Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia (edizione per lo studio, facile lettura)  |  agosto 2016

Riconosciamo l’importanza di fare progressi spirituali?

Riconosciamo l’importanza di fare progressi spirituali?

Continua ad applicarti alla lettura pubblica, all’esortazione, all’insegnamento (1 TIMOTEO 4:13)

CANTICI: 45, 70

1, 2. (a) In che modo Isaia 60:22 si sta adempiendo nel tempo della fine? (b) Di cosa c’è bisogno oggi nella parte terrena dell’organizzazione di Geova?

“IL PICCOLO stesso diverrà mille, e l’esiguo una nazione potente” (Isaia 60:22). Queste parole si stanno avverando proprio oggi, nel tempo della fine. Infatti nel 2015 il numero dei servitori di Geova che predicavano la buona notizia del Regno in tutto il mondo è stato di 8.220.105! Parlando dell’aumento del suo popolo Dio disse: “Io stesso, Geova, l’affretterò al suo proprio tempo”. Quindi man mano che il tempo passa, per ognuno di noi ci saranno sempre più cose da fare. Allora chiediamoci: “Mi sto impegnando già ora per predicare la buona notizia e per insegnare?” Molti fratelli e sorelle fanno i pionieri regolari o ausiliari. Alcuni si sono trasferiti in un’altra zona per dare una mano nell’opera di predicazione, e altri si stanno impegnando molto per costruire Sale del Regno.

2 Ogni anno vengono formate circa 2.000 nuove congregazioni. In queste congregazioni c’è bisogno di anziani e servitori di ministero. Ogni anno, quindi, è necessario che  migliaia di servitori di ministero diventino anziani e che migliaia di altri fratelli diventino servitori di ministero. È proprio vero: c’è “molto da fare nell’opera del Signore”, sia per i fratelli che per le sorelle (1 Corinti 15:58).

COSA SERVE PER FARE PROGRESSI SPIRITUALI?

3, 4. Cosa significa per voi fare progressi spirituali?

3 Leggi 1 Timoteo 3:1. L’apostolo Paolo lodò i fratelli che stavano ‘aspirando all’incarico di sorvegliante’. Aspirare significa desiderare di raggiungere un obiettivo. Per raggiungere qualcosa che è lontano, una persona deve allungarsi, e fare uno sforzo. Cosa significa questo per un fratello che ad esempio desidera diventare servitore di ministero? Sa che dovrà impegnarsi per sviluppare ancora di più le qualità cristiane. Dopo essere diventato servitore di ministero, però, non smetterà di impegnarsi, ma continuerà a fare sforzi per raggiungere l’obiettivo di diventare anziano.

4 Alcuni fratelli e sorelle stanno facendo cambiamenti nella loro vita perché desiderano fare di più per servire Geova. Ad esempio alcuni sono pionieri, altri lavorano alla Betel o collaborano alla costruzione di Sale del Regno. Vediamo quali consigli ci dà la Bibbia per continuare a fare progressi.

CONTINUIAMO A FARE PROGRESSI SPIRITUALI

5. In che modo i giovani possono usare le loro energie in varie forme di servizio?

5 I giovani possono fare molto per servire Geova dato che sono forti e pieni di salute. (Leggi Proverbi 20:29.) Alcuni lavorano alla Betel dando una mano a stampare e rilegare libri e Bibbie. Molti giovani, sia fratelli che sorelle, costruiscono Sale del Regno o collaborano alla loro manutenzione. Altri si offrono di aiutare chi è stato colpito da calamità naturali. E molti giovani pionieri imparano una nuova lingua o si trasferiscono in un’altra zona per predicare la buona notizia.

6-8. (a) Come riuscì un fratello giovane a cambiare idea sulle attività spirituali, e con quale risultato? (b) Come possiamo ‘gustare e vedere che Geova è buono’?

6 Visto che amiamo Geova, vogliamo dargli il meglio. A volte però potremmo sentirci come Aaron, che aveva il desiderio di servire Dio con gioia, ma non ci riusciva. Andava alle adunanze e usciva in servizio da quando era piccolo, ma disse: “Le adunanze e il servizio mi annoiavano”. Allora cosa fece?

7 Aaron decise di impegnarsi a leggere la Bibbia con regolarità, a prepararsi per le adunanze e a fare commenti. Iniziò anche a pregare più spesso. Tutto questo aiutò Aaron a fare progressi spirituali. Infatti conobbe Geova sempre meglio e iniziò ad amarlo ancora di più. Il risultato fu che Aaron si sentì più felice. Questo lo spinse a fare il pioniere, ad aiutare chi era stato colpito da calamità naturali e ad andare a predicare all’estero. Oggi Aaron è un anziano e serve alla Betel. Ripensando alla sua vita Aaron ha detto: “Ho ‘gustato e visto che Geova è buono’. Quello che ha fatto per me mi spinge a ringraziarlo e a servirlo con più impegno. E lui continua a benedirmi”.

