Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia (edizione per lo studio)  |  marzo 2013

Conforto: un dono da ricevere e da offrire

Conforto: un dono da ricevere e da offrire

Dato che siamo esseri umani imperfetti, tutti prima o poi abbiamo problemi di salute, a volte anche seri. Come possiamo affrontare circostanze del genere?

Un aiuto prezioso viene da familiari, amici e compagni di fede che ci offrono il loro conforto.

Le parole gentili e affettuose di un amico possono essere un balsamo che lenisce il dolore e dà sollievo (Prov. 16:24; 18:24; 25:11). I veri cristiani, comunque, non pensano solo a ricevere conforto; cercano a loro volta di “confortare quelli che sono in qualunque sorta di tribolazione per mezzo del conforto con cui [essi stessi sono] confortati da Dio” (2 Cor. 1:4; Luca 6:31). La storia di Antonio, che presta servizio in Messico come sorvegliante di distretto, lo dimostra.

Quando gli fu diagnosticato un linfoma, un tipo di tumore del sangue, Antonio fu preso dall’angoscia. Cercò comunque di non farsi dominare dai sentimenti negativi. Si sforzava per esempio di ricordare i cantici del Regno e di cantarli, in modo che, udendone le parole, potesse meditare su di esse. Anche pregare ad alta voce e leggere la Bibbia gli era di grande conforto.

Ripensandoci adesso, però, Antonio riconosce che una delle cose che lo hanno aiutato di più è stata la presenza dei fratelli. “Quando io e mia moglie ci sentivamo oppressi”, racconta, “chiedevamo a un nostro parente che è anziano di congregazione di venire a trovarci per pregare con noi. Questo ci confortava e ci calmava. Anzi, con il sostegno della nostra famiglia e dei fratelli spirituali riuscimmo a sconfiggere i sentimenti negativi in un periodo relativamente breve”. Antonio fu davvero grato di avere amici così premurosi e amorevoli.

Un altro aiuto su cui possiamo contare nei momenti difficili è il promesso spirito santo. L’apostolo Pietro disse che lo spirito santo di Dio è un “gratuito dono” (Atti 2:38). Fu senz’altro così alla Pentecoste del 33, quando molti fedeli furono unti con tale spirito. Le parole di Pietro, comunque, in un senso più ampio si applicano anche a noi, visto che anche noi possiamo attingere a una fonte inesauribile di spirito santo. Perciò non smettiamo mai di chiederne in abbondanza! (Isa. 40:28-31).

INTERESSIAMOCI SINCERAMENTE DI CHI SOFFRE

L’apostolo Paolo subì molte traversie, e a volte fu a un passo dalla morte (2 Cor. 1:8-10). Eppure non viveva nel terrore di morire. Paolo trovava conforto nella consapevolezza di avere il sostegno divino. “Benedetto sia l’Iddio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo”, scrisse, “il Padre delle tenere misericordie e l’Iddio di ogni conforto, che ci conforta in tutta la nostra tribolazione” (2 Cor. 1:3, 4). Paolo non si crogiolava nell’autocommiserazione. Al contrario, le prove che dovette affrontare gli permisero di coltivare la compassione, e questo lo aiutò a confortare altri che a loro volta attraversavano periodi difficili.

Una volta guarito, Antonio ha potuto riprendere il servizio come sorvegliante viaggiante. Anche se si era sempre interessato dei compagni di fede, da allora, insieme a sua moglie, si è sforzato in modo particolare di andare a trovare i malati per incoraggiarli. In un’occasione, facendo visita a un fratello che stava lottando contro un serio problema di salute, apprese che questi non voleva più andare alle adunanze. “Non è che non amasse Geova o i fratelli”, spiega Antonio. “Era stata la malattia a provarlo emotivamente, tanto da farlo sentire inutile”.

Per incoraggiare il fratello, di recente, a una festicciola tra compagni di fede, Antonio gli ha chiesto di pronunciare una preghiera. Pur non sentendosi all’altezza, il fratello ha accettato. “È stata una bellissima preghiera”, racconta Antonio, “dopodiché lui sembrava un’altra persona. Si è sentito di nuovo utile”.

Tutti, anche se in misura diversa, abbiamo dovuto sopportare qualche situazione che ci ha fatto soffrire. Eppure, come disse Paolo, queste esperienze possono insegnarci a confortare altri alle prese con problemi e difficoltà. Quindi, mostriamoci sensibili di fronte alla sofferenza dei nostri compagni di fede e imitiamo il nostro Dio, Geova, essendo per loro una fonte di conforto.