Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Torre di Guardia (edizione per lo studio, facile lettura)  |  agosto 2016

Come avere un matrimonio felice

Come avere un matrimonio felice

Ciascuno di voi ami individualmente sua moglie così come se stesso; la moglie abbia profondo rispetto per il marito (EFESINI 5:33)

CANTICI: 87, 3

1. Anche se di solito un matrimonio inizia bene, cosa si può aspettare una coppia in seguito? (Vedi l’immagine iniziale.)

È IL giorno del matrimonio. Lo sposo vede arrivare la sua bella sposa. Sono felicissimi. Quando i due si stavano frequentando, il loro amore è cresciuto così tanto che hanno deciso di sposarsi, promettendo di essere fedeli l’uno all’altra. Ora che si sono sposati, marito e moglie hanno iniziato una nuova vita insieme e per rimanere uniti dovranno fare dei cambiamenti. Geova, il Creatore del matrimonio, vuole che ogni coppia abbia una vita familiare felice, quindi ci ha dato dei saggi consigli nella sua Parola, la Bibbia (Proverbi 18:22). Ma visto che tutti gli esseri umani sono imperfetti, la Bibbia dice che le persone sposate dovranno affrontare problemi, o “tribolazione nella loro carne” (1 Corinti 7:28). Cosa possono fare marito e moglie per limitare i problemi? E come riuscirà una coppia cristiana ad avere un matrimonio felice?

2. Quali tipi di amore dovrebbero dimostrare marito e moglie?

2 La Bibbia dice che l’amore è una qualità importante. Ci  sono però diversi tipi di amore che marito e moglie devono mostrare in un matrimonio: per esempio, tenero affetto e amore romantico. C’è poi l’amore che si prova per i componenti della famiglia, che è ancora più importante se la coppia ha dei figli. Ma quello che rende davvero felice il matrimonio è l’amore che si basa sui princìpi cristiani. L’apostolo Paolo descrisse questo amore quando disse: “Ciascuno di voi ami individualmente sua moglie così come se stesso; d’altra parte, la moglie abbia profondo rispetto per il marito” (Efesini 5:33).

LE RESPONSABILITÀ DEL MARITO E DELLA MOGLIE

3. Quanto dovrebbe essere forte l’amore fra marito e moglie?

3 Paolo scrisse: “Mariti, continuate ad amare le vostre mogli, come anche il Cristo amò la congregazione e si consegnò per essa” (Efesini 5:25). Oggi i cristiani imitano l’esempio di Gesù amandosi gli uni gli altri, così come Gesù amò i suoi discepoli. (Leggi Giovanni 13:34, 35; 15:12, 13.) Un marito e una moglie cristiani dovrebbero amarsi al punto da essere pronti a morire l’uno per l’altra. Ma quando ci sono problemi gravi nel matrimonio, alcuni potrebbero avere la sensazione che il loro amore non sia molto forte. Cosa può aiutarli? L’amore basato sui princìpi, un amore che “copre ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa”. Questo amore “non viene mai meno” (1 Corinti 13:7, 8). Marito e moglie devono ricordare che hanno fatto una promessa: amarsi ed essere fedeli l’uno all’altra. Questo li spingerà a cercare l’aiuto di Geova e a collaborare per risolvere qualunque problema.

4, 5. (a) Quale responsabilità ha il marito come capofamiglia? (b) In che modo la moglie deve considerare l’autorità del marito? (c) Quali cambiamenti ha dovuto fare una coppia?

