Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  gennaio 2015

 AIUTO PER LA FAMIGLIA | RAGAZZI

Impara a controllare la rabbia

Impara a controllare la rabbia

LA SFIDA

“Ho urlato contro mia sorella e poi ho spinto la porta così forte che il gancio che era dietro si è conficcato nella parete. Quel buco nel muro mi ricordava sempre quanto fossi stata immatura” (Diane) *

“Gli ho gridato ‘sei un pessimo padre!’ e ho sbattuto la porta. Ma un attimo prima che si chiudesse ho visto lo sguardo ferito sul volto di mio padre... avrei voluto tornare indietro immediatamente e rimangiarmi tutto” (Lauren)

Ti sei mai sentito come Lauren o Diane? In tal caso, questo articolo ti sarà utile.

COSA DOVRESTI SAPERE

Le esplosioni di rabbia rovinano la tua reputazione. “Credevo che gli altri dovessero accettare i miei scatti d’ira”, dice Briana che ha 21 anni. “Ma poi mi sono resa conto che quando le persone perdono l’autocontrollo sembrano ridicole, e questo mi ha ferita perché era proprio così che io apparivo agli altri!”

La Bibbia dice: “Chi presto si adira commetterà stoltezza” (Proverbi 14:17).

Proprio come un vulcano in eruzione fa scappare le persone, similmente chi è sempre sul punto di esplodere allontana gli altri

La tua rabbia potrebbe allontanare gli altri. Daniel, che ha 18 anni, dice: “Quando perdi le staffe, perdi anche la dignità e il rispetto di quelli che ti sono vicini”. Elaine, anche lei diciottenne, è d’accordo e aggiunge: “Un carattere irascibile non attira le persone, le spaventa”.

La Bibbia dice: “Non ti accompagnare con chi si dà all’ira; e non entrare con l’uomo che ha accessi di furore” (Proverbi 22:24).

Puoi migliorare. “Non puoi sempre controllare come una situazione influisce sul tuo stato d’animo”, dice Sara che ha 15 anni, “però puoi controllare il modo in cui esprimi i tuoi sentimenti. Non devi per forza esplodere”.

La Bibbia dice: “Chi è lento all’ira è migliore di un uomo potente, e chi controlla il suo spirito di uno che cattura una città” (Proverbi 16:32).

 COSA PUOI FARE

Stabilisci un obiettivo. Invece di dire “sono fatto così”, stabilisci un periodo di tempo in cui migliorare, magari sei mesi. In quell’arco di tempo annota i tuoi progressi. Ogni volta che hai uno scoppio d’ira scrivi (1) cosa è successo, (2) come hai reagito e (3) come sarebbe stato meglio reagire e perché. In base a questo, prefiggiti di reagire nel modo migliore la prossima volta che qualcosa ti irriterà. Un suggerimento: annota anche le volte in cui hai mostrato autocontrollo e descrivi quanto ti sei sentito bene. (Principio biblico: Colossesi 3:8.)

Aspetta prima di reagire. Quando qualcuno o qualcosa ti fa arrabbiare, non dire la prima cosa che ti passa per la testa. Aspetta e se ti può aiutare fai un respiro profondo. Erik, che ha 15 anni, dice: “Fare dei respiri profondi mi dà il tempo di pensare prima di dire qualcosa di cui potrei pentirmi”. (Principio biblico: Proverbi 21:23.)

Cambia prospettiva. A volte potresti arrabbiarti perché vedi la faccenda da un solo punto di vista, il tuo. Ma prova a considerare anche i sentimenti degli altri. Una ragazza che si chiama Jessica dice: “Dietro a un comportamento particolarmente scortese, di solito c’è una spiegazione valida che mi aiuta a essere comprensiva”. (Principio biblico: Proverbi 19:11.)

Se necessario, vai via. La Bibbia dice: “Vattene [...] prima che la lite sia scoppiata” (Proverbi 17:14). Come indica il versetto, a volte la cosa migliore da fare è andare via quando capisci che una situazione potrebbe degenerare. Quindi, piuttosto che rimuginare sulla questione e lasciare che la tua rabbia aumenti, fai qualcos’altro. “L’esercizio fisico mi aiuta ad allentare la tensione e mi trattiene dal perdere le staffe”, dice una ragazza di nome Danielle.

Impara a lasciar perdere. La Bibbia dice: “Agitatevi, ma non peccate. Abbiate il vostro dire nel vostro cuore [...] e tacete” (Salmo 4:4). Di per sé non è sbagliato se ti senti nervoso, ma il punto è: cosa deciderai di fare? “Se permetti che le provocazioni di una persona ti irritino, le permetti di avere il controllo su di te”, dice un ragazzo di nome Richard. “Perché non provare invece a comportarsi in modo maturo chiudendo un occhio sulla questione?” Così facendo, sarai tu a controllare la rabbia, e non la rabbia a controllare te.

^ par. 4 In questo articolo alcuni nomi sono stati cambiati.

Per saperne di più

SVEGLIATEVI!

Perché io e i miei non ci capiamo?

Sembra che tu e i tuoi vi scontriate su tutto: ora di rientro, musica, amicizie, vestiti. Cosa ti può aiutare?

SVEGLIATEVI!

Come essere più pazienti

Vinci l’impazienza e le sue conseguenze in quattro semplici passi.