“Più di ogni altra cosa, salvaguarda il tuo cuore” (PROV. 4:23)

CANTICO 36 Salvaguardiamo il nostro cuore

IN QUESTO ARTICOLO *

1-3. (a) Perché Geova amava Salomone, e in che modo lo benedisse? (b) Cosa esamineremo in questo articolo?

SALOMONE diventò re di Israele quando era solo un ragazzo. Aveva da poco cominciato a regnare, quando Geova gli apparve in sogno e gli disse: “Chiedimi ciò che vuoi che ti dia”. Rendendosi conto di essere solo un ragazzo e di non avere esperienza, Salomone rispose: “Concedi [...] al tuo servitore un cuore ubbidiente per giudicare il tuo popolo” (1 Re 3:5-10). Chiedendo “un cuore ubbidiente”, Salomone dimostrò di essere davvero modesto. Non ci sorprende che Geova lo amasse! (2 Sam. 12:24). A Dio piacque così tanto la risposta di quel giovane re che gli diede ‘un cuore saggio che aveva discernimento’ (1 Re 3:12).

2 Finché rimase fedele, Salomone fu benedetto in molti modi. Ebbe il privilegio di costruire un tempio “per il nome di Geova, l’Iddio d’Israele” (1 Re 8:20). Divenne noto per la sapienza che Dio gli aveva dato, e le cose che Dio lo ispirò a dire sono riportate in tre libri della Bibbia. Uno di questi è il libro di Proverbi.

3 Il cuore è menzionato più di 70 volte nel libro di Proverbi. Ad esempio, in Proverbi 4:23 leggiamo: “Più di ogni altra cosa, salvaguarda il tuo cuore”. Questo articolo spiegherà a cosa si riferisce la parola “cuore” e risponderà a due domande: In che modo Satana cerca di contaminare il nostro cuore? E come possiamo salvaguardarlo? Per rimanere fedeli a Dio dobbiamo capire la risposta a queste domande.

 COS’È IL “CUORE”?

4-5. (a) In che modo Salmo 51:6 ci aiuta a capire a cosa si riferisce la parola “cuore”? (b) Perché dobbiamo prenderci cura di quello che siamo dentro? Fate un esempio.

4 In Proverbi 4:23 la parola “cuore” si riferisce a quello che c’è “nell’animo di una persona”, al suo “intimo più profondo”. (Leggi Salmo 51:6.) Il “cuore”, quindi, comprende i nostri pensieri, sentimenti, motivi e desideri più nascosti. Indica ciò che siamo realmente nel nostro intimo, non solo ciò che appare all’esterno.

5 Per capire quanto è importante prendersi cura di quello che siamo interiormente, pensiamo alla nostra salute fisica. Per stare bene fisicamente dobbiamo mangiare cibo sano e mantenerci attivi facendo regolarmente esercizio. In modo simile, per stare bene spiritualmente dobbiamo nutrirci di sano cibo spirituale e mantenere attiva la nostra fede in Geova. Questo significa mettere in pratica ciò che impariamo e parlare ad altri della nostra fede (Rom. 10:8-10; Giac. 2:26). Inoltre, per capire se stiamo bene non dobbiamo basarci solo sul nostro aspetto: potremmo pensare di essere in salute mentre in realtà dentro siamo malati. Allo stesso modo, potremmo pensare di avere una fede forte perché svolgiamo diverse attività teocratiche, ma dentro di noi forse si stanno sviluppando desideri sbagliati (1 Cor. 10:12; Giac. 1:14, 15). Non dimentichiamo che Satana vuole contagiarci con il suo modo di pensare. In quali modi cerca di farlo? E come possiamo proteggerci?

