Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia (edizione per lo studio)  |  febbraio 2016

 DAI NOSTRI ARCHIVI

L’auto munita di altoparlanti conosciuta da milioni di persone

L’auto munita di altoparlanti conosciuta da milioni di persone

“In Brasile c’è solo un’auto munita di altoparlanti che è al servizio del Signore, ed è conosciuta da milioni di persone come ‘l’auto munita di altoparlanti della Watch Tower’” (Nathaniel Yuille, 1938)

AGLI inizi degli anni ’30 l’opera del Regno in Brasile andava un po’ a rilento. Nel 1935, però, i pionieri Nathaniel e Maud Yuille scrissero a Joseph Rutherford, che in quegli anni organizzava l’attività di predicazione. Si resero disponibili e scrissero che sarebbero stati “felici di andare ovunque” ci fosse stato bisogno.

Nathaniel, ingegnere civile in pensione, all’epoca aveva 62 anni. Era stato direttore del servizio in una congregazione di San Francisco, in California, dove aveva organizzato l’opera e utilizzato attrezzature acustiche per diffondere la buona notizia. La sua esperienza e il suo spirito volenteroso si rivelarono davvero preziosi nel nuovo incarico di servitore di filiale in un territorio vasto e multilingue come quello del Brasile.

Nathaniel e Maud arrivarono in Brasile nel 1936 insieme ad Antonio Andrade, un pioniere che faceva loro da interprete. Portarono con sé merce preziosa: 35 fonografi e un’auto munita di altoparlanti. Il Brasile, quinto paese al mondo per dimensioni, contava allora solo una sessantina di proclamatori. Questi innovativi strumenti li avrebbero aiutati a raggiungere milioni di persone in pochi anni.

Un mese dopo l’arrivo dei coniugi Yuille, la filiale organizzò a San Paolo il primo congresso di servizio del Brasile. Con l’auto munita di altoparlanti, a quanto pare guidata da Maud, si iniziò a pubblicizzare la conferenza pubblica, alla quale assisterono 110 persone.  Il programma fu un’iniezione di entusiasmo per i proclamatori, che si sentirono spinti a partecipare di più al servizio. Impararono a usare le pubblicazioni e le cartoline di testimonianza nonché i fonografi con registrazioni in inglese, polacco, spagnolo, tedesco, ungherese e in seguito anche in portoghese.

Questa auto munita di altoparlanti fu usata per far conoscere la buona notizia a milioni di persone in Brasile

I tre congressi del 1937, tenuti a San Paolo, Rio de Janeiro e Curitiba, diedero nuovo impulso all’opera di evangelizzazione. L’auto munita di altoparlanti seguiva i partecipanti al congresso mentre predicavano di casa in casa. José Maglovsky, che a quel tempo era un giovanotto, scrisse in seguito: “Mettevamo le pubblicazioni bibliche su un banco e, mentre gli altoparlanti diffondevano un messaggio registrato, parlavamo alle persone che uscivano di casa per vedere quello che stava accadendo”.

Il battesimo avveniva nei fiumi mentre i bagnanti si crogiolavano al sole. Si creava così un’ottima opportunità di predicare la buona notizia tramite l’auto munita di altoparlanti, da cui risuonava il discorso del battesimo pronunciato dal fratello Rutherford. Spinti dalla curiosità, diversi si avvicinavano per ascoltare la traduzione del discorso in portoghese. Poi i candidati al battesimo venivano immersi mentre si sentivano i cantici del Regno in polacco e i fratelli cantavano insieme in lingue diverse. Come diceva l’Annuario del 1938 (inglese): “Ricordava la Pentecoste, quando ognuno capiva nella propria lingua ciò che veniva detto”.

Dopo i congressi, ogni domenica, con il sole o con la pioggia, l’auto munita di altoparlanti trasmetteva conferenze bibliche che si sentivano nei parchi, nelle zone residenziali, nelle fabbriche del centro di San Paolo e anche nelle cittadine vicine. Quest’auto trasmetteva anche un programma mensile a una colonia di 3.000 lebbrosi che vivevano un centinaio di chilometri a nord-ovest di San Paolo. Col tempo si formò una bella congregazione. Nonostante la loro grave malattia, questi proclamatori del Regno ottennero il permesso di portare il confortante messaggio della Bibbia a un’altra colonia di lebbrosi.

Alla fine del 1938 arrivarono le tanto attese registrazioni in portoghese. Il Giorno dei Morti l’auto munita di altoparlanti andava di cimitero in cimitero e trasmetteva le registrazioni dei discorsi “Dove sono i morti?”, “Geova” e “Ricchezza”; in questo modo furono oltre 40.000 le persone che ricevettero testimonianza.

Infastidito dall’intrepida proclamazione della verità, il clero spesso spingeva le autorità locali a mettere a tacere l’auto munita di altoparlanti. La sorella Yuille raccontò che in un’occasione un prete istigò una turba ad accalcarsi attorno all’auto. Tuttavia, quando il sindaco e la polizia giunsero sul posto ascoltarono l’intero programma, e il sindaco se ne andò con delle pubblicazioni bibliche. Non ci furono disordini quel giorno. Nonostante l’opposizione, il rapporto sul Brasile riportato nell’Annuario del 1940 diceva che il 1939 era stato “il tempo migliore per servire il grande Teocrata e proclamare il suo nome”.

L’impiego dell’“auto munita di altoparlanti della Watch Tower” segnò una svolta nell’opera di predicazione in Brasile. Ebbe un ruolo chiave nel far conoscere il messaggio del Regno a milioni di persone. Anche se nel 1941 questa famosa auto fu venduta, i Testimoni di Geova hanno continuato a dichiarare la buona notizia alle persone sincere nel vasto territorio brasiliano. (Dai nostri archivi in Brasile.)