Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  aprile 2011

 Insegnatelo ai bambini

Ti capita mai di sentirti solo e avere paura?

Ti capita mai di sentirti solo e avere paura?

OGGI molti si sentono soli; pensano che nessuno si interessi davvero di loro. Le persone anziane spesso si sentono così. Ma anche a tanti bambini, perfino a molti che servono Dio, capita di sentirsi soli e avere paura. Sai perché?  *

Possono esserci molte ragioni. Prendiamo il caso di un uomo che visse molto tempo fa, quasi mille anni prima della nascita di Gesù. Si chiamava Elia, e visse in un tempo in cui la nazione d’Israele aveva smesso di servire il vero Dio, Geova. La maggioranza aveva iniziato ad adorare il falso dio Baal. Elia disse: “Io solo sono rimasto”. Secondo te, Elia era veramente l’unico che stava ancora servendo Geova? 

Anche se Elia non se ne rendeva conto, c’erano altri in Israele che adoravano ancora il vero Dio. Ma si nascondevano perché avevano paura. Sai come mai? 

Acab, il re d’Israele, non serviva Geova: adorava Baal, il falso dio della sua malvagia moglie Izebel. Lei e Acab cercavano di scovare i servitori di Geova, specialmente Elia, per ucciderli. Ecco perché Elia scappò. Fece quasi 480 chilometri, attraversando il deserto fino in Horeb, luogo che nella Bibbia è chiamato anche Sinai. Lì, centinaia di anni prima, Geova aveva dato al suo popolo i Dieci Comandamenti e il resto della sua Legge. Elia si nascose in una caverna dell’Horeb tutto  solo. Secondo te, Elia aveva ragione di essere spaventato? 

La Bibbia mostra che qualche tempo prima Geova si era servito di lui per compiere grandi miracoli. In una circostanza aveva esaudito la preghiera di Elia mandando fuoco dal cielo per consumare un sacrificio. In quel modo Geova aveva dimostrato che il vero Dio era Lui, non Baal. Ora, mentre Elia era nella caverna, Geova gli parlò.

“Che fai qui?”, gli chiese. Questa è l’occasione in cui Elia disse di essere rimasto l’unico ad adorarlo. Geova lo corresse con gentilezza affermando che c’erano ancora settemila persone che Lo servivano, e gli disse di tornare: aveva ancora molto lavoro da fargli fare.

Cosa pensi che possiamo imparare dall’esempio di Elia? — Anche a chi serve Geova può capitare di aver paura. Quindi tutti noi, sia giovani che vecchi, dobbiamo ricordarci di chiedere aiuto a Geova. La Bibbia assicura: “Geova è vicino a tutti quelli che lo invocano”.

Possiamo imparare anche un’altra cosa: abbiamo ovunque fratelli e sorelle che nutrono amore per Geova e per noi. La Bibbia dice: “Le stesse cose in quanto alle sofferenze si compiono nell’intera associazione dei [nostri] fratelli che sono nel mondo”. Non sei felice di sapere che non siamo mai veramente soli? 

^ par. 3 Se leggete questo articolo con un bambino, la lineetta vi ricorda di fermarvi e incoraggiarlo a esprimersi.