Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  maggio 2014

La sapienza continua a chiamare: Riuscite a sentirla?

La sapienza continua a chiamare: Riuscite a sentirla?

“Non continua la sapienza a chiamare, e non continua il discernimento ad alzare la voce? In cima alle alture, per via, all’incrocio delle strade si è posta. [...] Nel luogo d’accesso delle entrate, continua a gridare forte” (PROVERBI 8:1-3).

LA SAPIENZA è inestimabile. Senza di essa agiremmo continuamente in maniera insensata. Ma dove si può trovare la vera sapienza? Quando scrisse le parole citate sopra, lo scrittore del libro di Proverbi aveva in mente l’ineguagliabile sapienza del Creatore. La Sua sapienza è resa disponibile a tutta l’umanità attraverso la Bibbia, un libro davvero speciale. Riflettiamo su quanto segue:

  • La Bibbia è “il libro maggiormente diffuso della storia”, riporta un’enciclopedia. “È stata tradotta più volte e in più lingue di qualsiasi altro libro” (The World Book Encyclopedia). La Bibbia è ora disponibile, per intero o in parte, in quasi 2.600 lingue, ed è quindi accessibile a oltre il 90 per cento della popolazione mondiale.

  • La sapienza ‘continua a chiamare’ in un senso ancora più letterale. In Matteo 24:14 si legge: “Questa buona notizia del regno sarà predicata in tutta la terra abitata, in testimonianza a tutte le nazioni; e allora verrà la fine” del mondo attuale.

Questa “buona notizia” è vera sapienza perché indica il saggio provvedimento con cui Dio risolverà i problemi dell’uomo: il Suo Regno. In questo modo, Dio governerà l’intera terra: un mondo sotto un unico governo (Daniele 2:44; 7:13, 14). È per questo che Gesù Cristo pregò: “Venga il tuo regno. Si compia la tua volontà, come in cielo, anche sulla terra” (Matteo 6:9, 10).

I Testimoni di Geova considerano un vero onore annunciare il Regno di Dio in 239 paesi. La sapienza, ovvero la sapienza divina, in effetti continua a “chiamare”, anche “nel luogo d’accesso delle entrate”. Riuscite a sentirla?