Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  febbraio 2013

 IN COPERTINA | COSA IMPARIAMO DA MOSÈ?

Chi era Mosè?

Chi era Mosè?

Cosa vi fa venire in mente il nome Mosè?

  • Il neonato nascosto dalla madre in una cesta lasciata poi lungo il Nilo?
  • Il ragazzo che, malgrado fosse cresciuto dalla figlia del faraone tra i lussi dell’Egitto, non dimenticò mai che era ebreo?
  • L’uomo che per 40 anni fece il pastore in Madian?
  • L’uomo che parlò con Geova * davanti a un roveto ardente?
  • L’uomo che tenne testa al re d’Egitto ed ebbe il coraggio di chiedergli di liberare gli israeliti dalla schiavitù?
  • L’uomo che, seguendo la guida divina, annunciò le dieci piaghe al faraone quando questi sfidò il vero Dio?
  • L’uomo che guidò gli israeliti nel grandioso esodo dall’Egitto?
  • L’uomo che fu impiegato per dividere il Mar Rosso?
  • L’uomo che diede agli israeliti i Dieci Comandamenti ricevuti da Dio?

MOSÈ fu protagonista di tutti questi avvenimenti e di altri ancora. Non sorprende che quest’uomo fedele goda del rispetto di cristiani, ebrei e musulmani.

Non c’è alcun dubbio, Mosè fu un profeta che compì “cose grandi e tremende” (Deuteronomio 34:10-12, La Nuova Diodati). Si lasciò usare da Dio in modo potente. Tuttavia era un uomo comune. Proprio come il profeta Elia, che in una circostanza apparve accanto a lui in una visione, Mosè aveva “sentimenti simili ai nostri” (Giacomo 5:17; Matteo 17:1-9). Mosè dovette far fronte a molte delle difficoltà che incontriamo anche noi oggi e le superò.

Vorreste sapere come ci riuscì? Prendiamo in esame tre belle qualità che manifestò e vediamo cosa possiamo imparare dal suo esempio.

^ par. 7 Geova è il nome di Dio rivelato nella Bibbia.