre attraverso le azioni compiute da Gesù?

Gesù era caloroso, umile e avvicinabile (Matteo 11:28-30). La sua bella personalità attirava le persone. Gesù sentiva il dolore degli altri e condivideva le loro gioie (Luca 10:17, 21; Giovanni 11:32-35). Man mano che leggete o ascoltate i resoconti biblici su Gesù, “attivate” i vostri sensi e fate vivere gli episodi nella vostra mente. Se meditate sul modo in cui egli interagiva con gli altri, potrete vedere più chiaramente la meravigliosa personalità di Dio ed esserne attratti.

METTIAMO INSIEME GLI ELEMENTI

Riguardo al modo in cui un cieco conosce il mondo, un testo afferma: “Lui o lei riceve frammenti di informazioni da varie fonti (come tatto, olfatto e udito), e deve metterli insieme in qualche modo per farsi un quadro generale” (A Parents’ Guide to Special Education for Children With Visual Impairments). Anche noi, osservando le opere creative di Dio, leggendo ciò che Gesù disse di suo Padre e analizzando il modo in cui rifletté le Sue qualità, ci faremo un quadro meraviglioso della personalità di Geova. Così lui diventerà più reale per noi.

Giobbe, che visse nell’antichità, fece la stessa esperienza. Inizialmente disse: “Ho parlato, ma non comprendevo” (Giobbe 42:3). Comunque dopo aver esaminato con attenzione le meraviglie della creazione di Dio esclamò: “Per sentito dire ho udito di te, ma ora il mio proprio occhio veramente ti vede” (Giobbe 42:5).

“Se lo cerchi, [Geova] si lascerà trovare da te”

Lo stesso può valere per voi. “Se lo cerchi, [Geova] si lascerà trovare da te” (1 Cronache 28:9). I Testimoni di Geova saranno felici di aiutarvi a cercare e trovare l’invisibile Iddio.