La Bibbia dice che i consigli che contiene sono ispirati e utili “per insegnare, per riprendere, per correggere” (2 Timoteo 3:16). È proprio così? Vediamo come i saggi consigli della Bibbia hanno aiutato le persone a liberarsi di alcuni problemi veramente angosciosi prima che fosse troppo tardi.

ABUSO DI ALCOL

Delphine, menzionata nell’articolo precedente, si rendeva conto che le preoccupazioni che aveva la inducevano a bere. La Bibbia non condanna l’uso moderato di alcol, ma dice: “Non essere fra gli smodati bevitori di vino” (Proverbi 23:20). L’abuso di alcol è stato messo in relazione con gravi problemi di salute, rapporti rovinati o distrutti e milioni di morti premature ogni anno. Molti di questi problemi si potrebbero evitare seguendo i saggi consigli della Bibbia.

Delphine l’ha fatto, e oggi racconta: “Mi resi conto che l’alcol non placava la mia ansia. Misi in pratica il saggio consiglio di Filippesi 4:6, 7, che dice: ‘Non siate ansiosi di nulla, ma [...] le vostre richieste siano rese note a Dio’. Ogni notte, quando mi sentivo assalire dall’ansia e dai pensieri, mi rivolgevo a Geova in preghiera e gli esternavo tutti i miei sentimenti, tra cui rabbia, dolore e disperazione, e lo imploravo di aiutarmi a essere più positiva. Al mattino mi accertavo di essermi davvero liberata di tutti quei sentimenti. Grazie a quella buona abitudine sembrava che riuscissi a concentrarmi su quello che avevo, anziché su quello che non avevo. Decisi che avrei chiuso definitivamente con l’alcol. La pace che avevo trovato era così preziosa che non potevo rischiare di perderla”.

 IMMORALITÀ SESSUALE

Pochi problemi causano così tanto dolore e infelicità come l’immoralità sessuale. I princìpi della Bibbia, però, contribuiscono a evitare problemi del genere perché ci aiutano a stare alla larga da cose che sono alla radice dell’immoralità sessuale, come flirtare e guardare materiale pornografico. “Era così facile flirtare”, dice un ragazzo che si chiama Samuel. “A volte non ero davvero attratto da una ragazza ma capivo di piacerle, così flirtare diventava quasi un gioco”. A Samuel venne fatto notare così tante volte di essersi messo a flirtare, anche quando non era sua intenzione farlo, che alla fine decise di comportarsi in quel modo di proposito. Ma quell’abitudine cominciò a turbarlo. “È una cosa pericolosa”, dice oggi, “perché ti fa diventare un vero egoista”.

Samuel lesse un articolo per i giovani pubblicato sul sito jw.org. Poi si mise a riflettere su Proverbi 20:11, che dice: “Anche mediante le sue pratiche il ragazzo fa riconoscere se la sua attività è pura e retta”. In che modo questo lo aiutò? Samuel comprese che flirtare non era né puro né retto. Ora dice: “Ho anche capito che un ragazzo che flirta sviluppa caratteristiche che lo preparano a diventare un pessimo marito. Ho iniziato a pensare a come un giorno si sarebbe sentita mia moglie se mi avesse visto flirtare con un’altra donna. E così ho capito che non si tratta di un passatempo innocuo. Il fatto che flirtare sia facile non significa che sia giusto”. Samuel è cambiato. Smettere di flirtare lo ha anche aiutato a evitare l’immoralità sessuale.

Antonio rischiava ancora di più di cadere nell’immoralità sessuale. Aveva sviluppato una dipendenza dalla pornografia. Era sposato e amava molto sua moglie, ma cedeva continuamente al vizio. Lo aiutò molto riflettere su 1 Pietro 5:8, che dice: “Mantenetevi assennati, siate vigilanti. Il vostro avversario, il Diavolo, va in giro come un leone ruggente, cercando di divorare qualcuno”. Antonio osserva: “Siamo assediati da immagini pornografiche, e quelle immagini ti entrano nel cervello. Quel versetto mi aiutò a pensare a chi c’è dietro a quelle tentazioni. Dovevo imparare ad associare in automatico quelle immagini sconce alla persona spregevole che vi si nasconde dietro. Ora so che solo Geova può aiutarmi a ‘mantenermi assennato e a essere vigilante’ in modo da respingere quegli attacchi alla mia mente, al mio cuore e al mio matrimonio”. Antonio ha ricevuto l’aiuto di cui aveva bisogno e alla fine si è liberato del suo brutto vizio. Questo, a sua volta, gli ha permesso di non cacciarsi in guai anche peggiori.

È evidente che i consigli della Bibbia sono pratici e possono risparmiarci gravi problemi. Ma che dire di problemi ormai esistenti e che si protraggono nel tempo? Vediamo come la Parola di Dio può aiutarci anche in questo caso.

I consigli pratici della Bibbia possono aiutarci a evitare certi problemi