Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia (edizione per lo studio)  |  settembre 2016

Lasciarsi guidare da Geova reca benedizioni

Lasciarsi guidare da Geova reca benedizioni

UNA SCELTA SAGGIA IN POLONIA

“MI BATTEZZAI all’età di 15 anni, e 6 mesi dopo iniziai a fare la pioniera ausiliaria. Un anno più tardi presentai la domanda per diventare pioniera regolare. Finite le scuole superiori, mi resi disponibile per servire dove il bisogno di proclamatori del Regno era maggiore. Volevo andare via dalla città in cui ero cresciuta e allontanarmi da mia nonna, con cui vivevo e che non era Testimone. Ci restai molto male quando il sorvegliante di circoscrizione mi disse che il territorio in cui avrei dovuto predicare era proprio la mia città! Cercai di non fargli capire come mi sentivo. Mi allontanai a testa bassa e iniziai a riflettere sulle sue parole. Dissi alla mia compagna di servizio: ‘Sai, penso che mi sto comportando come Giona. Ma Giona alla fine andò a Ninive. Quindi anch’io accetterò il mio incarico’.

“Servo come pioniera da quattro anni nella mia città, e adesso capisco quanto sia stato saggio seguire quell’indicazione. Il problema principale era il mio atteggiamento negativo. Ora provo molta gioia. In un mese ho tenuto ben 24 studi biblici. Grazie a Geova ho perfino iniziato uno studio con mia nonna, che un tempo era contraria alla verità”.

UN RISULTATO POSITIVO NELLE FIGI

Nelle Figi una donna che studiava la Bibbia si trovò di fronte a una scelta: assistere a un congresso o andare insieme al marito alla festa di compleanno di un parente. Il marito non si oppose alla decisione della moglie di andare al congresso. Lei comunque disse che avrebbe potuto raggiungerlo alla festa più tardi. Quando tornò a casa dopo il congresso, però, la donna pensò che nel suo caso sarebbe stato meglio evitare una situazione potenzialmente pericolosa dal punto di vista spirituale, e quindi decise di non andare alla festa.

Intanto il marito disse ai parenti che dietro sua richiesta la moglie li avrebbe raggiunti alla festa dopo aver assistito alla “riunione dei Testimoni”. I parenti però gli risposero: “Non verrà, i Testimoni di Geova non festeggiano i compleanni!” *

Alla fine il marito fu orgoglioso del fatto che la moglie avesse preso una decisione in armonia con le proprie convinzioni e con la propria coscienza. In seguito la donna ebbe l’opportunità di dare testimonianza al marito e ad altre persone proprio perché si era comportata in modo coerente. Quale fu il risultato? Il marito iniziò a studiare la Bibbia e ad assistere alle adunanze insieme a lei.

^ par. 7 Vedi “Domande dai lettori” nella Torre di Guardia del 15 dicembre 2001.