Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  novembre 2009

Concetto errato n. 6: Dio approva l’uso di immagini e icone nel culto

Concetto errato n. 6: Dio approva l’uso di immagini e icone nel culto

Qual è l’origine di questo concetto?

“Le immagini erano sconosciute nell’adorazione praticata dai primi cristiani . . . L’introduzione delle immagini nella chiesa del IV e del V secolo fu giustificata con la teoria secondo cui le persone ignoranti potevano imparare le nozioni del cristianesimo meglio da esse che da sermoni o libri”. — Cyclopedia of Biblical, Theological, and Ecclesiastical Literature, di McClintock e Strong, volume 4, pagine 503-504.

Cosa dice la Bibbia?

“Non ti farai idolo né immagine alcuna di quanto è lassù nel cielo, né di quanto è quaggiù sulla terra, né di quanto è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai”. (Esodo 20:4, 5, CEI) L’apostolo Giovanni scrisse ai cristiani del I secolo: “Figlioletti, guardatevi dagli idoli”. — 1 Giovanni 5:21.

Le immagini sono semplicemente un mezzo per accostarsi e dare onore a ciò che rappresentano, come sostengono le chiese? “In principio”, dichiara l’Enciclopedia delle religioni, “le immagini possono essere servite per scopi essenzialmente didattici e decorativi; o almeno, venivano difese su tali basi. Ma presto passarono ad adempiere a funzioni espressamente devozionali. Questo vale soprattutto nel caso delle icone, che divennero un tratto saliente dell’Ortodossia orientale”. (Diretta da Mircea Eliade, Jaca Book, Milano, 1994, volume 2, pagina 281) Ma il profeta Isaia chiese giustamente: “A chi potreste paragonare Dio e quale immagine mettergli a confronto?” — Isaia 40:18, CEI.

Confrontate questi versetti biblici: Isaia 44:13-19; Atti 10:25, 26; 17:29; 2 Corinti 5:7

VERITÀ:

Dio non approva l’uso di immagini e icone

RIGETTATE I CONCETTI ERRATI, ATTENETEVI ALLA VERITÀ

A quale conclusione possiamo giungere dopo questo breve esame di alcuni concetti errati che vengono tuttora insegnati da molte chiese? Queste “false storie inventate artificiosamente” non possono competere con le semplici e confortanti verità della Bibbia. — 2 Pietro 1:16.

Pertanto non esitate a fare un confronto obiettivo fra quanto vi è stato insegnato e la Parola di Dio, la fonte della verità. (Giovanni 17:17) Allora si avvererà nel vostro caso questa promessa: “Conoscerete la verità, e la verità vi renderà liberi”. — Giovanni 8:32.