Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  N. 3 2016

 FRUTTO DI UN PROGETTO?

Il collo della formica

Il collo della formica

GLI ingegneri meccanici sono stupiti dalla capacità della formica di sollevare carichi molto più pesanti del suo stesso corpo. Per capire come ci riescono, gli ingegneri dell’Università Statale dell’Ohio (USA) hanno usato modelli computerizzati per analizzare con un processo di ingegneria inversa alcune caratteristiche anatomiche, proprietà fisiche e funzioni meccaniche delle formiche. I modelli sono stati creati utilizzando immagini ai raggi X in sezioni trasversali (scansioni micro-TC) e simulazioni delle forze generate da una formica quando porta dei pesi.

Una parte molto importante del corpo della formica è il collo, che deve sostenere l’intero peso dei carichi che la formica afferra con la bocca. I tessuti molli all’interno del collo della formica sono legati al rigido esoscheletro del torace e della testa in un modo che ricorda le dita di due mani che si intrecciano. “La conformazione e la struttura di questa connessione sono fondamentali per l’efficienza del collo”, dice uno dei ricercatori. “A quanto pare, il modo straordinario in cui tessuti molli e duri sono connessi ne rafforza l’unione, e potrebbe essere una caratteristica strutturale fondamentale che permette al collo di sostenere pesi così elevati”. I ricercatori sperano che una comprensione chiara del funzionamento del collo della formica favorisca ulteriori sviluppi nel campo della robotica.

Che ne dite? Il collo della formica con i suoi sistemi meccanici complessi e strutturati è un prodotto dell’evoluzione? O è frutto di un progetto?

Per saperne di più

LIBRI E OPUSCOLI

La vita: opera di un Creatore?

Come ha avuto origine la vita? La tua risposta a questa domanda è importantissima.