Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  N. 5 2016

 IN COPERTINA | COME TROVARE CONFORTO

Conforto nelle difficoltà

Conforto nelle difficoltà

Le difficoltà possono essere di vario tipo. Non possiamo trattare tutti i problemi che potrebbero presentarsi, quindi ci concentreremo sui quattro di cui abbiamo già parlato. Notate in che modo alcune persone che hanno affrontato difficoltà diverse hanno tutte trovato vero conforto in Dio.

QUANDO SI PERDE IL LAVORO

“Ho imparato ad accettare qualsiasi lavoro e abbiamo tagliato tutte le spese non necessarie” (Jonathan)

Seth * racconta: “Io e mia moglie abbiamo perso il lavoro nello stesso periodo. Per due anni ci siamo mantenuti grazie al sostegno economico della nostra famiglia e a qualche lavoretto saltuario. Mia moglie Priscilla è caduta in depressione e io mi sentivo inutile”.

“Come abbiamo affrontato questa situazione? Priscilla ricordava a sé stessa le parole di Matteo 6:34. Gesù disse che non dobbiamo essere ansiosi del domani, perché ogni giorno ha le proprie ansietà. Pregare sentitamente le ha dato la forza di andare avanti. Io invece ho trovato conforto nelle parole di Salmo 55:22. Come il salmista, ho gettato il mio peso su Geova e ho sentito il Suo sostegno. Anche se adesso ho un lavoro, io e mia moglie continuiamo ad avere uno stile di vita semplice seguendo il consiglio di Gesù riportato in Matteo 6:20-22. Soprattutto, ci siamo stretti di più a Geova e siamo molto più uniti tra di noi”.

Jonathan ammette: “Quando la nostra piccola azienda di famiglia fallì, ero terrorizzato. A causa della crisi economica, 20 anni di duro lavoro erano andati in fumo. Io e mia moglie iniziammo a litigare per i soldi. Non usavamo neanche la carta di credito per paura di non riuscire a pagare”.

“La Parola di Dio e il suo spirito, però, ci hanno aiutato a prendere decisioni sagge. Ho imparato ad accettare qualsiasi lavoro e abbiamo tagliato tutte le spese non necessarie. Abbiamo anche avuto il sostegno di altri testimoni di Geova come noi. Hanno risollevato la nostra autostima e ci hanno dato una mano nei periodi più bui”.

 QUANDO IL MATRIMONIO FINISCE

Raquel ricorda: “Quando mio marito mi ha improvvisamente lasciato, ho provato dolore e rabbia. Ero sopraffatta da una profonda tristezza. Ma mi sono stretta a Dio e lui mi ha confortato. Ogni giorno, quando pregavo, la pace di Dio proteggeva il mio cuore. Era come se Dio curasse il mio cuore ferito”.

“Grazie alla sua Parola, la Bibbia, ho vinto la rabbia e il risentimento. Ho fatto mie le parole dell’apostolo Paolo riportate in Romani 12:21: ‘Non farti vincere dal male, ma continua a vincere il male col bene’”.

“A volte dobbiamo accettare che una cosa è persa. [...] Ora mi sono posta nuove mete” (Raquel)

“Un caro amico mi ha aiutato a capire che dovevo voltare pagina. Mi ha mostrato Ecclesiaste 3:6 e mi ha detto con gentilezza che a volte dobbiamo accettare che una cosa è persa. È stato un consiglio difficile da mandare giù, ma era proprio quello di cui avevo bisogno. Ora mi sono posta nuove mete”.

Elizabeth afferma: “Quando il tuo matrimonio finisce, hai bisogno di sostegno emotivo. Una cara amica mi ha dato questo sostegno, giorno dopo giorno. Ha pianto con me, mi ha consolato e mi ha fatto sentire amata anziché respinta. Sono convinta che Geova l’ha usata per guarire le mie ferite emotive”.

QUANDO SI È MALATI O ANZIANI

“Dopo aver pregato, sento che con il suo spirito Dio mi dà forza” (Luis)

Luis, citato nell’articolo iniziale di questa serie, ha un grave problema al cuore e in due occasioni ha rischiato di morire. Ora deve essergli somministrato ossigeno 16 ore al giorno. Luis racconta: “Prego costantemente Geova. Dopo aver pregato, sento che con il suo spirito Dio mi dà forza. La preghiera mi infonde coraggio, perché ho fede in Dio e so che lui ha cura di me”.

