Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

Svegliatevi!  |  dicembre 2013

La vanessa del cardo: un mistero svelato

La vanessa del cardo: un mistero svelato

LA VANESSA DEL CARDO (Vanessa cardui) è una farfalla europea da sempre ammirata per i suoi bellissimi colori. Finora però non si capiva cosa le succedesse al termine di ogni estate. Ci si chiedeva se con l’arrivo dei rigori invernali semplicemente morisse. Recenti ricerche hanno rivelato una storia straordinaria: ogni anno questa farfalla si sposta fra l’Europa settentrionale e l’Africa.

Alcuni ricercatori hanno confrontato le rilevazioni di sofisticate apparecchiature radar con migliaia di avvistamenti effettuati da volontari sparsi in varie parti d’Europa. È emerso che verso la fine dell’estate milioni di vanesse del cardo migrano verso sud, ma non vengono quasi mai avvistate perché volano perlopiù a oltre 500 metri di altezza. Queste farfalle attendono l’arrivo di venti favorevoli, dai quali si lasciano trasportare ad una velocità media di 45 chilometri orari fino a raggiungere la lontana Africa. Si tratta di un viaggio annuale che inizia nell’estremo nord, vicino all’Artide, e termina solo quando viene raggiunto il clima tropicale dell’Africa occidentale. Questo tragitto, che può arrivare fino a 15.000 chilometri, è quasi due volte quello percorso dalla farfalla monarca del Nordamerica. Durante il viaggio di andata e ritorno si succedono sei generazioni di vanesse.

La professoressa Jane Hill dell’Università di York, in Inghilterra, spiega: “La vanessa del cardo non si ferma mai: si riproduce e si sposta in continuazione”. Così facendo, ogni anno l’intera popolazione si sposta avanti e indietro fra l’Europa settentrionale e l’Africa.

“Questa piccolissima creatura, che pesa meno di un grammo e ha un cervello piccolo come la capocchia di uno spillo, benché non possa imparare da farfalle più grandi ed esperte, compie un’eroica migrazione intercontinentale”, dice Richard Fox della Butterfly Conservation, un’organizzazione naturalista britannica. “Un tempo si pensava che questo insetto fosse alla mercé dei venti, che lo spingevano nell’evolutivo vicolo cieco del letale inverno britannico”, aggiunge Fox. Ma questo studio “ha svelato che la vanessa del cardo è una viaggiatrice molto esperta”.