Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia  |  N. 5 2016

 IN COPERTINA | COME TROVARE CONFORTO

In che modo Dio dà conforto

In che modo Dio dà conforto

L’apostolo Paolo descrive Geova * come “l’Iddio di ogni conforto, che ci conforta in tutta la nostra tribolazione” (2 Corinti 1:3, 4). Con queste parole la Bibbia ci assicura che Dio è in grado di aiutare ognuno di noi e che non c’è tragedia che impedisca al nostro Padre celeste di confortarci.

Certo, se vogliamo ricevere il conforto di Dio dobbiamo fare qualcosa. Come potrebbe un dottore aiutarci se non prendessimo mai appuntamento per una visita? Il profeta Amos scrisse: “Cammineranno due insieme a meno che non si siano incontrati per appuntamento?” (Amos 3:3). Le Scritture, pertanto, ci esortano: “Accostatevi a Dio, ed egli si accosterà a voi” (Giacomo 4:8).

Perché possiamo essere sicuri che Dio si accosterà a noi? Innanzitutto perché ci assicura più volte che vuole aiutarci. (Vedi il  riquadro.) E poi perché abbiamo la convincente testimonianza di persone che, sia nel passato sia nel presente, sono state confortate da Dio.

Come molti che oggi cercano l’aiuto di Dio, il re Davide sapeva bene cosa significa affrontare una tragedia, e in un’occasione chiese a Geova: “Odi la voce delle mie suppliche quando grido a te per invocare soccorso”. Dio lo ascoltò? Sì, perché Davide aggiunse: “Sono stato aiutato, così che il mio cuore esulta” (Salmo 28:2, 7).

IL RUOLO DI GESÙ NEL CONFORTARE CHI SOFFRE

Dio affidò a Gesù un ruolo fondamentale nel dare conforto. Gesù avrebbe dovuto “fasciare quelli che hanno il cuore rotto” e “confortare tutti quelli che fanno lutto” (Isaia 61:1, 2). Come predetto, Gesù ebbe particolarmente a cuore coloro che erano “affaticati e oppressi” (Matteo 11:28-30).

Gesù confortò le persone dando loro saggi consigli, trattandole in modo gentile e, in alcuni casi, guarendole dalle loro malattie. Un giorno un lebbroso lo supplicò: “Se vuoi, mi puoi rendere puro”. Mosso a pietà, Gesù rispose: “Lo voglio. Sii reso puro” (Marco 1:40, 41). E il lebbroso guarì.

Anche se oggi il Figlio di Dio non è qui sulla terra per darci conforto in modo diretto, suo Padre Geova,  che è “l’Iddio di ogni conforto”, continua a dare aiuto a chi ne ha bisogno (2 Corinti 1:3). Consideriamo quattro mezzi principali che Dio usa per confortare le persone.

  • La Bibbia. “Tutte le cose che furono scritte anteriormente furono scritte per nostra istruzione, affinché per mezzo della nostra perseveranza e per mezzo del conforto delle Scritture avessimo speranza” (Romani 15:4).

  • Lo spirito santo. Non molto tempo dopo la morte di Gesù, la congregazione cristiana “entrò in un periodo di pace” perché “camminava nel timore di Geova e nel conforto dello spirito santo” (Atti 9:31). Lo spirito santo, la forza attiva di Dio, è molto potente. Dio può usarlo per confortare chiunque in qualsiasi circostanza.

  • La preghiera. “Non siate ansiosi di nulla”, dice la Bibbia. Piuttosto, “le vostre richieste siano rese note a Dio [...]; e la pace di Dio che sorpassa ogni pensiero custodirà i vostri cuori e le vostre facoltà mentali” (Filippesi 4:6, 7).

  • I compagni di fede sono veri amici, una “rete di protezione” che ci impedisce di cadere nello sconforto. L’apostolo Paolo disse che gli altri cristiani erano “un aiuto rafforzante” in tempi di “necessità e tribolazione” (Colossesi 4:11; 1 Tessalonicesi 3:7).

Forse vi chiedete in che modo questi mezzi possano darvi conforto. Vediamo più da vicino come le persone menzionate nel primo articolo hanno affrontato le difficoltà in cui si sono trovate. Proprio come loro, anche voi riscontrerete che Dio continua a mantenere questa rincuorante promessa: “Come un uomo che la sua propria madre continua a confortare, così io stesso continuerò a confortare voi” (Isaia 66:13).

^ par. 3 Geova è il nome di Dio rivelato nella Bibbia.