Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia (edizione per lo studio)  |  gennaio 2017

Lo sapevate?

Lo sapevate?

Come veniva trasportato il fuoco nell’antichità?

IL RACCONTO biblico riportato in Genesi 22:6 afferma che, per prepararsi a offrire un sacrificio in una località lontana, Abraamo “prese la legna dell’olocausto e la mise su Isacco suo figlio e prese nelle sue mani il fuoco e il coltello per scannare, ed entrambi proseguirono insieme”.

Le Scritture non parlano dei metodi utilizzati nell’antichità per accendere un fuoco. Riferendosi al brano in questione, uno studioso fa notare che “sarebbe stato difficile tenere accesa la fiamma durante il lungo viaggio” compiuto da Abraamo e Isacco. Di conseguenza, è possibile che il versetto si riferisca al materiale necessario per accendere un fuoco.

Comunque, altri biblisti fanno notare che non era semplice accendere un fuoco nell’antichità. Le persone avrebbero trovato più comodo prendere della brace dai loro vicini, se possibile, piuttosto che accendere un fuoco da soli. Diversi studiosi quindi pensano che Abraamo trasportasse un recipiente, forse appeso a una catena, che conteneva braci o carboni accesi raccolti dal fuoco della notte precedente (Isa. 30:14). Utilizzando della legna secca e le braci trasportate in questo modo, sarebbe stato facile accendere un fuoco in qualunque momento durante un viaggio.