Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  N. 4 2016

 AIUTO PER LA FAMIGLIA | RAGAZZI

Come affrontare i cambiamenti

Come affrontare i cambiamenti

LA SFIDA

  • A causa del lavoro di tuo padre, dovete trasferirvi.

  • Il tuo migliore amico va a vivere molto lontano.

  • Tua sorella maggiore si sposa e se ne va di casa.

Tu come reagiresti a questi cambiamenti?

Un albero che è in grado di piegarsi al vento ha più probabilità di sopravvivere a una tempesta. Come quell’albero, puoi imparare a “piegarti” ai cambiamenti su cui hai poco o nessun controllo. Prima di vedere come puoi riuscirci, però, ci sono alcune cose che dovresti sapere sui cambiamenti.

COSA DOVRESTI SAPERE

I cambiamenti sono inevitabili. Nella Bibbia troviamo una verità fondamentale: “Il tempo e l’avvenimento imprevisto capitano a tutti” (Ecclesiaste 9:11). Prima o poi riscontrerai che le cose stanno proprio così. Certo, non tutti gli avvenimenti imprevisti sono sfavorevoli. Anzi, un cambiamento che sulle prime sembra negativo potrebbe poi rivelarsi vantaggioso. In genere però le persone si sentono al sicuro nella routine quotidiana, mentre manca loro la terra sotto i piedi quando le circostanze cambiano.

I cambiamenti possono essere particolarmente stressanti per gli adolescenti. Per quali motivi? “Ci sono già dei cambiamenti che stanno avvenendo dentro di te”, spiega un ragazzo di nome Alex. * “I cambiamenti intorno a te non fanno altro che aumentare lo stress”.

Un altro motivo è questo: quando un adulto affronta un cambiamento, può attingere al suo bagaglio di esperienza e vedere come ha gestito situazioni simili nel passato. Ma il “bagaglio” dei ragazzi è ancora piuttosto limitato.

Impara ad adattarti. Alcuni ragazzi hanno sviluppato la capacità di riprendersi dopo una difficoltà o di adattarsi a un cambiamento. Riescono non solo a sopportare i cambiamenti, ma anche a considerare gli ostacoli come opportunità. I ragazzi che sviluppano questa capacità hanno meno probabilità di ricorrere alla droga o all’alcol quando si sentono emotivamente sotto pressione.

 COSA PUOI FARE

Accetta la realtà. Sicuramente vorresti avere il pieno controllo della tua vita, ma questo semplicemente non è possibile. I tuoi amici si trasferiscono o si sposano; i tuoi fratelli crescono e se ne vanno di casa; le circostanze possono costringere te e la tua famiglia a separarvi dagli amici e da tutto quello a cui siete abituati. È meglio accettare la realtà che lasciarsi schiacciare dai pensieri negativi. (Principio biblico: Ecclesiaste 7:10.)

Guarda avanti. Pensare sempre al passato è come guidare la macchina con lo sguardo fisso sullo specchietto retrovisore. Dargli un’occhiata di tanto in tanto ti sarà utile, ma per il resto devi concentrarti sulla strada che hai davanti. Vale la stessa cosa quando affronti un cambiamento. Cerca di tenere lo sguardo rivolto al futuro (Proverbi 4:25). Ad esempio, quale obiettivo potresti raggiungere nel prossimo mese, o nei prossimi sei mesi?

Concentrati sui lati positivi. “La capacità di adattarti dipende dal tuo atteggiamento”, dice una ragazza che si chiama Laura. “Cerca i lati positivi nelle circostanze in cui ti trovi”. Riesci a individuare almeno un vantaggio che puoi trarre dal cambiamento? (Principio biblico: Ecclesiaste 6:9.)

Una ragazza di nome Victoria ricorda che quando era adolescente tutti i suoi amici più stretti si trasferirono. “Mi sentivo terribilmente sola e speravo che tutto tornasse come era una volta”, racconta. “Ma ora so che quello è stato il momento in cui ho iniziato davvero a crescere. Cominciai a capire che i cambiamenti sono fondamentali per la crescita. Inoltre, fu allora che mi resi conto che c’erano altre persone con cui potevo fare amicizia”. (Principio biblico: Proverbi 27:10.)

Pensare sempre al passato è come guidare la macchina con lo sguardo fisso sullo specchietto retrovisore

Impegnati per gli altri. La Bibbia dice di ‘guardare con interesse personale non solo alle cose nostre, ma anche con interesse personale a quelle degli altri’ (Filippesi 2:4). Quindi un ottimo rimedio per affrontare i tuoi problemi è quello di aiutare gli altri ad affrontare i loro. Anna, che ha 17 anni, dice: “Con il tempo mi sono resa conto che aiutare qualcuno che si trova in una situazione simile alla tua, o anche peggiore, ti fa sentire davvero bene!”

^ par. 11 In questo articolo alcuni nomi sono stati cambiati.