4 Paolo spiegò quali sono le responsabilità del marito e della moglie quando scrisse: “Le mogli siano sottomesse ai loro mariti come al Signore, perché il marito è capo della moglie come anche il Cristo è capo della congregazione” (Efesini 5:22, 23). Da questo comprendiamo forse che la moglie è inferiore al marito? Assolutamente no! Geova pensa che la moglie ha un ruolo importante all’interno della coppia. Infatti disse: “Non è bene che l’uomo stia solo. Gli farò un aiuto, come suo complemento” (Genesi 2:18). La moglie deve aiutare il marito a essere un buon capofamiglia. E il marito deve imitare l’esempio di amore lasciato da Gesù, che è “capo della congregazione”. Se il marito si impegna a imitare Gesù, farà sentire sua moglie protetta, e per lei sarà più facile rispettarlo e sostenerlo.

“Seguendo i consigli di Geova ci siamo davvero avvicinati l’uno all’altra”

5 Cathy, che è sposata con Fred, dice: “Prima di sposarmi ero molto indipendente, e gestivo da sola la mia vita. Per me il matrimonio è stato un grande cambiamento, perché ho dovuto imparare ad appoggiarmi a mio marito. Non è sempre stato facile, ma seguendo i consigli di Geova ci siamo davvero avvicinati l’uno all’altra”. [1] (Vedi la nota.) Fred dice: “Per me prendere decisioni è sempre stato difficile. Quando ti sposi, poi, decidere per due è ancora più difficile.  Ma cercare l’aiuto di Geova in preghiera e ascoltare con attenzione i suggerimenti di mia moglie mi ha aiutato tantissimo. Prendere decisioni diventa sempre più facile. E adesso siamo davvero una squadra!”

6. In quali modi l’amore può essere “un perfetto vincolo d’unione” quando ci sono problemi nel matrimonio?

6 “Continuate a sopportarvi gli uni gli altri e a perdonarvi liberalmente gli uni gli altri”: quando la coppia segue questo consiglio, rafforza il matrimonio. Marito e moglie sono imperfetti, quindi sbagliano. Quando questo succede, però, possono imparare dai loro sbagli, imparare a perdonare e mostrare l’amore basato sui princìpi biblici. Questo tipo di amore è “un perfetto vincolo d’unione”, cioè un legame perfetto (Colossesi 3:13, 14). Marito e moglie mostrano questo amore quando sono pazienti, gentili e non tengono “conto del male” (1 Corinti 13:4, 5). La coppia dovrebbe cercare di risolvere ogni contrasto il più presto possibile, entro la fine della giornata (Efesini 4:26, 27). Ci vuole umiltà e coraggio per riuscire a dire: “Mi dispiace di averti ferito”. Ma questo aiuterà a risolvere i problemi e a rendere marito e moglie più uniti.

L’IMPORTANZA DI MOSTRARE TENEREZZA

7, 8. (a) Quali consigli dà la Bibbia riguardo ai rapporti sessuali nel matrimonio? (b) Perché marito e moglie devono trattarsi con tenerezza?

7 La Bibbia dà utili consigli che aiutano le coppie ad avere la giusta prospettiva sul sesso nel matrimonio. (Leggi 1 Corinti 7:3-5.) È fondamentale che marito e moglie tengano conto dei sentimenti e dei bisogni dell’altro. Se il marito non mostra tenerezza alla moglie, per lei i rapporti sessuali possono diventare un aspetto poco piacevole del matrimonio. Il marito dovrebbe trattare la moglie “secondo conoscenza” (1 Pietro 3:7). I rapporti sessuali non dovrebbero essere un obbligo, e non si dovrebbero pretendere. Dovrebbero invece essere una cosa spontanea. E anche se spesso dal punto di vista fisico l’uomo reagisce con più rapidità della donna, marito e moglie devono scegliere un momento che dal punto di vista emotivo sia giusto per entrambi.

8 La Bibbia non stabilisce limiti o regole per quanto riguarda l’intimità sessuale tra marito e moglie, ma mette in evidenza l’importanza di dimostrare affetto (Il Cantico dei Cantici 1:2; 2:6). Un marito e una moglie che servono Geova devono trattarsi con tenerezza.