MODI IN CUI SATANA CERCA DI CONTAMINARE IL NOSTRO CUORE

6. Quale obiettivo ha Satana, e come cerca di raggiungerlo?

6 Satana vorrebbe che ognuno di noi fosse come lui: un ribelle che non tiene conto delle norme di Geova e che agisce per egoismo. Ma non può costringerci a pensare e ad agire come lui. Quindi cerca di raggiungere il suo obiettivo in altri modi. Ad esempio, ci fa stare in mezzo a persone che è già riuscito a corrompere (1 Giov. 5:19). Spera che decidiamo di passare del tempo con loro anche se sappiamo che “le cattive  compagnie corrompono” i nostri pensieri e le nostre azioni (1 Cor. 15:33). Questo metodo funzionò con il re Salomone. Infatti Salomone sposò diverse donne pagane, che “esercitarono una notevole influenza su di lui” e “un po’ alla volta [...] sviarono il suo cuore” allontanandolo da Geova (1 Re 11:3; nt.).

Come possiamo proteggere il nostro cuore dai tentativi di Satana di contaminarlo con il suo modo di pensare? (Vedi il paragrafo 7) *

7. Cos’altro usa Satana per diffondere il suo modo di pensare, e perché dobbiamo stare attenti?

7 Per diffondere il suo modo di pensare, Satana usa anche le storie raccontate dai film e nei programmi televisivi. Sa che per noi le storie sono più che un semplice intrattenimento: influiscono sui nostri pensieri, sui nostri sentimenti e sulle nostre azioni. Infatti Gesù per insegnare raccontò delle storie, come la parabola del buon samaritano e quella del figlio prodigo (Matt. 13:34; Luca 10:29-37; 15:11-32). Le persone che Satana ha corrotto, però, possono proporci attraverso il mondo dell’intrattenimento storie di vario tipo che contaminano il nostro modo di pensare. Dobbiamo quindi stare attenti, ma senza andare agli estremi. Infatti ci sono film e programmi televisivi educativi e interessanti che non corrompono il nostro modo di pensare. Perciò quando scegliamo cosa guardare dovremmo chiederci: “Questo film o programma televisivo mi insegna forse che non c’è niente di male se assecondo i miei desideri carnali?” (Gal. 5:19-21; Efes. 2:1-3). Cosa dovremmo fare se ci accorgessimo che un programma o un film promuove il modo di pensare satanico? Evitiamolo come una malattia contagiosa!

8. Come possono i genitori aiutare i figli a salvaguardare il cuore?

8 Genitori, voi avete la particolare responsabilità di proteggere i vostri figli dai tentativi di Satana di contaminare il loro cuore. Di sicuro fate tutto il possibile per  proteggere i vostri figli dalle malattie: tenete pulita la casa ed eliminate qualsiasi cosa che potrebbe far ammalare loro o voi. Allo stesso modo, è necessario che li proteggiate da film, programmi televisivi, videogiochi e siti Internet che potrebbero contagiarli con il modo di pensare di Satana. Geova vi ha dato autorità sui vostri figli perché vi prendiate cura di loro in senso spirituale (Prov. 1:8; Efes. 6:1, 4). Quindi, non abbiate paura di stabilire per la vostra famiglia delle regole basate sui princìpi della Bibbia. Quando i figli sono piccoli, dite loro chiaramente cosa possono o non possono guardare, e aiutateli a capire il motivo delle vostre decisioni (Matt. 5:37). Man mano che i figli crescono, insegnate loro a distinguere da soli ciò che è giusto da ciò che è sbagliato in base alle norme di Geova (Ebr. 5:14). E ricordate: i vostri figli imparano molto da quello che dite, ma ancora di più da quello che fate (Deut. 6:6, 7; Rom. 2:21).

9. Quale idea promuove Satana, e perché è pericolosa?

9 Satana cerca di contaminare il nostro cuore anche spingendoci a fidarci di quello che dicono gli uomini e non di quello che dice Geova (Col. 2:8). Una delle idee promosse da Satana è che diventare ricchi sia l’obiettivo principale della vita. Chi la pensa in questo modo è in pericolo. Infatti, sia che riesca ad arricchirsi oppure no, si concentra così tanto sul fare soldi che finisce per sacrificare la salute, la famiglia e perfino la sua amicizia con Dio (1 Tim. 6:10). Siamo davvero contenti che il nostro saggio Padre celeste ci aiuti ad avere un concetto equilibrato del denaro (Eccl. 7:12; Luca 12:15).

