Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  N. 5 2017

 AIUTO PER LA FAMIGLIA | RAGAZZI

Vale la pena di cercare emozioni forti?

Vale la pena di cercare emozioni forti?

LA SFIDA

“Ero vicinissimo a un treno ad alta velocità che sfrecciava in una galleria. La scarica di adrenalina era così forte che ho dimenticato tutti i miei problemi” (Leon). *

“Tuffarmi in acqua da scogli alti e pericolosi mi faceva sentire per qualche secondo completamente libera. Di solito mi piaceva molto, ma a volte avevo paura” (Larissa).

Come Leon e Larissa, tanti ragazzi cercano emozioni forti mettendo alla prova i loro limiti, talvolta in modi molto pericolosi. Sei tentato di provarci anche tu? Se sì, questo articolo può aiutarti.

COSA DOVRESTI SAPERE

Cercare emozioni forti può diventare una dipendenza. Ti fa provare euforia sul momento, ma poi ti lascia con la voglia di provarne una ancora più forte. Marco, che come Leon entrava nelle gallerie in cui passavano i treni, dice: “Era un circolo vizioso: un momento di felicità che poi passava subito, e avevo bisogno di un’altra emozione forte”.

Justin, che si aggrappava alle auto in corsa per andare velocissimo con i suoi roller, dice: “L’emozione che provavo mi faceva venire voglia di rifarlo. Volevo che le persone mi ammirassero e invece sono finito in ospedale”.

La pressione dei compagni può farti perdere il buon senso. Un ragazzo di nome Marvin dice: “I miei amici cercarono di convincermi ad arrampicarmi su un grande edificio senza nessun tipo di protezione. Mi dicevano: ‘Dai che ce la fai!’ Avevo molta paura. Mentre salivo attaccato al muro, tremavo”. Larissa, citata prima, dice: “Facevo quello che facevano tutti. Seguivo la corrente”.

Una forma di pressione arriva anche da Internet, attraverso cui i ragazzi che cercano emozioni forti diventano popolari e i rischi che si corrono vengono minimizzati. Alcuni video di sfide postati sui social diventano subito virali, dando così notorietà e attenzione ai protagonisti di queste prove di coraggio.

Per esempio, alcuni video popolari riguardano il parkour, una disciplina che consiste nel superare rapidamente e agilmente vari ostacoli (come muri, case e scale) correndo, arrampicandosi  o saltando senza nessun tipo di protezione. Questo potrebbe portarti a trarre due conclusioni sbagliate: (1) il rischio è minimo e (2) lo fanno tutti. Il risultato è che potresti sentirti tentato di provare attività che comporterebbero seri rischi per la tua vita.

Ci sono modi migliori e più sicuri per metterti alla prova. La Bibbia dice che “l’addestramento corporale è utile per un poco” (1 Timoteo 4:8). Ma ti consiglia anche di “vivere con sanità di mente” (Tito 2:12). Come puoi farlo?

COSA PUOI FARE

Valuta i rischi. La Bibbia dice: “Ogni accorto agirà con conoscenza, ma chi è stupido spanderà stoltezza” (Proverbi 13:16). Prima di intraprendere una certa attività, informati sui rischi che comporta. Chiediti: “Quello che sto per fare è una scommessa con la morte? Potrei farmi male sul serio?” (Principio biblico: Proverbi 14:15.)

Scegli amici che hanno rispetto per la vita. I veri amici non ti spingono a correre rischi inutili o a fare qualcosa che non ti senti di fare. Larissa dice: “Buoni e veri amici mi hanno aiutato a scegliere meglio le attività a cui voglio partecipare. Quando ho cambiato le mie amicizie è cambiata anche la mia vita”. (Principio biblico: Proverbi 13:20.)

Chiediti: “Quello che sto per fare è una scommessa con la morte? Potrei farmi male sul serio?”

Goditi le capacità che hai senza rischiare la vita. Crescere significa anche “imparare a stabilire i propri princìpi e i propri limiti”, dice un libro sui comportamenti degli adolescenti (Adolescent Risk Behaviors). Puoi mettere alla prova i tuoi limiti in modo sicuro, usando le dovute protezioni e precauzioni.

Aumenta la tua autostima nel modo giusto. Le persone ti rispetteranno se riuscirai ad affrontare le sfide della vita in modo maturo e non per quello che hai il coraggio di fare per avere un po’ di brivido. Larissa dice: “Tuffarmi da scogli pericolosi è stato solo l’inizio di un periodo della mia vita pieno di comportamenti autolesionistici. Sarebbe stato molto meglio se avessi imparato a dire di no”.

Per tirare le somme: piuttosto che correre rischi inutili andando in cerca di emozioni forti, usa la testa quando scegli come divertirti. (Principio biblico: Proverbi 15:24.)

^ par. 4 In questo articolo alcuni nomi sono stati cambiati.