Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  agosto 2008

 Insegnatelo ai bambini

Samuele continuò a comportarsi bene

Samuele continuò a comportarsi bene

HAI mai visto qualcuno fare cose sbagliate? — * A Samuele capitò nel luogo in cui viveva, un posto in cui non penseresti mai di vedere certe cose. Fu al tabernacolo, il luogo in cui si adorava Dio, nella città di Silo. Vediamo come mai, più di 3.000 anni fa, Samuele era andato a vivere presso il tabernacolo.

Prima della nascita di Samuele, sua madre Anna desiderava tanto avere un bambino. Durante una visita al tabernacolo, Anna pregò Dio a questo riguardo. Pregava così intensamente che le tremavano le labbra. Vedendola, il sommo sacerdote Eli pensò che fosse ubriaca. Ma quando capì che era molto addolorata, Eli la benedisse dicendo: “L’Iddio d’Israele esaudisca la richiesta che gli hai fatto”. — 1 Samuele 1:17.

In seguito nacque Samuele, e Anna ne fu così felice che disse a suo marito Elcana: ‘Appena Samuele non avrà più bisogno di essere allattato lo porterò al tabernacolo perché serva Dio lì’. Fu proprio ciò che fece quando Samuele aveva probabilmente quattro o cinque anni.

Eli era diventato vecchio e i suoi figli Ofni e Fineas non adoravano Geova nel modo giusto. Avevano addirittura relazioni immorali con donne che andavano al tabernacolo! Secondo te cosa avrebbe dovuto fare Eli? — Proprio così, avrebbe dovuto disciplinarli e non permettere loro di fare quelle brutte cose.

Il giovane Samuele cresceva, e vivendo lì sarà venuto a sapere della cattiva condotta dei figli di Eli. Samuele seguì il loro cattivo esempio? — No, continuò a comportarsi bene, come gli avevano insegnato i genitori. Ovviamente, però, Geova era molto adirato con Eli. Gli mandò addirittura un profeta per  dirgli che avrebbe punito la sua famiglia, specialmente i suoi figli malvagi. — 1 Samuele 2:22-36.

Samuele continuò a servire presso il tabernacolo insieme a Eli. Poi una notte, mentre dormiva, Samuele sentì una voce che lo chiamava. Andò subito da Eli, ma Eli gli disse che non era stato lui a chiamarlo. Capitò di nuovo la stessa cosa. Quando successe una terza volta Eli disse a Samuele che doveva rispondere così: “Parla, Geova, poiché il tuo servitore ascolta”. Quando Samuele lo fece Geova gli parlò. Sai cosa gli disse? —

Dio ripeté a Samuele la sua decisione di punire la famiglia di Eli. Il mattino seguente Samuele aveva paura di riferire a Eli la cosa che Geova gli aveva detto. Ma Eli lo implorò dicendo: “Ti prego, non me la occultare”. Così Samuele raccontò a Eli tutto ciò che Geova gli aveva detto, ed erano le stesse cose che il profeta di Geova aveva già detto a Eli. La risposta di Eli fu: “[Geova] faccia ciò che è bene ai suoi occhi”. Alla fine Ofni e Fineas vennero uccisi, e anche Eli morì. — 1 Samuele 3:1-18.

Nel frattempo, “Samuele continuò a crescere, e Geova stesso mostrò d’essere con lui”. Ormai Samuele era entrato nell’adolescenza, un periodo importante nella vita di un ragazzo. Secondo te fu facile per Samuele continuare a comportarsi bene mentre gli altri non lo facevano? — Anche se non fu facile, Samuele servì Geova fedelmente per il resto della sua vita. — 1 Samuele 3:19-21.

E tu cosa farai? Sarai come Samuele man mano che crescerai? Continuerai a comportarti bene? Continuerai a ubbidire agli insegnamenti della Bibbia e a ciò che hai imparato dai tuoi genitori? In tal caso farai felici sia Geova che i tuoi genitori.

^ par. 3 Se leggete questo articolo con dei bambini, la lineetta serve a ricordare di fermarsi e rivolgere la domanda direttamente a loro.