Ci si può avvicinare a un Dio invisibile?

‘Come posso stringere un’intima relazione con uno che non vedo?’, potreste chiedere. È una domanda comprensibile. Ma considerate:

QUANTO è importante vedere per coltivare una relazione affettuosa e duratura? Non ci sono fattori invisibili ugualmente importanti, se non anche di più? Certo! Per questo alcuni hanno stretto intime amicizie per corrispondenza: con le loro lettere comunicano sinceramente gusti, mete, princìpi, pensieri umoristici e altri interessi o tratti della personalità.

Un’altra dimostrazione del fatto che la vista non è essenziale per stringere un’intima amicizia con qualcuno sono i non vedenti. Prendete ad esempio Edward e Gwen, una coppia di ciechi. * Edward conobbe Gwen in un istituto per ciechi, quando entrambi erano adulti. A Edward piacquero le qualità di Gwen, specialmente la sua onestà nel parlare e nell’agire e il suo atteggiamento positivo nei confronti del lavoro. Da parte sua Gwen fu attratta da Edward perché, a suo dire, “manifestava tutte le qualità che fin da piccola mi era stato insegnato ad apprezzare”. Cominciarono a frequentarsi e tre anni dopo si sposarono.

“Quando si sta insieme”, dice Edward, “la cecità non fa differenza per quanto riguarda il fare amicizia. Non ci si vede, ma i sentimenti non sono ciechi”. Sono passati 57 anni ed Edward e Gwen sono ancora profondamente innamorati. Il segreto del loro meraviglioso rapporto, spiegano, consiste in almeno quattro cose: (1) notare le qualità dell’altra persona, (2) pensare a tali qualità ed esserne attratto, (3) comunicare e (4) fare le cose insieme.

Questi quattro aspetti sono essenziali in qualsiasi buona relazione, sia che si tratti di una relazione fra amici, fra coniugi o, cosa ancora più importante, fra creature umane e Dio. Nell’articolo che segue vedremo come mettendo in pratica questi suggerimenti possiamo stringere un’intima relazione con Dio, anche se non possiamo vederlo. *

[Note in calce]

^ par. 4 I nomi sono stati cambiati.

^ par. 6 Diversamente dai rapporti umani, una relazione con Dio si basa sulla fede nella sua esistenza. (Ebrei 11:6) Per un’ampia trattazione su come edificare una forte fede in Dio, vedi il libro Esiste un Creatore che si interessa di noi?, edito in Italia dalla Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova.