Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  ottobre 2011

 Insegnatelo ai bambini

Quando dobbiamo rimanere svegli

Quando dobbiamo rimanere svegli

TU SAI che rimanere svegli a scuola è importante. Molti si appisolano, ma se vuoi imparare qualcosa devi rimanere sveglio. Forse vai anche alle adunanze in cui si studia la Bibbia.

Secondo te, cosa può aiutarti a rimanere sveglio? — * Un’idea potrebbe essere quella di andare a dormire presto. Potresti anche fare un sonnellino dopo pranzo. Vediamo cosa possiamo imparare da ciò che accadde a un ragazzo che a tarda sera si addormentò durante un discorso dell’apostolo Paolo. Apriamo la Bibbia in Atti capitolo 20 e leggiamo i versetti da 7 a 12.

Paolo stava visitando la congregazione della città portuale di Troas. La Bibbia spiega che Paolo “sarebbe partito il giorno seguente” con una nave. Così “prolungò il suo discorso fino a mezzanotte”. Il racconto dice: “Seduto alla finestra, un certo giovane di nome Eutico fu preso da un sonno profondo mentre Paolo continuava a parlare”. Cosa accadde a quel punto? —

Eutico “cadde dal terzo piano”. Paolo corse con altri giù per le scale e vide il ragazzo a terra, morto. Riesci a immaginare quanto erano sconvolti i presenti? — La Bibbia dice che Paolo si chinò sul ragazzo e lo abbracciò. Subito dopo esclamò con gioia che non c’era da preoccuparsi e che il ragazzo stava bene. Dio lo aveva riportato in vita.

 Cosa puoi imparare su Dio da quello che è successo a Eutico? — Una prima cosa è che Geova, il nostro Padre celeste, ha il potere di risuscitare i morti. Un’altra è che Geova ti capisce e ti ama, anche più di quanto possano fare i tuoi genitori. Quando era sulla terra, Gesù ci dimostrò questo aspetto della personalità di Geova e in alcune occasioni prese in braccio i bambini e li benedisse. Inoltre, tra le persone che risuscitò ci furono dei giovani, per esempio una ragazzina di 12 anni.

Cosa provi pensando al fatto che il tuo Padre celeste ti ama? — Sicuramente ti spinge a ricambiare il suo amore e a ubbidirgli. Sai come possiamo dimostrargli che lo amiamo? — Un modo è farlo sapere agli altri. Gesù disse: “Io amo il Padre”. Ma non si limitò a dire che lo amava. Lo dimostrò con i fatti.

Gesù fu ubbidiente a Dio. In un’occasione disse: “Faccio sempre le cose che gli piacciono”. Anche tu vuoi far piacere a Geova e a suo Figlio, Gesù? Allora fai del tuo meglio per rimanere sveglio quando si tratta di imparare.

^ par. 4 Se leggete questo articolo con un bambino, la lineetta vi ricorda di fermarvi e incoraggiarlo a esprimersi.