“Vorrei fare così tante cose, ma non posso”, dice Petra, che ha più di 80 anni. “È triste vedere che le mie energie diminuiscono. Mi sento esausta e devo dipendere dalle medicine. Spesso penso a quando Gesù chiese a suo Padre se poteva eliminare la difficoltà che stava affrontando. In risposta Geova gli diede forza, e fa lo stesso con me. La preghiera è la mia terapia quotidiana. Dopo aver parlato con Dio, mi sento molto meglio” (Matteo 26:39).

 Anche Julian, che combatte contro la sclerosi multipla da quasi 30 anni, prova sentimenti simili: “Sono passato dalla poltrona da dirigente alla sedia a rotelle. Adesso, però, la mia vita ha più senso, perché la uso interamente per aiutare il prossimo. Dare ad altri può alleviare la nostra sofferenza, e Geova mantiene davvero la promessa di rafforzarci quando ne abbiamo bisogno. Come l’apostolo Paolo, posso affermare con convinzione che ‘per ogni cosa ho forza in virtù di colui che mi impartisce potenza’” (Filippesi 4:13).

QUANDO SI AFFRONTA UN LUTTO

Antonio ricorda: “Quando mio padre morì a seguito di un incidente, all’inizio non riuscivo a crederci. Mi sembrava così ingiusto: era solo un pedone innocente! Ma non c’era niente che io potessi fare. Prima di morire, è stato in coma per cinque giorni. Davanti a mia madre cercavo di non piangere, ma quando ero solo scoppiavo in lacrime. Continuavo a chiedermi: ‘Perché? Perché?’”

“Durante quei giorni terribili, chiedevo a Geova di aiutarmi a controllare le mie emozioni e di darmi pace. Poco a poco mi sentii più tranquillo. Ricordai che la Bibbia spiega che l’‘avvenimento imprevisto’ può capitare a chiunque. Dato che Dio non può mentire, sono sicuro che rivedrò mio padre quando verrà risuscitato” (Ecclesiaste 9:11; Giovanni 11:25; Tito 1:2).

“Anche se il disastro aereo ci ha portato via la vita di nostro figlio, non ha potuto toglierci i tanti ricordi felici che abbiamo di lui” (Robert)

Robert, menzionato nell’articolo iniziale, la pensa allo stesso modo: “Pregando Geova, io e mia moglie abbiamo provato la pace mentale di cui parla Filippesi 4:6, 7. Questa pace interiore ci ha permesso di parlare ai giornalisti della speranza della risurrezione. Anche se il disastro aereo ci ha portato via la vita di nostro figlio, non ha potuto toglierci i tanti ricordi felici che abbiamo di lui. Cerchiamo di concentrarci su questi”.

“Quando i nostri compagni di fede ci hanno fatto notare la calma con cui avevamo parlato della nostra fede davanti alle telecamere, abbiamo risposto che ci eravamo riusciti solo grazie alle molte preghiere a nostro favore. Geova ci ha confortato con gli innumerevoli messaggi che abbiamo ricevuto”.

Come mostrano questi esempi, Dio può dare conforto a persone che affrontano diversi tipi di problemi e difficoltà. Che dire di voi? Qualunque sia la situazione che dovete affrontare, potete trovare il conforto di cui avete bisogno per andare avanti. * Perché non vi rivolgete a Geova per ricevere aiuto? Lui è “l’Iddio di ogni conforto” (2 Corinti 1:3).

^ par. 5 In questo articolo alcuni nomi sono stati cambiati.

^ par. 23 Se volete essere aiutati ad avvicinarvi a Dio e ricevere il suo conforto, contattate i testimoni di Geova della vostra zona o scrivete alla filiale più vicina.

Per saperne di più

SVEGLIATEVI!

Aiuto dall’“Iddio di ogni conforto”

Dio sa quali sono le cause della depressione e come aiutare chi ne soffre. Che conforto dà tramite la sua Parola?