9. Perché è sbagliato avere interessi di natura sessuale per qualcuno che non è nostro marito o nostra moglie?

9 Se proviamo intenso amore per Dio e per il prossimo, non permetteremo a niente e a nessuno di mettere in pericolo il nostro matrimonio. Alcuni hanno  indebolito o perfino distrutto il loro matrimonio perché sono diventati dipendenti dalla pornografia. Dobbiamo resistere all’attrazione che possiamo provare per la pornografia o per qualsiasi altro interesse inappropriato di natura sessuale. Dobbiamo anche evitare di far pensare che stiamo flirtando, cioè che stiamo mostrando un interesse sentimentale verso qualcuno con cui non siamo sposati. Questa sarebbe una totale mancanza di amore. Ricordiamo che Dio conosce tutti i nostri pensieri e le nostre azioni. Questo ci aiuterà a rafforzare il desiderio di piacere a Dio e di rimanere leali a nostro marito o a nostra moglie. (Leggi Matteo 5:27, 28; Ebrei 4:13.)

QUANDO CI SONO PROBLEMI

10, 11. (a) Quanto è diffuso il divorzio? (b) Cosa dice la Bibbia della separazione? (c) Cosa aiuterà una persona sposata a non pensare subito alla separazione?

10 Quando i problemi gravi non vengono risolti, alcuni decidono di separarsi o di divorziare. In alcuni paesi divorzia più della metà delle coppie. È ovvio che questo non succede così spesso nella congregazione. Ma sempre più coppie cristiane affrontano gravi problemi nel loro matrimonio.

11 La Bibbia dà questo comando: “La moglie non si separi dal marito; ma se in realtà si separa, che rimanga senza sposarsi oppure che si riconcili col marito”. E aggiunge: “Il marito non lasci la moglie” (1 Corinti 7:10, 11). Alcune coppie forse pensano di avere problemi così gravi da doversi separare. Ma Gesù sottolineò che la separazione è una cosa seria. Infatti ripeté quello che Dio aveva detto all’inizio sul matrimonio e aggiunse: “Quello che Dio ha aggiogato insieme l’uomo non lo separi” (Matteo 19:3-6; Genesi 2:24). Perciò Geova vuole che marito e moglie restino insieme (1 Corinti 7:39). Ricordare che tutti noi dobbiamo rendere conto a Geova di quello che facciamo ci spingerà a risolvere subito i problemi, prima che diventino più gravi.

Le coppie cristiane riescono a risolvere i problemi perché si lasciano guidare da Dio

12. Per quali motivi una persona sposata potrebbe pensare alla separazione?

12 Perché alcune coppie hanno problemi gravi? Alcuni sono delusi o arrabbiati perché il loro matrimonio non è quello che avevano sperato. Spesso marito e moglie hanno problemi tra loro perché sono cresciuti in ambienti diversi, o perché hanno reazioni emotive diverse. Forse hanno difficoltà con i parenti acquisiti, o non sono d’accordo su come crescere i figli o gestire il denaro. Ma è bello vedere che la maggioranza delle coppie cristiane riesce a risolvere i problemi perché si lascia guidare da Dio.

13. In quali casi alcuni cristiani possono decidere di separarsi?

13 Una coppia potrebbe avere validi motivi per separarsi. Alcuni hanno scelto di separarsi a causa di queste situazioni estreme: deliberato rifiuto di  provvedere al sostentamento della famiglia, gravi maltrattamenti fisici e casi in cui la spiritualità del marito o della moglie sarebbe del tutto compromessa. Quando una coppia affronta problemi gravi, dovrebbe chiedere aiuto agli anziani. Gli anziani hanno molta esperienza e possono aiutare marito e moglie ad applicare i consigli di Dio nella loro vita. E quando marito e moglie chiedono a Geova il suo spirito santo, questo può aiutarli ad applicare i princìpi biblici e a mostrare qualità cristiane (Galati 5:22, 23). [2] (Vedi la nota.)

