Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia (edizione per lo studio)  |  agosto 2014

‘Torna e rafforza i tuoi fratelli’

‘Torna e rafforza i tuoi fratelli’

DOPO aver negato di conoscere Gesù, Pietro pianse amaramente. Anche se l’apostolo avrebbe dovuto lottare per riacquistare il suo equilibrio spirituale, Gesù voleva impiegarlo per aiutare altri. Pertanto gli aveva detto: “Una volta tornato, rafforza i tuoi fratelli” (Luca 22:32, 54-62). Alla fine Pietro divenne una delle colonne della congregazione cristiana del I secolo (Gal. 2:9). In maniera analoga, un fratello che in passato ha prestato servizio come anziano potrebbe essere in grado di assumere nuovamente tale responsabilità e provare la gioia che deriva dal rafforzare spiritualmente i compagni di fede.

Alcuni che in passato erano sorveglianti nella congregazione sono stati rimossi, e questo forse li fa sentire dei falliti. Julio, * che è stato un anziano in Sudamerica per più di 20 anni, ha detto: “Preparare discorsi, fare visite ai fratelli, pascere i componenti della congregazione: queste attività riempivano gran parte della mia vita! All’improvviso era tutto sparito lasciando in me un enorme vuoto. Fu un periodo traumatico”. Oggi Julio è di nuovo un anziano.

“CONSIDERATELA TUTTA GIOIA”

Giacomo scrisse: “Consideratela tutta gioia, fratelli miei, quando incontrate varie prove” (Giac. 1:2). Il discepolo si riferiva a prove riconducibili alla persecuzione e alla nostra imperfezione. Menzionò desideri egoistici, il mostrare favoritismo, e altro ancora (Giac. 1:14; 2:1; 4:1, 2, 11). La disciplina di Geova può essere dolorosa (Ebr. 12:11). Ma non è detto che tali prove debbano privarci della gioia.

Anche se sei stato rimosso da un incarico di responsabilità nell’ambito della congregazione, hai ancora la possibilità di dar prova di quanto sia forte la tua fede e di mostrare il tuo amore per Geova. Puoi anche riflettere sul motivo per il quale svolgevi  questo servizio. Lo facevi per un tuo vantaggio personale? O eri stato spinto ad aspirare a quel privilegio dal tuo amore verso Dio e dalla convinzione che la congregazione appartiene a lui e merita di essere trattata con tenera cura? (Atti 20:28-30). Chi è stato anziano ma continua con gioia a rendere sacro servizio dimostra a tutti, Satana compreso, che il suo amore per Geova è sincero.

Quando venne disciplinato per i gravi errori che aveva commesso, il re Davide accettò la riprensione e fu perdonato, tanto che cantò: “Felice è colui la cui rivolta è perdonata, il cui peccato è coperto. Felice è l’uomo al quale Geova non attribuisce errore, e nel cui spirito non c’è inganno” (Sal. 32:1, 2). La disciplina raffinò Davide e senza dubbio lo rese un più capace pastore del popolo di Dio.

Spesso i fratelli che tornano a servire come anziani diventano pastori anche migliori di quanto non fossero prima. “Ora capisco meglio come aiutare chi commette un errore”, ha detto uno di questi anziani. Un altro ha affermato: “Adesso apprezzo ancora di più il privilegio di servire i fratelli”.

PUOI ‘TORNARE’?

“[Geova] non continuerà a trovar da ridire per ogni tempo”, scrisse il salmista (Sal. 103:9). Perciò non devi pensare che Dio non potrebbe più fidarsi di una persona che ha commesso un errore grave. “Ero amaramente deluso a causa dei miei errori”, dice Ricardo, che perse il privilegio di essere anziano dopo aver servito come tale per molti anni. “I miei sentimenti di inadeguatezza mi impedirono a lungo di tornare a servire i fratelli in qualità di sorvegliante. Dubitavo che avrei potuto dimostrare di essere nuovamente degno di fiducia. Ma dal momento che amo aiutare gli altri, conducevo studi biblici, incoraggiavo i fratelli nella Sala del Regno e uscivo con loro nel ministero di campo. Questo mi fece riacquistare fiducia in me stesso, e ora presto di nuovo servizio come anziano”.

Geova ha aiutato molti uomini a ritrovare la gioia e il desiderio di servire di nuovo come anziani

Covare risentimento può impedire a un fratello di servire come anziano. È molto meglio essere  come Davide, che si trovò a fuggire dal geloso re Saul. Davide era un servitore di Geova e si rifiutò di vendicarsi di Saul anche quando si presentarono le occasioni per farlo (1 Sam. 24:4-7; 26:8-12). Quando Saul morì in battaglia, Davide fece cordoglio per la sua morte e parlò di lui e di suo figlio Gionatan come di persone ‘amabili e piacevoli’ (2 Sam. 1:21-23). Davide non covava risentimento.

Se pensi di essere vittima di un malinteso o di un’ingiustizia, non permettere al risentimento di controllare i tuoi pensieri. Per esempio, quando William fu sollevato dall’incarico di anziano, che aveva ricoperto per circa 30 anni in Gran Bretagna, provò rancore nei confronti di alcuni anziani. Cosa lo aiutò a riacquistare l’equilibrio? “Fui molto incoraggiato dalla lettura del libro di Giobbe”, ha detto. “Se Geova aveva aiutato Giobbe a far pace con i suoi tre compagni, quanto più avrebbe aiutato me a far pace con gli anziani!” (Giob. 42:7-9).

DIO BENEDICE CHI SERVE DI NUOVO COME PASTORE

Se quella di dimetterti dall’incarico di pascere il gregge di Dio è stata una tua scelta, sarebbe bene che ti chiedessi perché lo hai fatto. Ti sentivi oppresso da problemi personali? Altre cose erano diventate più importanti nella tua vita? Ti eri scoraggiato per le imperfezioni altrui? Qualunque sia stato il motivo, ricorda che come anziano eri in grado di aiutare maggiormente gli altri: li rafforzavi con i tuoi discorsi, li incoraggiavi con il tuo esempio e li aiutavi a perseverare nelle prove con le tue visite pastorali. Quello che facevi come fedele anziano rallegrava il cuore di Geova, e senza dubbio anche il tuo (Prov. 27:11).

Dai prova del tuo amore per Geova partecipando con gioia al sacro servizio

Geova ha aiutato molti uomini a ritrovare la gioia e il desiderio di essere in prima linea nell’organizzare le attività della congregazione. Che tu ti sia dimesso o che sia stato rimosso, puoi nuovamente ‘aspirare all’incarico di sorvegliante’ (1 Tim. 3:1). Paolo non smise mai di pregare per i cristiani di Colosse affinché fossero pieni dell’accurata conoscenza della volontà di Dio “per camminare in modo degno di [lui] al fine di piacergli pienamente” (Col. 1:9, 10). Se hai di nuovo il privilegio di servire gli altri in qualità di anziano, chiedi a Geova di darti forza, pazienza e gioia. In questi ultimi giorni il suo popolo ha bisogno del sostegno spirituale di pastori amorevoli. Puoi rafforzare i tuoi fratelli? Hai il desiderio di farlo?

^ par. 3 Alcuni nomi sono stati cambiati.