 8 Lo scrittore di un salmo disse: “Gustate e vedete che Geova è buono”. Poi aggiunse: “In quanto a quelli che cercano Geova, non mancherà loro nessuna cosa buona”. (Leggi Salmo 34:8-10.) Quando serviamo Geova al meglio delle nostre possibilità, ci sentiamo davvero felici perché sappiamo che lui è contento di noi. E Geova manterrà la promessa di prendersi cura di noi.

NON ARRENDIAMOCI

9, 10. Perché è importante aspettare con pazienza?

9 Forse desideriamo fare di più per Geova. Ma che dire se stiamo aspettando da tanto tempo di ricevere un incarico nella congregazione o che le nostre circostanze cambino? Forse dobbiamo avere pazienza (Michea 7:7). A volte Geova potrebbe permettere che la nostra situazione non cambi subito. Possiamo però essere sicuri che lui è sempre pronto a sostenerci. Pensiamo all’esempio di Abraamo. Geova gli promise che avrebbe avuto un figlio, ma Abraamo dovette aspettare molti anni prima che Isacco nascesse. Durante tutto quel periodo, Abraamo fu paziente e non perse mai la fiducia in Geova (Genesi 15:3, 4; 21:5; Ebrei 6:12-15).

10 Certo, non è facile aspettare (Proverbi 13:12). Se però continuiamo a pensare alla nostra situazione e a quanto siamo delusi, ci sentiremo molto scoraggiati. Cerchiamo invece di usare il tempo per sviluppare ancora di più le qualità che ci serviranno per assolvere responsabilità nella congregazione.

Se meditiamo su quello che leggiamo nella Bibbia, diventeremo più saggi e impareremo a prendere buone decisioni

11. Quali qualità spirituali possiamo sforzarci di coltivare, e perché sono importanti?

11 Sviluppiamo le qualità e le capacità che ci servono. Se leggiamo la Bibbia e meditiamo su quello che dice, diventeremo più saggi, impareremo a pensare e a ragionare con giudizio ed equilibrio, e prenderemo buone decisioni. Sono proprio queste le qualità e le capacità che i fratelli devono avere per prendersi cura della congregazione (Proverbi 1:1-4; Tito 1:7-9). Quando studiamo la Bibbia comprendiamo cosa pensa Geova di tanti argomenti. Ad esempio, capiamo come trattare gli altri, come gestire i soldi, come scegliere i vestiti e i divertimenti. Quindi sforziamoci ogni giorno di mettere in pratica quello che impariamo per prendere decisioni che piacciono a Geova.

12. Come possono dimostrarsi degni di fiducia i componenti della congregazione?

12 Svolgiamo con impegno qualsiasi compito riceviamo. Quando il popolo di Dio stava ricostruendo il tempio, Neemia aveva bisogno di uomini pronti ad assolvere varie responsabilità. Scelse uomini che avevano una buona  reputazione. Sapeva che quegli uomini amavano Dio e che avrebbero svolto con impegno qualsiasi compito (Neemia 7:2; 13:12, 13). Allo stesso modo, oggi chi è fedele e si impegna avrà una buona reputazione e potrà ricevere maggiori responsabilità (1 Corinti 4:2). Quindi, sia che siamo fratelli o sorelle, dobbiamo sforzarci di svolgere al meglio qualsiasi compito riceviamo. (Leggi 1 Timoteo 5:25.)

13. Come possiamo seguire l’esempio di Giuseppe se veniamo trattati ingiustamente?

13 Dobbiamo avere fiducia in Geova. Cosa puoi fare se qualcuno ti tratta in modo ingiusto? Forse puoi spiegare come ti senti. Ma se continui a insistere e a dire che hai ragione potresti peggiorare la situazione. Impariamo una bella lezione dall’esempio di Giuseppe. I suoi fratelli lo trattarono male e delle persone non dissero la verità su di lui. Giuseppe andò addirittura in prigione per qualcosa che non aveva fatto. Però aveva fiducia in Geova: si concentrò sulle Sue promesse e rimase fedele (Salmo 105:19). In quei momenti difficili sviluppò molte belle qualità che gli servirono in seguito, quando ricevette un compito importante (Genesi 41:37-44; 45:4-8). Se una persona ti ha trattato in modo ingiusto, chiedi a Geova in preghiera di darti saggezza. Lui ti aiuterà a rimanere calmo e a parlare con questa persona in maniera gentile. (Leggi 1 Pietro 5:10.)

 CONTINUIAMO A FARE PROGRESSI NEL MINISTERO

14, 15. (a) Perché dobbiamo ‘prestare costante attenzione’ al nostro modo di predicare? (b) Come possiamo adattarci ai cambiamenti nel territorio? (Vedi l’immagine iniziale e il riquadro “ Sei pronto a provare un metodo diverso?”)

