Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  agosto 2009

Una buona religione promuove l’amore fraterno

Una buona religione promuove l’amore fraterno

“CHI non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore”, afferma la Bibbia. (1 Giovanni 4:8, CEI) Pertanto una buona religione deve promuovere l’amore fraterno.

Molte religioni fanno un lavoro encomiabile quando si tratta di aver cura dei malati, degli anziani e dei poveri. Incoraggiano i fedeli a seguire il consiglio dell’apostolo Giovanni: “Se uno ha di che vivere e vede un fratello bisognoso, ma non ha compassione e non lo aiuta, come fa a dire: ‘Io amo Dio’? Figli miei, vogliamoci bene sul serio, a fatti. Non solo a parole o con bei  discorsi!” — 1 Giovanni 3:17, 18, Parola del Signore (PS).

Cosa succede, però, quando le nazioni fanno la guerra? Dio comanda: “Amerai il prossimo tuo come te stesso”. Si dovrebbe seguire questo comando in tempo di pace per poi metterlo da parte quando un leader politico o un re decide di combattere contro un’altra nazione? — Matteo 22:39, Nuovissima versione della Bibbia dai testi originali.

Gesù disse: “Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri”. (Giovanni 13:35, Nuova Riveduta [NVR]) Mentre rispondete alle seguenti domande chiedetevi: ‘Gli aderenti di questa religione mostrano amore a tutti e in qualsiasi momento, non solo a parole ma anche con i fatti?’

ARGOMENTO: Guerra.

COSA INSEGNA LA BIBBIA:

Ai suoi discepoli Gesù comandò: “Amate i vostri nemici, fate del bene a chi vi odia”. — Matteo 5:44, Ricciotti.

Quando i soldati andarono ad arrestare Gesù, l’apostolo Pietro estrasse un’arma per difenderlo. Ma Gesù disse: “Riponi la tua spada al suo posto, perché tutti quelli che mettono mano alla spada, periranno di spada”. — Matteo 26:52, La Nuova Diodati.

L’apostolo Giovanni scrisse: “In questo si distinguono i figli di Dio dai figli del diavolo: chi non pratica la giustizia non è da Dio, e neppure lo è chi non ama il suo fratello. Poiché questo è il messaggio che avete udito da principio: che ci amiamo gli uni gli altri. Non come Caino, che era dal Maligno e uccise suo fratello”. — 1 Giovanni 3:10-12, CEI.

DOMANDA:

Questa religione incoraggia i suoi aderenti a partecipare alle guerre?

ARGOMENTO: Politica.

COSA INSEGNA LA BIBBIA:

Dopo aver visto che Gesù era in grado di compiere miracoli, alcuni volevano coinvolgerlo nelle questioni politiche. La sua reazione? “Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo”. — Giovanni 6:15, CEI.

Quando fu arrestato e accusato falsamente di essere un agitatore politico, Gesù rispose: “Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori combatterebbero perché io non fossi dato nelle mani dei Giudei; ma ora il mio regno non è di qui”. — Giovanni 18:36, NVR.

Pregando Dio riguardo ai discepoli, Gesù disse: “Io ho dato loro la tua parola. Perciò essi non appartengono più al mondo, come io non appartengo al mondo. E il mondo li odia”. — Giovanni 17:14PS.

 DOMANDA:

Questa religione segue l’esempio di Gesù ed evita di immischiarsi nella politica, anche se per tale motivo i suoi aderenti sono odiati da alcuni politici?

ARGOMENTO: Pregiudizio.

COSA INSEGNA LA BIBBIA:

Quando i primi non ebrei incirconcisi divennero cristiani, l’apostolo Pietro osservò: “Dio non fa preferenza di persone, ma accoglie chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque nazione appartenga”. — Atti 10:34, 35, CEI.

Ai cristiani del I secolo, Giacomo scrisse: “Fratelli, vivete la vostra fede in Gesù Cristo, nostro Signore glorioso, senza ingiuste preferenze per nessuno. Facciamo un esempio: un uomo ricco viene a una delle vostre riunioni, con anelli d’oro e abiti di lusso; e alla stessa riunione viene anche uno che è povero e vestito male. Voi vi mostrate pieni di premure per quello che è vestito bene e dite: ‘Siediti qui, al posto d’onore’. Al povero, invece, dite: ‘Tu rimani in piedi’, oppure ‘siedi in terra, qui, accanto al mio sgabello’. Se vi comportate così, non è forse chiaro che fate delle differenze tra l’uno e l’altro e che ormai giudicate con criteri malvagi?” — Giacomo 2:1-4PS.

DOMANDA:

Questa religione insegna che tutti gli uomini sono uguali davanti a Dio e che i propri aderenti non dovrebbero fare discriminazioni in base a razza o condizione economica?