Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  ottobre 2010

Pregare: È importante dove e quando?

Pregare: È importante dove e quando?

SENZA dubbio sapete che la maggior parte delle religioni organizzate danno molta importanza a luoghi di preghiera riccamente adorni e stabiliscono ore precise della giornata in cui pregare. Ma secondo la Bibbia, dovremmo pregare solo in certi luoghi o in certe ore?

In effetti la Bibbia indica che ci sono occasioni appropriate per pregare. Ad esempio, prima di bere e di mangiare insieme ai suoi seguaci, Gesù ringraziò Dio in preghiera. (Luca 22:17) E i discepoli, quando si riunivano per l’adorazione, pregavano insieme. In tal modo seguivano un’usanza adottata già da molto tempo nelle sinagoghe ebraiche e nel tempio di Gerusalemme. Dio voleva che il tempio fosse una “casa di preghiera per tutte le nazioni”. — Marco 11:17.

Quando i servitori di Dio si riuniscono e pregano insieme, le loro invocazioni possono essere efficaci. Se il gruppo è unito nello spirito e la preghiera detta in favore dei presenti è in armonia con i princìpi scritturali, Dio è soddisfatto. La preghiera può anche spingerlo a fare qualcosa che forse altrimenti non farebbe. (Ebrei 13:18, 19) I testimoni di Geova pregano regolarmente alle loro adunanze. Siete calorosamente invitati a recarvi nella Sala del Regno più vicina a casa vostra e ascoltare di persona tali preghiere.

La Bibbia, comunque, non limita la possibilità di pregare a un tempo o a un luogo in particolare. In essa troviamo esempi di servitori di Dio che vengono descritti mentre pregavano nelle occasioni e nei luoghi più disparati. Gesù disse: “Quando preghi, entra nella tua stanza privata e, chiusa la porta, prega il Padre tuo che è nel segreto; allora il Padre tuo che vede nel segreto ti ricompenserà”. — Matteo 6:6.

Possiamo pregare in qualsiasi momento e in qualunque luogo

Non è una prospettiva allettante? Ci si può senz’altro avvicinare al Sovrano dell’universo in qualsiasi momento, in completa solitudine, certi di avere la sua attenzione. Non c’è dunque da meravigliarsi se spesso Gesù voleva stare solo per pregare. In un’occasione trascorse l’intera notte in preghiera, evidentemente perché desiderava la guida di Dio nel prendere un’importantissima decisione. — Luca 6:12, 13.

Altri uomini e donne menzionati nella Bibbia pregarono quando si trovarono di fronte a decisioni gravi o a enormi difficoltà. Pregarono ad alta voce o in silenzio, in gruppo o da soli. Ma sta di fatto che pregarono. Dio rivolge ai suoi servitori perfino questo invito: “Pregate incessantemente”. (1 Tessalonicesi 5:17) Egli non si stanca mai di ascoltare coloro che fanno la sua volontà. È davvero un invito amorevole!

Ovviamente nel mondo di oggi, dove impera il cinismo, molti si chiedono se pregare serva a qualcosa. Forse anche voi vi chiedete: ‘Mi sarà di qualche aiuto?’