COME POSSIAMO SALVAGUARDARE IL CUORE?

Come le sentinelle e i guardiani dell’antichità, dobbiamo stare attenti ai pericoli e agire per impedire alle influenze negative di entrare nel nostro cuore (Vedi i paragrafi 10 e 11) *

10-11. (a) Cosa dobbiamo fare per proteggerci? (b) Cosa facevano le sentinelle, e in che senso la nostra coscienza è come una sentinella?

10 Per salvaguardare il nostro cuore, dobbiamo essere in grado di riconoscere i pericoli e agire rapidamente per proteggerci. Questo ci ricorda quello che facevano le sentinelle nell’antichità: stavano di guardia sulle mura di una città e lanciavano l’allarme se avvistavano un pericolo. Questa immagine mentale ci aiuta a capire cosa dobbiamo fare per impedire a Satana di contaminare il nostro modo di pensare.

11 Le sentinelle collaboravano strettamente con i guardiani delle porte (2 Sam. 18:24-26). Insieme proteggevano la città assicurandosi che le porte fossero chiuse quando un nemico si avvicinava (Nee. 7:1-3). Come una sentinella, la nostra coscienza educata secondo la Bibbia * può avvertirci quando Satana cerca di attaccare il nostro cuore, cioè quando cerca di influenzare i nostri pensieri, sentimenti, motivi e desideri. Ogni volta che la nostra coscienza lancia l’allarme dobbiamo ascoltarla e “chiudere le porte”.

12-13. Quale tentazione potrebbe presentarsi, ma cosa dovremmo fare?

12 Vediamo tramite un esempio come possiamo difenderci dai tentativi di Satana di influenzarci col suo modo di pensare. Geova ci insegna che “l’immoralità sessuale [e] l’impurità di ogni sorta” non devono essere “neppure menzionate  fra [noi]” (Efes. 5:3). Cosa facciamo se i nostri colleghi di lavoro o compagni di scuola cominciano a parlare di argomenti immorali legati al sesso? Sappiamo che dovremmo “respingere l’empietà e i desideri mondani” (Tito 2:12). Per questo la sentinella, cioè la nostra coscienza, potrebbe lanciare l’allarme (Rom. 2:15). Ma la ascolteremo? Potremmo essere tentati di ascoltare i nostri colleghi o compagni, o di guardare le immagini che forse ci vogliono mostrare. Ma è proprio quello il momento di “chiudere le porte”, cioè evitare il pericolo, cambiando argomento o andandocene.

13 Ci vuole coraggio per non cedere all’influenza degli altri iniziando a pensare o a comportarsi in modo sbagliato. Ma Geova vede gli sforzi che facciamo, e possiamo essere sicuri che ci darà la forza e la sapienza necessarie per respingere il modo di pensare satanico (2 Cron. 16:9; Isa. 40:29; Giac. 1:5). Cos’altro possiamo fare per salvaguardare il nostro cuore?

STIAMO IN GUARDIA

14-15. (a) Cosa dobbiamo far entrare nel nostro cuore, e come possiamo farlo? (b) In base a Proverbi 4:20-22, come possiamo trarre il massimo dalla lettura della Bibbia? (Vedi anche il riquadro “ Come meditare”.)

14 Per salvaguardare il nostro cuore, non basta respingere le influenze negative; dobbiamo anche far entrare quelle positive. Ripensiamo all’esempio della città circondata dalle mura. Il guardiano chiudeva le porte della città per fermare le invasioni nemiche, ma in altre occasioni le apriva per far portare all’interno cibo e altre provviste. Se non avesse mai aperto le porte, gli abitanti della città avrebbero sofferto la fame. In modo simile, dobbiamo aprire regolarmente le porte del nostro cuore per far entrare i pensieri di Dio.

