Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  novembre 2010

 Per avere una famiglia felice

Parlate del sesso ai vostri figli

Parlate del sesso ai vostri figli

Alicia, * un’adolescente, dice: “A volte mi vengono delle domande riguardo al sesso, ma ho paura che se le faccio ai miei genitori penseranno che sto combinando qualche guaio”.

Inez, sua madre, dice: “Mi piacerebbe mettermi seduta con mia figlia e parlarle del sesso, ma ha una vita così intensa. Non ha mai un momento libero”.

OGGI il sesso è sbandierato ovunque: in TV, al cinema e sui cartelloni pubblicitari. Sembra che l’unico contesto in cui è ancora un tabù siano le conversazioni tra genitori e figli. “Magari i genitori capissero quanto è snervante e imbarazzante parlare con loro di sesso!”, afferma Michael, un ragazzo del Canada. “È più facile parlarne con un amico”.

Spesso i genitori sono riluttanti almeno quanto i figli ad affrontare l’argomento. In un suo libro, la pedagogista Debra W. Haffner dichiara: “Molti genitori mi hanno raccontato di aver comprato un libro che parla di educazione sessuale o della pubertà, di averlo lasciato nella stanza del figlio preadolescente e di non aver più affrontato l’argomento”. La Haffner spiega che per i ragazzi il messaggio è chiaro: “Vogliamo che tu sia informato riguardo al tuo corpo e al sesso, ma non vogliamo essere noi a parlartene”. — Beyond the Big Talk.

Se siete genitori, il vostro approccio deve essere completamente diverso. È fondamentale che parliate di persona del sesso ai vostri figli. Ecco tre ragioni per farlo:

  1. La concezione del sesso è cambiata. “Quando si parla di sesso non ci si riferisce più solo ai rapporti sessuali tra marito e moglie”, dice James, che ha 20 anni. “Ora ci sono il sesso orale, il sesso anale, il cibersesso e perfino il ‘sexting’ al telefono”. (Il termine “sexting” deriva da “sex” e “texting”, cioè “sesso” e “messaggiare”).

  2. Molto probabilmente i vostri figli riceveranno informazioni errate sin da piccoli. “Sentono parlare di sesso non appena iniziano ad andare a scuola”, afferma Sheila, una madre, “e non si fanno l’idea che noi vorremmo avessero sull’argomento”.

  3. I vostri figli hanno delle domande sul sesso, ma è difficile che siano loro a rompere il ghiaccio con voi. “Francamente non saprei da dove cominciare a parlare di sesso con i miei genitori”, confessa Ana, una quindicenne del Brasile.

 In effetti parlare ai vostri figli del sesso è parte della responsabilità che Dio ha affidato a voi genitori. (Efesini 6:4) È vero, forse non è una cosa semplice, né per voi né per loro. Ma d’altra parte, molti ragazzi concordano con queste parole di Danielle, che ha 14 anni: “Per quanto riguarda il sesso, vogliamo che a parlarcene siano i nostri genitori, e non un professore a scuola o un programma in TV”. Come potete, allora, affrontare con i vostri figli questo importante argomento, per quanto imbarazzante possa essere? *

Informazioni adatte all’età

A meno che non vivano su un’isola deserta, i bambini cominciano molto presto a sentire parlare di sesso. L’aspetto più inquietante è che in questi “ultimi giorni” individui malvagi sono andati “di male in peggio”. (2 Timoteo 3:1, 13) Purtroppo molti bambini sono stati sfruttati per scopi sessuali da adulti pervertiti.

È quindi importante che iniziate a istruire i vostri figli sin da quando sono molto piccoli. “Se aspettate che siano quasi adolescenti”, dice Renate, una madre che vive in Germania, “il rischio è che non ve ne vogliano parlare apertamente a causa delle inibizioni tipiche della pubertà”. Il segreto sta nel trasmettere ai figli informazioni adatte alla loro età.

Se sono in età prescolare:

Sforzatevi di insegnare il nome corretto degli organi sessuali, e fate capire chiaramente che nessuno deve toccare tali organi. “Ho iniziato a insegnare queste cose a mio figlio quando aveva tre anni”, racconta Julia, dal Messico. E aggiunge: “La sola idea che insegnanti, baby-sitter o bambini più grandi potessero fargli del male mi preoccupava moltissimo. Aveva bisogno di imparare a proteggersi”.

PROVATE QUESTO: Insegnate al bambino a reagire in modo fermo se qualcuno cerca di “giocare” con i suoi organi sessuali. Per esempio potreste insegnargli a dire: “Smettila! Lo dico agli altri!” Assicurategli che è sempre giusto dire quello che è successo, anche se la persona gli ha promesso un regalo o lo ha minacciato. *

Se vanno alle elementari:

Sfruttate questi anni per accrescere gradualmente la conoscenza del bambino. “Saggiate il terreno prima di affrontare l’argomento”, raccomanda un padre di nome Peter. “Cercate di scoprire cosa sanno già e se vorrebbero sapere dell’altro. Non forzateli. Parlarne sarà più naturale se passate regolarmente del tempo con loro”.

