Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  febbraio 2010

 Per avere una famiglia felice

I rapporti con i suoceri

I rapporti con i suoceri

Jenny: * La madre di Ryan non perdeva occasione per criticarmi. Ma la situazione non era certo migliore per Ryan quando andavamo a trovare i miei: non li avevo mai visti trattare nessuno così male! Visitare i miei o i suoi genitori diventò un incubo per entrambi.

Ryan: A sentire mia madre, non c’era mai nessuno che andasse bene per i suoi figli, così trovò da ridire su Jenny sin dall’inizio. E i genitori di Jenny facevano lo stesso con me criticandomi di continuo. Il problema era che, quando ciò accadeva, io e Jenny prendevamo le difese dei nostri genitori e ci trovavamo l’uno contro l’altro.

I CONTRASTI con i suoceri potranno anche essere il materiale ideale per i comici, ma nella vita reale non sono affatto divertenti. “Per anni mia suocera si è impicciata nel nostro matrimonio”, dice Reena, una donna sposata dell’India. “Molte volte sfogavo la mia rabbia su mio marito perché non potevo prendermela con sua madre. Sembrava che lui fosse costantemente diviso fra l’essere un buon marito e l’essere un buon figlio”.

Perché alcuni suoceri si immischiano nella vita dei figli sposati? Jenny, la donna citata all’inizio, suggerisce un possibile motivo: “Forse trovano difficile accettare che la responsabilità di prendersi cura del loro figlio o della loro figlia ricada ora su una persona giovane e inesperta”. Dilip, il marito di Reena, menziona un’altra ragione. “Dopo aver cresciuto un figlio e fatto sacrifici per lui, possono sentirsi messi da parte”, dice. “Potrebbero anche essere sinceramente preoccupati pensando che il loro figlio o la loro figlia non abbia la saggezza necessaria per avere un matrimonio felice”.

A dir la verità, a volte i suoceri sono invitati a intromettersi. Prendiamo il caso di Michael e Leanne, una coppia sposata dell’Australia. “Leanne viene da una famiglia molto unita in cui tutti si esprimono liberamente”, racconta Michael. “Perciò dopo il  matrimonio lei continuò a consultarsi con il padre in merito a decisioni che spettavano a noi due. Suo padre aveva molti buoni consigli da darci, ma il fatto che Leanne si rivolgesse a lui e non a me mi feriva”.

Chiaramente, i rapporti con i suoceri possono essere motivo di stress per la coppia. Anche nel tuo matrimonio è così? Vai d’accordo con i genitori del tuo coniuge? Il tuo coniuge va d’accordo con i tuoi? Ecco due problemi che possono presentarsi e le possibili soluzioni.

PROBLEMA 1:

Il tuo coniuge sembra troppo legato ai suoi. “A mia moglie sembrava di tradire i suoi genitori se non fossimo andati ad abitare vicino a loro”, dice Luis, che vive in Spagna. “D’altra parte, quando è nato nostro figlio”, aggiunge, “i miei hanno cominciato a venire a casa nostra quasi tutti i giorni, e questo per mia moglie era stressante. La cosa ha generato diversi battibecchi fra me e lei”.

I fattori implicati:

Parlando di ciò che avviene con il matrimonio, la Bibbia dice che “l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si dovrà tenere stretto a sua moglie e dovranno divenire una sola carne”. (Genesi 2:24) Essere “una sola carne” significa molto più che vivere insieme: il marito e la moglie formano una nuova famiglia, che da quel momento ha la precedenza sulla famiglia di provenienza. (1 Corinti 11:3) Di certo il marito e la moglie hanno ancora il dovere di onorare i genitori, e questo spesso implica dare loro attenzione. (Efesini 6:2) Ma se il modo in cui il tuo coniuge assolve questa responsabilità ti facesse sentire trascurato o ignorato?

Cosa fare:

Analizza la situazione in modo obiettivo. È il tuo coniuge a essere troppo attaccato ai suoi genitori? O sei tu che, semplicemente, non hai lo stesso tipo di rapporto con i tuoi genitori? Se è così, quanto può pesare il tuo retaggio familiare sul tuo modo di vedere la situazione? Potrebbe esserci una punta di gelosia da parte tua? — Proverbi 14:30; 1 Corinti 13:4; Galati 5:26.

Per rispondere dovrai essere onesto con te stesso, ma è importante che tu lo faccia. In fin dei conti, se i rapporti con i suoceri sono fonte costante di attrito fra te e il tuo coniuge, allora non avete un problema con i suoceri: avete un problema coniugale.

