Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  N. 1 2017

Una donna saggia ascolta la propria coscienza

 IL PUNTO DI VISTA BIBLICO

Aborto

Aborto

Ogni anno i bambini mai nati a causa degli aborti volontari sono decine di milioni, un numero che supera la popolazione di molti paesi.

Una scelta personale o una questione morale?

COSA DICONO ALCUNI

 

Le donne abortiscono per difficoltà economiche, problemi di coppia, desiderio di continuare gli studi o di fare carriera, oppure per non essere ragazze madri. Altri, però, considerano moralmente sbagliato l’aborto, come se non ci si volesse assumere la responsabilità e l’obbligo morale di portare avanti la gravidanza.

COSA DICE LA BIBBIA

 

Agli occhi di Dio la vita è sacra, specialmente la vita umana (Genesi 9:6; Salmo 36:9). Questo vale anche per un bambino nel grembo materno, un luogo che Dio ha progettato perché il feto possa svilupparsi al sicuro. “Mi tenesti coperto nel ventre di mia madre”, disse uno scrittore della Bibbia. “I tuoi occhi videro perfino il mio embrione, e nel tuo libro ne erano scritte tutte le parti, riguardo ai giorni quando furono formate” (Salmo 139:13, 16).

Il modo in cui Dio considera la vita di un nascituro è evidente anche dalla Legge che diede alla nazione d’Israele e dalla coscienza di cui ci ha dotato. Secondo la Legge di Dio, chi urtava una donna incinta e provocava un aborto era soggetto alla pena di morte: avrebbe pagato la morte del nascituro con la propria vita (Esodo 21:22, 23). Ovviamente i giudici dovevano tener conto delle cause e delle circostanze dell’accaduto (Numeri 35:22-24, 31).

Gli esseri umani inoltre sono stati dotati di una coscienza. Quando una donna ascolta la propria coscienza, rispettando la vita del bambino che ha in grembo, si sente in pace con sé stessa. * Se invece non ne tiene conto, la coscienza può rimorderle o addirittura condannarla (Romani 2:14, 15). Diversi studi indicano infatti che chi abortisce ha un rischio maggiore di sviluppare ansia e depressione.

Che dire, però, se si è spaventati all’idea di crescere un figlio, specialmente quando la gravidanza non è voluta? Ecco la rassicurante promessa di Dio per coloro che si attengono lealmente ai suoi princìpi: “Con qualcuno leale agirai con lealtà; con l’uomo robusto [o la donna] senza difetto ti comporterai senza difetto” (Salmo 18:25). Nella Bibbia leggiamo anche che “Geova ama la giustizia, e non lascerà i suoi leali” (Salmo 37:28).

“La loro coscienza rende testimonianza con loro e, nei loro propri pensieri, sono accusati oppure scusati” (Romani 2:15)

 E se hai abortito?

COSA DICONO ALCUNI

 

Ruth, una mamma single, ha detto: “Avevo già tre bambini e non mi sentivo in grado di crescerne un quarto. Eppure, dopo aver abortito, capii che avevo fatto una cosa orribile”. * Ma l’aborto è un peccato che Dio non perdona?

COSA DICE LA BIBBIA

 

Gesù Cristo dimostrò di pensarla come Dio quando disse: “Io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori a pentimento” (Luca 5:32). Quando proviamo davvero rimorso per un errore, ci pentiamo e chiediamo perdono a Dio, lui ce lo concede di buon grado, anche quando si tratta di peccati gravi (Isaia 1:18). Salmo 51:17 dice: “Un cuore rotto e affranto, o Dio, tu non disprezzerai”.

Oltre a una coscienza pulita, Dio concede pace mentale a chi è addolorato per quello che ha fatto e si rivolge umilmente a lui in preghiera. Filippesi 4:6, 7 dice: “Le vostre richieste siano rese note a Dio con preghiera e supplicazione insieme a rendimento di grazie; e la pace di Dio che sorpassa ogni pensiero custodirà i vostri cuori e le vostre facoltà mentali”. * Dopo aver studiato la Bibbia e aver espresso i suoi sentimenti a Dio, Ruth riuscì ad avere questa pace mentale. Capì che presso Dio “c’è il vero perdono” (Salmo 130:4).

“[Dio] non ci ha fatto nemmeno secondo i nostri peccati; né secondo i nostri errori ha recato su di noi ciò che meritiamo” (Salmo 103:10)

^ par. 10 L’aborto non è giustificato se la salute della madre o del bambino potrebbe essere in pericolo. Se al momento del parto una coppia deve scegliere fra la vita della madre e quella del bambino, la decisione di cosa fare spetta ai diretti interessati. Comunque, in molti paesi i progressi in campo medico hanno reso molto rara questa evenienza.

^ par. 15 Il nome è stato cambiato.

^ par. 18 Anche la speranza della risurrezione può contribuire alla pace mentale di una persona. Vedi “Domande dai lettori” nella Torre di Guardia del 15 aprile 2009, in cui vengono trattati alcuni princìpi biblici riguardanti la speranza della risurrezione per un bambino che muore nel grembo materno.