Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  ottobre 2013

 IN COPERTINA | DI COSA PARLA LA BIBBIA?

Da dove veniamo?

Da dove veniamo?

Il primo libro della Bibbia, Genesi, descrive l’origine dell’universo con poche e semplici parole: “In principio Dio creò i cieli e la terra” (Genesi 1:1). Dopo aver creato le piante e gli animali, Dio creò i primi esseri umani, Adamo ed Eva. Questi erano diversi dagli animali perché, in quanto esseri umani, riflettevano in una certa misura le qualità di Dio ed erano dotati di libero arbitrio. Adamo ed Eva erano quindi responsabili delle loro azioni. Se avessero ubbidito alle istruzioni di Dio, avrebbero potuto avere una parte nel suo proposito: sarebbero stati i primogenitori di una famiglia umana mondiale con la prospettiva di vivere sulla terra per sempre in condizioni pacifiche e perfette.

Comunque, una creatura angelica colse l’opportunità di usare gli esseri umani per proprio tornaconto. Divenne così Satana, che significa “oppositore”. Parlando tramite un serpente, Satana ingannò Eva, dicendole che avrebbe potuto vivere molto meglio senza la guida di Dio. Adamo ed Eva seguirono Satana, troncando il loro legame con Colui che li aveva creati. A motivo di quella scelta sbagliata i nostri primogenitori persero la vita eterna e trasmisero a tutti noi il peccato, l’imperfezione e, inesorabilmente, la morte.

Dio dichiarò immediatamente l’intenzione di porre rimedio a quella triste situazione e provvedere ai discendenti di Adamo il mezzo per ottenere la vita eterna. Predisse che un “seme” — una persona speciale — avrebbe infine distrutto Satana e annullato tutta la sofferenza che Satana e Adamo ed Eva avevano causato (Genesi 3:15). Chi sarebbe stato quel “seme”? Il tempo lo avrebbe rivelato.

Intanto Satana continuò a fare di tutto per frustrare il proposito di Dio. Il peccato e la malvagità si diffusero rapidamente. Dio decise di distruggere i malvagi con un diluvio e diede al giusto Noè il comando di costruire un’arca, un’enorme cassa galleggiante che avrebbe permesso a lui e alla sua famiglia di salvarsi, insieme a un numero prestabilito di animali.

Dopo un anno dall’inizio del Diluvio Noè e la sua famiglia uscirono dall’arca. Sulla terra la malvagità non c’era più, ma il “seme” doveva ancora fare la sua comparsa.

Basato su Genesi capitoli da 1 a 11; Giuda 6, 14, 15; Rivelazione (Apocalisse) 12:9.