Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  agosto 2015

 IL PUNTO DI VISTA BIBLICO

Tolleranza

Tolleranza

Accettare, perdonare e tollerare: sono tutte cose che promuovono relazioni pacifiche. Ma fino a che punto si dovrebbe essere tolleranti?

Qual è il segreto per diventare più tolleranti?

LA REALTÀ DI OGGI

Nel mondo il vento dell’intolleranza soffia sempre più forte, alimentato da fattori come pregiudizio razziale ed etnico, nazionalismo, tribalismo ed estremismo religioso.

COSA DICE LA BIBBIA

Durante il suo ministero, Gesù Cristo era circondato dall’intolleranza. In particolare tra ebrei e samaritani regnava l’odio (Giovanni 4:9). Gli uomini trattavano le donne come esseri inferiori. E i capi religiosi ebrei disprezzavano la gente comune (Giovanni 7:49). Gesù Cristo si comportò in modo completamente diverso. “Quest’uomo accoglie i peccatori e mangia con loro”, dicevano i suoi oppositori (Luca 15:2). Gesù era buono, paziente e tollerante perché era venuto non per giudicare le persone ma per sanarle in senso spirituale. Agiva in questo modo perché era motivato principalmente dall’amore (Giovanni 3:17; 13:34).

Gesù fu un esempio in quanto a mostrare tolleranza: era venuto non per giudicare le persone, ma per sanarle in senso spirituale

L’amore è il segreto per diventare più tolleranti: ci permette di aprire il nostro cuore agli altri nonostante i loro difetti e le loro caratteristiche sgradevoli. Colossesi 3:13 dice: “Continuate a sopportarvi gli uni gli altri e a perdonarvi liberalmente gli uni gli altri se qualcuno ha motivo di lamentarsi contro un altro”.

“Soprattutto, abbiate intenso amore gli uni per gli altri, perché l’amore copre una moltitudine di peccati” (1 Pietro 4:8)

 Perché la tolleranza deve avere un limite?

LA REALTÀ

Generalmente all’interno di una comunità si cerca di far rispettare la legge e mantenere l’ordine. Il risultato è che si stabiliscono dei limiti ragionevoli al comportamento.

COSA DICE LA BIBBIA

L’amore “non si comporta indecentemente” (1 Corinti 13:5). Anche se Gesù fu un esempio in quanto a mostrare tolleranza non condonò l’indecenza, l’ipocrisia o qualsiasi altro comportamento malvagio. Al contrario condannò con coraggio tali atteggiamenti (Matteo 23:13). Disse: “Chi pratica cose vili odia la luce [della verità]” (Giovanni 3:20).

L’apostolo Paolo scrisse: “Detestate il male, attaccatevi al bene” (Romani 12:9, CEI). Egli visse in armonia con quelle parole. Ad esempio, quando alcuni cristiani ebrei si rifiutarono di stare in compagnia di credenti non ebrei, Paolo, che pure era ebreo, intervenne in modo gentile ma fermo (Galati 2:11-14). Sapeva che “Dio non è parziale”, e che pertanto non avrebbe tollerato pregiudizi razziali all’interno del suo popolo (Atti 10:34).

Essendo cristiani, i Testimoni di Geova si rivolgono alla Bibbia per avere una guida in campo morale (Isaia 33:22). Per questa ragione non tollerano fra loro la presenza di persone malvage. La pura congregazione cristiana non deve essere contaminata da persone che deviano dalle norme di Dio. Perciò i Testimoni ubbidiscono a questo chiaro comando biblico: “Rimuovete l’uomo malvagio di fra voi” (1 Corinti 5:11-13).

“O voi che amate Geova, odiate ciò che è male” (Salmo 97:10)

Dio tollererà per sempre il male?

COSA CREDONO MOLTI

Dato che fa parte della natura umana, il male ci sarà sempre.

COSA DICE LA BIBBIA

Il profeta Abacuc si rivolse a Geova Dio in preghiera con queste parole: “Perché [...] continui a guardare il semplice affanno? E perché la spoliazione e la violenza sono di fronte a me, e perché c’è lite, e perché si contende?” (Abacuc 1:3). Volendo fugare le preoccupazioni del profeta, Dio gli promise che avrebbe punito le persone malvage. Parlando di quella promessa Dio disse: “Si avvererà immancabilmente. Non tarderà” (Abacuc 2:3).

Nel frattempo, i malvagi hanno l’opportunità di cambiare. “Pensate che io abbia piacere nel vedere morire un uomo malvagio? Io, Dio, il Signore, dichiaro che desidero, invece, vederlo cambiare comportamento e vivere” (Ezechiele 18:23, Parola del Signore). Coloro che ricercano Geova cambiando comportamento possono guardare al futuro con fiducia. “Chi mi ascolta, risiederà al sicuro e sarà indisturbato dal terrore della calamità”, assicura Proverbi 1:33.

“Ancora un poco, e il malvagio non sarà più [...] I mansueti stessi possederanno la terra, e in realtà proveranno squisito diletto nell’abbondanza della pace” (Salmo 37:10, 11)

Per saperne di più

LA TORRE DI GUARDIA

Che tipo di persona è Dio?

Cosa sai di Dio? Come puoi conoscerlo meglio?

LA TORRE DI GUARDIA

Disgrazie e sofferenze: Cosa farà Dio?

L’idea di vivere in un mondo dove le disgrazie non ci saranno più ti affascina?