Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  febbraio 2014

 I LETTORI CHIEDONO. . .

Perché Dio permette che i forti opprimano i deboli?

Perché Dio permette che i forti opprimano i deboli?

La Bibbia presenta alcuni sconcertanti esempi di persone potenti che oppressero i deboli. Uno di questi episodi riguarda un uomo di nome Nabot. * Acab, un re d’Israele del X secolo a.E.V. (o a.C.), desiderava impossessarsi della vigna di quest’uomo. Per raggiungere tale scopo permise a sua moglie, la regina Izebel, di far uccidere Nabot e i suoi figli (1 Re 21:1-16; 2 Re 9:26). Perché Dio non impedì un così grave abuso di potere?

“Dio [...] non può mentire” (Tito 1:2)

Analizziamo una ragione importante: Dio non può mentire (Tito 1:2). Cos’ha a che fare questo con i malvagi atti di oppressione? Sin dal principio Dio avvertì gli uomini che la ribellione contro di lui avrebbe avuto una triste conseguenza, la morte. Le parole di Dio si sono avverate, e la morte ha fatto parte dell’esperienza umana sin dalla ribellione nel giardino di Eden. Il primo caso di morte fra gli uomini si verificò come conseguenza di un atto di oppressione: l’uccisione di Abele da parte di suo fratello Caino (Genesi 2:16, 17; 4:8).

Riassumendo la storia umana da quel momento in poi, la Parola di Dio dice: “L’uomo ha dominato l’uomo a suo danno” (Ecclesiaste 8:9). Queste parole si sono dimostrate vere? Geova avvertì gli israeliti, il suo popolo, che sarebbero stati oppressi dai loro re; per questo avrebbero invocato il suo aiuto (1 Samuele 8:11-18). Perfino il saggio re Salomone impose loro tasse eccessive (1 Re 11:43; 12:3, 4). Re malvagi come Acab agirono in modo molto più tirannico. Riflettete: se Dio avesse impedito tutte queste imposizioni, non avrebbe in effetti trasformato le proprie parole in menzogna?

“L’uomo ha dominato l’uomo a suo danno” (Ecclesiaste 8:9)

Ricordate inoltre che Satana asserisce che le persone servono Dio solo per motivi egoistici (Giobbe 1:9, 10; 2:4). Se Dio proteggesse tutti i suoi servitori da ogni tipo di imposizione, non tenderebbe questo ad avvalorare le affermazioni di Satana? E se proteggesse tutti gli esseri umani da ogni forma di oppressione, non si renderebbe responsabile di una falsità ancora più grande? Se esistesse una protezione del genere, molti potrebbero pensare che l’uomo sia in grado di governarsi da solo e non abbia bisogno di Dio. La sua Parola, però, dice l’esatto contrario, cioè che l’uomo non è assolutamente capace di autogovernarsi (Geremia 10:23). Abbiamo bisogno che venga il Regno di Dio; solo allora l’ingiustizia finirà.

Significa questo che Dio non stia facendo nulla al riguardo? No. In primo luogo, scopre la vera faccia della prepotenza. La sua Parola, ad esempio, mette a nudo ogni aspetto del complotto di Izebel ai danni di Nabot. Ma va oltre, rivela che simili azioni malvage sono istigate da un potente governante che vuole nascondere la propria identità (Giovanni 14:30; 2 Corinti 11:14). La Bibbia indica chiaramente che si tratta di Satana il Diavolo. Smascherando la malvagità e l’oppressione e rivelandone la vera causa, Dio ci aiuta a stare lontani dalla malvagità. In tal modo protegge il nostro futuro eterno.

In secondo luogo, Dio ci dà validi motivi per sperare che l’oppressione finirà. Il modo in cui smascherò, giudicò e punì Acab e Izebel — e molti altri come loro — ci dà la certezza che la sua promessa di punire tutti i malvagi si avvererà (Salmo 52:1-5). Inoltre Dio ci assicura che presto coloro che lo amano non dovranno più subire le conseguenze della malvagità. * Arriverà quindi il tempo in cui il fedele Nabot e i suoi figli vivranno per sempre su una terra paradisiaca dove non ci saranno più ingiustizie (Salmo 37:34).

^ par. 3 Vedi l’articolo “Imitiamo la loro fede” che compare in questo numero.