15 La Bibbia contiene i pensieri di Geova. Quindi ogni volta che la leggiamo lasciamo che questi influiscano sul nostro modo di pensare, sui nostri sentimenti e sulle nostre azioni. Inoltre per trarre il massimo dalla lettura della Bibbia è fondamentale pregare. Una sorella dice: “Prima di leggere la Bibbia, prego Geova e gli chiedo di aiutarmi a ‘vedere chiaramente le meraviglie’ della sua Parola” (Sal. 119:18). Dobbiamo anche meditare su quello che leggiamo. Quando preghiamo, leggiamo e meditiamo, la Parola di Dio agisce “nel profondo del [nostro] cuore”, e così impariamo ad amare il modo di pensare di Geova (leggi Proverbi 4:20-22; Sal. 119:97).

16. In che modo molti hanno trovato utile guardare i programmi di JW Broadcasting?

16 Possiamo permettere al modo di pensare di Dio di influire su di noi anche guardando i contenuti di JW Broadcasting®. Una coppia ha detto: “I programmi mensili sono stati una vera e propria risposta alle nostre preghiere! Ci hanno rafforzato e incoraggiato quando ci sentivamo tristi o soli. E le canzoni sono una costante in casa nostra. Le ascoltiamo mentre cuciniamo, facciamo le pulizie o prendiamo il tè”. Quello che viene trasmesso su JW Broadcasting ci aiuta a salvaguardare il cuore. Ci insegna a pensarla come Geova e a non lasciarci influenzare dal modo di pensare di Satana.

17-18. (a) In base a 1 Re 8:61, quali risultati otteniamo quando mettiamo in pratica quello che ci insegna Geova? (b) Cosa impariamo dall’esempio del re Ezechia? (c) Secondo la preghiera di Davide riportata in Salmo 139:23, 24, per cosa possiamo pregare?

17 Ogni volta che facciamo quello che è giusto e ne vediamo gli effetti positivi, la nostra fede si rafforza (Giac. 1:2, 3). Sappiamo  di aver reso Geova orgoglioso di averci come figli, e questo ci fa stare bene e accresce il nostro desiderio di piacergli (Prov. 27:11). Ogni prova che affrontiamo diventa un’opportunità per dimostrare che non serviamo il nostro Padre con un “cuore diviso” (Sal. 119:113). Al contrario, amiamo Geova con un cuore “completo”, deciso a ubbidire ai suoi comandamenti e a fare la sua volontà. (Leggi 1 Re 8:61.)

18 Dato che siamo imperfetti, ci capiterà di sbagliare. Quando questo succederà, ricordiamo l’esempio del re Ezechia. Anche lui fece degli errori, ma si pentì e continuò a servire Geova con “cuore completo” (Isa. 38:3-6; 2 Cron. 29:1, 2; 32:25, 26). Respingiamo quindi i tentativi di Satana di contagiarci con il suo modo di pensare. Preghiamo per avere “un cuore ubbidiente” (1 Re 3:9; leggi Salmo 139:23, 24). Possiamo rimanere fedeli a Geova se, più di ogni altra cosa, salvaguardiamo il nostro cuore.

CANTICO 54 “Questa è la via”

^ par. 5 Rimarremo fedeli a Geova o ci faremo ingannare da Satana al punto di allontanarci dal nostro Dio? La risposta non dipende da quanto sono difficili le prove che affrontiamo, ma da quanto ci impegniamo per salvaguardare il nostro cuore. Cosa si intende con la parola “cuore”? In che modo Satana cerca di contaminare il nostro cuore? Come possiamo salvaguardarlo? L’articolo risponderà a queste importanti domande.

^ par. 11 COSA SIGNIFICA: Geova ci ha dato la capacità di giudicare noi stessi esaminando i nostri pensieri, i nostri sentimenti e le nostre azioni. Nella Bibbia questa capacità è chiamata coscienza (Rom. 2:15; 9:1). Una coscienza educata secondo la Bibbia stabilisce in base ai princìpi biblici se quello che pensiamo, facciamo o diciamo è giusto o sbagliato.

^ par. 56 DESCRIZIONE DELL’IMMAGINE. Un fratello battezzato guarda la televisione e sullo schermo appare una scena immorale. Ora deve decidere cosa fare.

^ par. 58 DESCRIZIONE DELL’IMMAGINE. Una sentinella vede avvicinarsi un pericolo. Avvisa i guardiani, che subito chiudono le porte della città sbarrandole dall’interno.