Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  N. 5 2016

 LA BIBBIA HA CAMBIATO LA LORO VITA

Ero arrabbiato e violento

Ero arrabbiato e violento
  • ANNO DI NASCITA: 1974

  • PAESE DI ORIGINE: MESSICO

  • TRASCORSI: ADOLESCENTE VIOLENTO, COINVOLTO IN RISSE DI STRADA

IL MIO PASSATO:

Sono nato a Ciudad Mante, in una bellissima zona dello stato di Tamaulipas, in Messico. In genere gli abitanti della mia città sono gentili e generosi. Purtroppo, però, a causa della criminalità organizzata la zona è molto pericolosa.

Ero il secondo di quattro figli maschi. I miei genitori mi battezzarono come cattolico e da bambino cantavo nel coro della parrocchia. Volevo piacere a Dio perché avevo una gran paura di essere punito e di bruciare per sempre all’inferno.

Quando avevo cinque anni, mio padre se ne andò. Provai un profondo dolore e un senso di vuoto. Non riuscivo a capire perché ci avesse abbandonato visto che noi gli volevamo così bene. Mia madre fu costretta a lavorare molte ore fuori casa per provvedere a noi quattro.

Approfittavo della situazione per saltare la scuola e stare con ragazzi più grandi, che mi insegnarono a dire parolacce, a fumare, a rubare e a fare a botte. Mi piaceva dominare gli altri, così imparai la boxe, la lotta libera e le arti marziali, oltre che a usare le armi. Diventai un adolescente violento. Spesso ero coinvolto in qualche scontro a fuoco e diverse volte fui lasciato per strada tutto insanguinato e dato per morto. Quanto dolore ho causato a mia madre che mi ritrovava in quelle condizioni e doveva prendermi e portarmi di corsa in ospedale!

Un giorno, quando avevo 16 anni, venne a casa nostra Jorge, un amico di infanzia. Disse che ora era testimone di Geova e che voleva parlarci di un messaggio importante. Iniziò a spiegarci con la Bibbia quello in cui credeva. Io non l’avevo mai letta e fui entusiasta di conoscere il nome di Dio e il suo proposito. Jorge si offrì di studiare la Bibbia con noi. Accettammo.

LA BIBBIA HA CAMBIATO LA MIA VITA:

Fui molto sollevato quando scoprii che in realtà l’inferno non è un insegnamento biblico (Salmo 146:4; Ecclesiaste 9:5). Dopo aver capito questa verità, smisi di provare un morboso timore nei confronti  di Dio. Piuttosto iniziai a considerarlo un Padre amorevole che vuole il meglio per i suoi figli.

Man mano che continuavo a studiare la Bibbia, mi rendevo conto che dovevo fare dei cambiamenti nella mia personalità. Dovevo diventare umile e smettere di ricorrere alla violenza. Mi aiutò il consiglio di 1 Corinti 15:33: “Le cattive compagnie corrompono le utili abitudini”. Capii che se volevo trasformare la mia personalità dovevo smettere di stare con persone che avevano una cattiva influenza su di me. Quindi sostituii i miei vecchi amici con i componenti della congregazione cristiana, persone che appianano i contrasti non ricorrendo alla violenza, fisica o di altro genere, ma applicando i princìpi biblici.

Un altro passo biblico che mi colpì molto fu Romani 12:17-19, che dice: “Non rendete a nessuno male per male. [...] Se possibile, per quanto dipende da voi, siate pacifici con tutti gli uomini. Non vi vendicate, [...] poiché è scritto: ‘La vendetta è mia; io ricompenserò, dice Geova’”. Imparai ad accettare che sarà Geova a eliminare le ingiustizie nel modo e nel tempo da lui stabiliti. Poco a poco, riuscii a vincere il mio temperamento violento.

Non dimenticherò mai quello che accadde una sera mentre tornavo a casa. Fui aggredito da un gruppo di ragazzi che appartenevano a una banda di cui ero stato rivale; il capo mi colpì alla schiena urlando: “Difenditi!” In quel momento pronunciai una breve preghiera a Geova, chiedendogli di aiutarmi a sopportare quell’aggressione. Nonostante sentissi il forte impulso di reagire, scappai. Il giorno dopo incontrai il capo della banda da solo. Mi sentii ribollire dentro per la rabbia e il desiderio di vendetta, ma supplicai di nuovo Geova in silenzio perché mi aiutasse a controllarmi. Con mia sorpresa, il ragazzo venne da me e mi disse: “Perdonami per quello che è successo ieri sera. La verità è che mi piacerebbe essere come te. Vorrei studiare la Bibbia”. Come fui felice di aver tenuto sotto controllo la mia rabbia! Grazie a questo, iniziai uno studio biblico con lui.

Purtroppo i miei familiari smisero di studiare la Bibbia. Io però ero determinato ad andare avanti e a non permettere a niente e nessuno di fermarmi. Sapevo che stare regolarmente con chi serve Dio avrebbe guarito le mie ferite emotive e mi avrebbe fatto trovare la famiglia di cui avevo bisogno. Continuai a fare progressi e nel 1991 mi battezzai come testimone di Geova.

I BENEFÌCI:

Prima ero arrabbiato, prepotente e violento. Ma la Parola di Dio ha trasformato completamente la mia vita. Adesso parlo del pacifico messaggio della Bibbia con chiunque desideri ascoltare. Da 23 anni ho il privilegio di servire come ministro a tempo pieno.

Per un periodo ho lavorato come volontario nella filiale dei Testimoni di Geova del Messico. Lì ho conosciuto Claudia, una ragazza molto dinamica, e nel 1999 ci siamo sposati. Sono davvero grato a Geova per avermi dato questa compagna leale.

Abbiamo servito insieme in una congregazione di lingua dei segni messicana per aiutare i sordi a conoscere Geova. In seguito siamo stati invitati a trasferirci in Belize, dove serviamo attualmente. Qui la nostra vita è molto più semplice, ma abbiamo tutto quello che serve per essere felici. Non la cambieremmo per niente al mondo!

Con il tempo mia madre ha ricominciato a studiare la Bibbia e si è battezzata. Anche mio fratello maggiore, sua moglie, i loro figli e alcuni dei miei amici a cui avevo parlato del messaggio del Regno adesso sono testimoni di Geova.

Purtroppo alcuni della mia famiglia, a causa del loro temperamento violento, sono morti. Se non fossi cambiato, probabilmente avrei fatto la stessa fine. Sono grato a Geova per avermi permesso di avvicinarmi a lui e ai suoi adoratori, che mi hanno insegnato con pazienza e gentilezza ad applicare i princìpi biblici nella mia vita.