PROVATE QUESTO: Invece di un solo lungo discorso, fate con i vostri figli conversazioni brevi e frequenti. (Deuteronomio 6:6-9) In tal modo non li sommergerete di informazioni. Inoltre, crescendo essi avranno di volta in volta il bagaglio di conoscenza necessario a seconda del grado di maturità raggiunto.

Se sono adolescenti:

È questo il momento in cui dovete essere sicuri che vostro figlio comprenda bene le implicazioni fisiche, emotive e morali del sesso. “I ragazzi e le ragazze della mia scuola fanno già sesso con chi capita”, dice Ana, la quindicenne citata prima. “Dal momento che sono cristiana, credo sia necessario che io sappia determinate informazioni al riguardo. Per quanto possa essere imbarazzante parlare di sesso, ho bisogno di conoscere l’argomento”. *

Un avvertimento: Gli adolescenti potrebbero trattenersi dal fare domande ai genitori per timore che a questi venga il sospetto che si stiano comportando male. È quanto ha riscontrato un padre di nome Steven. “Nostro figlio divenne poco propenso a parlare di sesso”, racconta. “Ma in seguito capimmo che pensava sospettassimo del suo comportamento. Gli dicemmo chiaramente che se parlavamo di quegli argomenti  non era perché avessimo qualche sospetto su di lui; volevamo solo accertarci che fosse preparato a gestire tutte le influenze negative a cui era soggetto”.

PROVATE QUESTO: Invece di essere diretti e fare a vostro figlio una domanda particolare sul sesso, chiedetegli cosa pensano al riguardo i suoi compagni di classe. Per esempio potreste dire: “Un sacco di gente ormai crede che il sesso orale non sia vero e proprio sesso. Anche i tuoi compagni di scuola la pensano così?” Simili domande indirette potrebbero indurre più facilmente vostro figlio ad aprirsi e ad esprimervi il suo punto di vista.

Vincere l’imbarazzo

Non c’è dubbio che parlare del sesso ai figli potrebbe essere uno dei compiti più difficili per un genitore. Ma ne vale la pena. “Nel corso del tempo”, dice una madre di nome Diane, “l’imbarazzo si attenua e parlare di sesso con vostro figlio può diventare un’occasione per consolidare il legame con lui”. Steven, già citato, è d’accordo e dichiara: “Parlare di argomenti imbarazzanti come il sesso diventa più facile se in famiglia si prende l’abitudine di parlare apertamente di qualunque argomento”. Poi aggiunge: “L’imbarazzo non sparisce mai del tutto, ma un dialogo aperto è una linfa vitale per una famiglia cristiana felice”.

^ par. 3 In questo articolo i nomi sono stati cambiati.

^ par. 11 Questo articolo parla dell’importanza di parlare ai figli del sesso. In un futuro articolo della serie ci soffermeremo su come instillare valori morali nel corso di tali conversazioni.

^ par. 16 Informazioni adattate dalla pagina 171 del libro Impariamo dal grande Insegnante, edito dai Testimoni di Geova.

^ par. 19 Per parlare di sesso con vostro figlio adolescente usate i capitoli 1-5, 28, 29 e 33 del libro I giovani chiedono. . . Risposte pratiche alle loro domande, volume 2, edito dai Testimoni di Geova.

CHIEDETEVI. . .

Leggete i commenti che seguono raccolti tra ragazzi di tutto il mondo e poi fatevi le domande riportate.

“I miei mi dicono di leggere articoli sul sesso e poi, se ho qualche domanda, di rivolgermi a loro. Io però preferirei che mi parlassero di più dell’argomento”. — Ana, Brasile.

Secondo voi, perché non basta dare semplicemente al proprio figlio del materiale da leggere?

“So molte cose davvero brutte sul sesso, cose che secondo me mio padre neanche immagina. Inorridirebbe se gli facessi qualche domanda al riguardo”. — Ken, Canada.

Perché vostro figlio potrebbe aver paura di parlarvi di ciò che lo preoccupa?

“Quando alla fine ho preso coraggio e ho fatto ai miei genitori una domanda sul sesso, loro hanno reagito chiedendomi in tono accusatorio: ‘Perché ce lo chiedi? Cos’è successo?’” — Masami, Giappone.

Quando vostro figlio vi fa una domanda sul sesso, in che modo con la vostra reazione potete creare o distruggere la possibilità di conversazioni future?

“Mi sarebbe di aiuto se i miei genitori mi rassicurassero dicendomi che alla mia età anche loro si chiedevano certe cose e che è normale che io faccia delle domande”. — Lisette, Francia.

Come potete mettere a suo agio vostro figlio in modo che si senta più libero di parlarvi di sesso?

“Mia madre mi faceva delle domande sul sesso, ma con un tono affabile. Secondo me questo è importante, perché così un figlio non si sente giudicato”. — Gerald, Francia.

Che tono di voce usate quando parlate a vostro figlio di sesso? Dovreste migliorare al riguardo?