Molti problemi sorgono perché non esistono due coniugi che ragionano esattamente allo stesso modo. Potresti sforzarti di vedere le cose dal punto di vista del tuo coniuge? (Filippesi 2:4; 4:5) Adrián, un uomo sposato che vive in Messico, ha fatto proprio questo. “Mia moglie è cresciuta in un ambiente familiare che non è dei migliori”, spiega. “Perciò evitavo di frequentare i miei suoceri. Alla fine ho smesso di avere qualsiasi contatto con loro, ed è stato così per anni. Il nostro matrimonio ne soffriva, perché mia moglie voleva ancora stare vicino alla sua famiglia, specialmente a sua madre”.

Col tempo Adrián è diventato più equilibrato. “So che stare troppo con i suoi genitori ha un effetto negativo sull’emotività di mia moglie, ma anche troncare i rapporti può essere fonte di guai”, afferma. “Nei limiti del possibile, ho cercato di ristabilire e mantenere una buona relazione con i miei suoceri”. *

PROVATE QUESTO: Scrivete entrambi quella che ritenete la cosa più importante riguardo ai suoceri. Se possibile, iniziate la frase con “io penso che... ”. Quindi scambiatevi i fogli. Poi, in uno spirito di collaborazione, valutate insieme come potete occuparvi di ciò che più sta a cuore a ciascuno.

PROBLEMA 2:

I tuoi suoceri si intromettono continuamente e danno consigli non  richiesti. “I primi sette anni di matrimonio li abbiamo vissuti con la famiglia di mio marito”, racconta Nelya, una donna del Kazakistan. “C’erano continui diverbi su come educavamo i nostri figli, oltre che sul mio modo di cucinare e di pulire. Ne ho parlato con mio marito e con mia suocera, ma questo non ha fatto altro che peggiorare le cose”.

I fattori implicati:

Quando ci si sposa non si è più soggetti all’autorità dei genitori. La Bibbia dichiara piuttosto che “il capo di ogni uomo è il Cristo; a sua volta il capo della donna è l’uomo”, ovvero il marito. (1 Corinti 11:3) Ciò nonostante, come spiegato in precedenza, marito e moglie devono onorare i genitori. In Proverbi 23:22 infatti leggiamo: “Ascolta tuo padre che ti ha generato, e non disprezzare tua madre solo perché è invecchiata”. E se i tuoi genitori (o i tuoi suoceri) vanno oltre il dovuto e cercano di imporre le loro idee?

Cosa fare:

Mostrando empatia, cerca di capire i motivi di quella che sembra un’ingerenza. “A volte i genitori hanno bisogno di sapere che rivestono ancora un ruolo importante nella vita dei figli”, dice Ryan, citato all’inizio. La loro intrusione forse non è deliberata e probabilmente può essere gestita applicando la seguente esortazione biblica: “Continuate a sopportarvi gli uni gli altri e a perdonarvi liberalmente gli uni gli altri se qualcuno ha motivo di lamentarsi contro un altro”. (Colossesi 3:13) Ma che dire se le ingerenze dei suoceri sono tali da causare contrasti fra marito e moglie?

Alcune coppie hanno imparato a mettere dei paletti. Questo non significa che si debba dettar legge imponendo ai genitori delle regole. * Spesso basta che facciate capire loro chiaramente col vostro modo di agire che per voi il coniuge viene al primo posto. Per esempio Masayuki, un uomo sposato del Giappone, dice: “Quando i genitori esprimono il loro parere, non ditevi subito d’accordo. Ricordate che state costruendo una nuova famiglia, perciò chiedete prima al vostro coniuge cosa ne pensa di quel consiglio”.

PROVATE QUESTO: Parlando con il tuo coniuge, indica con precisione quali ingerenze dei genitori sono causa di contrasti fra voi. Poi mettete per iscritto quali limiti potete stabilire e come li rispetterete pur continuando a onorare i genitori.

Si possono mitigare molti conflitti con i suoceri cercando di capire i loro motivi e non lasciando che tali conflitti siano fonte di litigio fra i coniugi. A questo proposito, Jenny ammette: “A volte, quando io e mio marito discutevamo riguardo ai nostri genitori, ci facevamo prendere dall’emotività, e parlando dei loro difetti era facile ferirsi profondamente. Alla fine abbiamo imparato a non usare i difetti dei suoceri come un’arma e ad affrontare di volta in volta il problema che si presenta. Ora io e mio marito siamo molto più uniti”.

^ par. 3 I nomi sono stati cambiati.

^ par. 14 Ovviamente, se i genitori tengono una condotta gravemente errata, soprattutto se persistono e non si pentono, i rapporti con i familiari possono diventare molto tesi ed è logico che siano limitati. — 1 Corinti 5:11.

^ par. 19 In alcuni casi può essere necessario parlare francamente con i genitori o i suoceri. Se dovete farlo, mostrate sempre mitezza e rispetto. — Proverbi 15:1; Efesini 4:2; Colossesi 3:12.

CHIEDETEVI. . .

  • Quali buone qualità hanno i miei suoceri?

  • Come posso onorare i miei genitori e al tempo stesso non trascurare il mio coniuge?