Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  dicembre 2012

Ricordare Gesù Cristo

Ricordare Gesù Cristo

“Continuate a far questo in ricordo di me”. — LUCA 22:19.

Un motivo per cui alcuni celebrano il Natale.

Alcuni festeggiano il Natale per ricordare la nascita di Gesù.

Il problema è che. . .

Le famose canzoni di Natale e molte usanze natalizie hanno poco a che vedere con Gesù Cristo. Milioni di persone che celebrano questa festa non hanno fede in lui: alcuni non credono nemmeno che sia esistito. Nella società consumistica di oggi il Natale è diventato una festa che serve a pubblicizzare prodotti anziché un’occasione per ricordare Gesù.

Cosa dice la Bibbia?

“Il Figlio dell’uomo . . . è venuto . . . per dare la sua anima come riscatto in cambio di molti”. (Marco 10:45) Gesù pronunciò le parole riportate all’inizio dell’articolo non il giorno della sua nascita bensì la sera prima di morire. In quell’occasione istituì una cerimonia semplice che sarebbe servita per commemorare la sua morte. Ma perché Gesù voleva che i suoi seguaci ricordassero la sua morte invece della sua nascita? Perché il suo sacrificio di riscatto dà agli esseri umani ubbidienti la possibilità di ricevere la vita eterna. “Il salario che il peccato paga è la morte”, dice la Bibbia, “ma il dono che dà Dio è la vita eterna mediante Cristo Gesù nostro Signore”. (Romani 6:23) Quindi ogni anno, nell’anniversario della sua morte, i seguaci di Gesù Cristo lo ricordano non come un neonato indifeso ma come “il salvatore del mondo”. — Giovanni 4:42.

“Cristo soffrì per voi, lasciandovi un modello, affinché seguiate attentamente le sue orme”. (1 Pietro 2:21) Per onorare e ricordare Gesù dovreste studiare il suo esempio di uomo perfetto. Riflettete inoltre sul modo in cui Gesù mostrò compassione, pazienza e il coraggio di fare ciò che è giusto, e pensate a come potete imitarlo nella vostra vita.

“Il regno del mondo è divenuto il regno del nostro Signore e del suo Cristo, ed egli regnerà per i secoli dei secoli”. (Rivelazione [Apocalisse] 11:15) Quando ricordate Gesù Cristo pensate a quello che sta facendo ora: sta regnando in cielo. La Parola di Dio diceva profeticamente di Gesù: “Deve giudicare con giustizia i miseri, e deve dare riprensione con rettitudine a favore dei mansueti della terra”. (Isaia 11:4) Ad avere queste attraenti qualità non è un bambino appena nato, ma un potente governante.