14 Paolo incoraggiò Timoteo a continuare a migliorare nel modo di spiegare le Scritture. Disse: “Presta costante attenzione a te stesso e al tuo insegnamento” (1 Timoteo 4:13, 16). Visto che Timoteo predicava già da molti anni, perché aveva bisogno di migliorare? Timoteo sapeva che le persone e le circostanze cambiano. Quindi doveva continuare a migliorare e a modificare il suo modo di insegnare; solo così le persone avrebbero continuato ad ascoltarlo. Anche noi oggi dobbiamo fare lo stesso quando predichiamo.

15 In alcune zone, spesso troviamo poche persone quando predichiamo di casa in casa. In altre zone, anche se le persone sono a casa, sono difficili da raggiungere perché non possiamo entrare negli edifici dove abitano. Se nel tuo territorio ci sono queste situazioni, puoi provare un metodo diverso per contattare le persone?

16. In che modo la testimonianza pubblica può essere efficace?

16 Molti fratelli e sorelle partecipano con piacere alla testimonianza pubblica. In genere i proclamatori che svolgono quest’opera contattano le persone nelle stazioni dei treni e degli autobus, nei mercati e nei parchi. Un Testimone potrebbe iniziare la conversazione con una persona facendo un complimento ai suoi figli o una domanda sul suo lavoro, o parlando di una notizia recente. Se alla persona fa piacere continuare la conversazione, il proclamatore potrebbe parlare di un pensiero preso dalla Bibbia e chiederle cosa ne pensa. Spesso le persone sono curiose di sapere quello che dice la Bibbia.

17, 18. (a) Come possiamo diventare più sicuri di noi stessi nella testimonianza pubblica? (b) Perché le parole di Davide ci incoraggiano per quanto riguarda il ministero?

17 Trovi difficile iniziare una conversazione per strada con qualcuno che non conosci? Eddie, un pioniere di New York, aveva proprio questo problema. Però qualcosa lo ha aiutato a sentirsi più sicuro. Racconta: “Durante l’adorazione in famiglia, ho fatto ricerche con mia moglie per sapere come rispondere a chi non è d’accordo con quello che diciamo. Abbiamo anche chiesto suggerimenti ad altri Testimoni”. Ora Eddie è felice di partecipare alla testimonianza pubblica.

18 Quando proviamo più soddisfazione nel ministero e miglioriamo nel modo di presentare la buona notizia, gli altri si accorgeranno del nostro progresso spirituale. (Leggi 1 Timoteo 4:15.) E forse potremo anche aiutare qualcuno a diventare un servitore di Geova. Davide disse: “Benedirò Geova in ogni tempo; la sua lode sarà di continuo nella mia bocca. La mia anima si vanterà in Geova; i mansueti udranno e si rallegreranno” (Salmo 34:1, 2).

CONTINUIAMO A LODARE GEOVA FACENDO PROGRESSI SPIRITUALI

19. Perché un fedele servitore di Geova dovrebbe essere felice anche se le sue circostanze limitano quello che può fare nel servizio?

19 Davide disse: “Tutte le tue opere ti  loderanno, o Geova, e i tuoi leali ti benediranno. Discorreranno della gloria del tuo regno, e parleranno della tua potenza, per far conoscere ai figli degli uomini i suoi potenti atti e la gloria dello splendore del suo regno” (Salmo 145:10-12). Tutti quelli che amano Geova e gli sono leali vogliono con tutto il cuore parlare ad altri di lui. Ma se per colpa di una malattia o dell’età non puoi dedicare alla predicazione di casa in casa tutto il tempo che vorresti, cosa puoi fare? Ricorda sempre che puoi lodare Geova ogni volta che parli di lui a chi ti sta intorno, come gli infermieri e i dottori. Se sei in prigione a motivo della fede, puoi parlare lo stesso ad altri di Geova, e questo lo renderà molto felice (Proverbi 27:11). Inoltre Geova è molto contento quando lo servi anche se nella tua famiglia nessun altro lo fa (1 Pietro 3:1-4). Anche in situazioni molto difficili puoi lodare Geova, avvicinarti a lui e fare progressi spirituali.

20, 21. Come possiamo aiutare meglio gli altri se riceviamo ulteriori incarichi nell’organizzazione di Geova?

20 Se continuiamo ad avvicinarci a Geova e facciamo del nostro meglio per servirlo, senza dubbio lui ci benedirà. Magari facendo dei cambiamenti nel nostro programma o nelle nostre abitudini avremo più possibilità di aiutare qualcuno a conoscere le stupende promesse di Dio. Inoltre fare progressi spirituali ci permetterà di aiutare ancora di più i fratelli e le sorelle. E pensiamo a quanto ci vorranno bene vedendo tutto il nostro impegno nella congregazione!

21 Sia che serviamo Geova da poco o da molto tempo, tutti possiamo continuare ad avvicinarci a lui e fare progressi spirituali. Nel prossimo articolo vedremo in che modo possiamo aiutare gli altri a fare progressi.