14. Cosa dice la Bibbia ai cristiani sposati con qualcuno che non serve Geova?

14 La Bibbia mostra che una coppia ha buoni motivi per rimanere insieme anche quando il marito o la moglie non serve Geova. (Leggi 1 Corinti 7:12-14.) Il non Testimone è “santificato” perché è sposato con una persona che serve Dio. I loro figli piccoli sono considerati “santi”, e quindi sono sotto la protezione di Dio. Paolo incoraggia così i mariti e le mogli che servono Geova: “Moglie, che ne sai se non salverai tuo marito? O, marito, che ne sai se non salverai tua moglie?” (1 Corinti 7:16). Ci sono molti esempi positivi di uomini e donne cristiani che hanno aiutato la loro moglie o il loro marito a diventare servitori di Geova.

15, 16. (a) Quale consiglio dà la Bibbia alle mogli cristiane che hanno un marito che non serve Dio? (b) Qual è la situazione di un cristiano “se l’incredulo si separa”?

15 L’apostolo Pietro disse alle mogli cristiane di essere sottomesse ai mariti “affinché, se alcuni non sono ubbidienti alla parola, siano guadagnati senza parola dalla condotta delle loro mogli, essendo stati testimoni oculari della vostra condotta casta insieme a profondo  rispetto”. È più probabile che la moglie aiuti il marito ad accettare la verità non parlando continuamente delle sue convinzioni, ma mostrando uno “spirito quieto e mite, che è di grande valore agli occhi di Dio” (1 Pietro 3:1-4).

16 E se il marito o la moglie che non serve Dio decide di separarsi? La Bibbia dice: “Se l’incredulo si separa, si separi; il fratello o la sorella non è in servitù in tali circostanze, ma Dio vi ha chiamati alla pace” (1 Corinti 7:15). Anche se la separazione può forse portare un po’ di pace, secondo la Bibbia la moglie cristiana, o il marito cristiano, non può risposarsi. Ma non cercherà di costringere l’altro a restare. Con il tempo, il non Testimone potrebbe decidere di tornare per ricostruire il matrimonio. E nel futuro potrebbe perfino iniziare a servire Geova.

QUAL È LA COSA PIÙ IMPORTANTE NEL MATRIMONIO?

Il nostro matrimonio sarà più felice se per noi servire Geova è la cosa più importante (Vedi il paragrafo 17)

17. Quale dovrebbe essere la cosa più importante per le coppie cristiane?

17 Viviamo alla fine degli “ultimi giorni”, e quindi stiamo affrontando “tempi difficili” (2 Timoteo 3:1-5). Ecco perché abbiamo bisogno della protezione che possiamo avere grazie a una stretta amicizia con Geova. Paolo scrisse: “Il tempo rimasto è ridotto. Da ora in poi quelli che hanno moglie siano come se non l’avessero”. E aggiunse: “Quelli che fanno uso del mondo come quelli che non ne usano appieno” (1 Corinti 7:29-31). Paolo non voleva dire che le persone sposate dovevano trascurare il marito o la moglie. Ma visto che stiamo vivendo negli ultimi giorni, servire Geova dovrebbe essere la cosa più importante per noi (Matteo 6:33).

18. Perché è possibile per i cristiani avere un matrimonio felice?

18 In questi tempi difficili, vediamo fallire molti matrimoni. È possibile avere un matrimonio felice? Sì, se rimaniamo vicini a Geova e al suo popolo, se applichiamo i princìpi biblici e se accettiamo la guida dello spirito santo di Geova. Quando facciamo tutto questo, diamo onore a “quello che Dio ha aggiogato insieme” (Marco 10:9).

^ [1] (paragrafo 5) Alcuni nomi sono stati cambiati.

^ [2] (paragrafo 13) Vedi l’appendice “Il punto di vista biblico su divorzio e separazione” del libro “Mantenetevi nell’amore di Dio”.