Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  settembre 2012

 Accostiamoci a Dio

“Le nazioni dovranno conoscere che io sono Geova”

“Le nazioni dovranno conoscere che io sono Geova”

COME vi sentireste se vi accusassero di un reato che non avete commesso? E che dire se quel reato avesse causato tanta sofferenza ad altri, inclusi molti innocenti? Vorreste senz’altro riabilitare il vostro nome. Sapevate che Geova sta affrontando una situazione analoga? Oggi molti danno erroneamente a Dio la colpa delle ingiustizie e delle sofferenze che ci sono nel mondo. Geova ritiene molto importante riabilitare il suo nome. Prendiamo in esame ciò che dice il libro di Ezechiele. — Leggi Ezechiele 39:7.

“Non lascerò più profanare il mio santo nome”, dice Geova. Quando gli esseri umani lo incolpano delle ingiustizie, in effetti profanano il suo nome. In che modo? Nella Bibbia il termine “nome” spesso significa reputazione. Secondo un’opera di consultazione, il nome di Dio “rappresenta ciò che si sa di lui, quello che rivela di sé; rappresenta anche la sua fama, e quindi il suo onore”. Il nome di Geova include pertanto la sua reputazione. Cosa si sa del modo in cui Geova considera l’ingiustizia? La odia, e prova compassione per chi ne è vittima. * (Esodo 22:22-24) Quando affermano che Dio sia responsabile proprio delle cose che detesta, gli uomini macchiano la sua reputazione. In tal modo ‘mancano di rispetto al suo nome’. — Salmo 74:10.

Si noti che Geova usa due volte l’espressione “il mio santo nome”. (Versetto 7) Nella Bibbia il nome di Geova viene messo molte volte in relazione con i termini “santo” e “santità”. L’aggettivo “santo” trasmette l’idea di qualcosa di separato e denota purezza. Il nome di Geova è santo perché il Dio che lo porta è santo, completamente separato da qualsiasi cosa peccaminosa e impura. Capite perché coloro che danno a Geova la colpa della malvagità recano il massimo disonore sul suo “santo nome”?

Il proposito di Geova di riabilitare il suo nome per mezzo del suo Regno è il tema principale della Bibbia. Questo tema viene messo in risalto nel libro di Ezechiele, dove più volte si legge: “Le nazioni dovranno conoscere che io sono Geova”. (Ezechiele 36:23; 37:28; 38:23; 39:7) Si noti che le nazioni “dovranno conoscere” chi è Geova: non lo faranno per libera scelta. In altre parole, Geova intende agire in modo tale che le nazioni della terra saranno costrette a riconoscere che egli è colui che dice di essere: Geova, il Sovrano Signore il cui nome rappresenta tutto ciò che c’è di santo e puro.

La promessa spesso ripetuta che le nazioni dovranno conoscere chi è Geova è una buona notizia per coloro che attendono con ansia la fine delle ingiustizie e delle sofferenze. Presto Geova adempirà questa promessa e toglierà ogni disonore dal suo nome. Eliminerà la malvagità e coloro che la causano, ma manterrà in vita coloro che riconoscono e rispettano il suo nome e ciò che esso rappresenta. (Proverbi 18:10) Questo non suscita in voi il desiderio di sapere come avvicinarvi di più a Geova, il Dio che è santo e “ama la giustizia”? — Salmo 37:9-11, 28.

Lettura biblica suggerita per settembre:

^ par. 4 Vedi l’articolo “Accostiamoci a Dio: Colui che ama la giustizia”, nel numero della Torre di Guardia del 1° novembre 2008.